Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
  

Le immagini dell’insicurezza


Pubblicità
Sicurezza e salute sul lavoro
Per comprendere le componenti psicologiche della percezione del rischio

 

Brescia, 1 Giu - Questa settimana e la prossima le dedichiamo ad un comportamento che pensavo ormai “abbandonato”, ma che nel corso degli ultimi giorni ho avuto modo di rilevare più volte: lo spostamento di materiali “sfusi” depositati in contenitori non idonei, ovvero il classico bidone riadattato.

 

Già in passato, era il novembre 2011, avevamo affrontato l’argomento in un articolo relativo alle immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no dal titolo: Movimentazione materiali? Il classico bidone!

 

L’operazione è abbastanza semplice: si taglia o rimuove il coperchio di un fusto metallico (generalmente utilizzato per il trasporto e lo stoccaggio di merci varie quale olio, grasso, ecc), si fanno due fori laterali per il passaggio di catene, ganci o fil di ferro ed il contenitore per il trasporto di materiali sfusi è pronto.

 

 

 

 

 

Peccato che la sicurezza non vada di pari passo rispetto a questa semplice operazione e il rischio di cedimento è certamente molto elevato.

 

Se poi la movimentazione viene fatta anche utilizzando delle catene semplicemente infilate nelle forche di un “ muletto” ecco che il livello di rischio aumenta notevolmente.

 

Da notare che anche la manovra eseguita ad una discreta velocità fa oscillare in modo abbastanza rilevante l’improvvisato contenitore con ulteriore innalzamento dei rischi.

 

Che dire? Qualcuno ha proprio fatto il “classico bidone” alle regole della sicurezza!

 

   

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS e Responsabile Comitato AiFOS COSTRUZIONI

 

Fonte: SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni.



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!

Ti potrebbero interessare anche


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: