Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
  

Il regolamento CLP e gli stabilimenti a rischio di incidente rilevante

Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 Industria
04/03/2011: Le conseguenze dell’adozione del regolamento CLP su classificazione, etichettatura e imballaggio di sostanze e miscele chimiche. Gli obblighi per i gestori degli stabilimenti, le proposte europee e un possibile nuovo allegato alla Direttiva Seveso.
Pubblicità

 
 
PuntoSicuro ha presentato qualche settimana fa gli atti del convegno nazionale " Applicazione del Regolamento CE 1272/2008: classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e delle miscele e ricadute nella legislazione correlata", convegno che si è tenuto a Roma il 13 maggio 2010 ed è stato organizzato dal Centro Nazionale Sostanze Chimiche ( CSC) dell’Istituto Superiore di Sanità ( ISS).
 
Ricordiamo che il regolamento n. 1272/2008 (regolamento CLP) indica i nuovi parametri per la classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze e delle miscele chimiche. E ha disposizioni che si attuano progressivamente: ad esempio a decorrere dal primo dicembre 2010 e fino al primo giugno 2015 le sostanze dovranno essere classificate in conformità sia della direttiva 67/548/CEE sia del regolamento CLP, ma etichettate e imballate in conformità del regolamento CLP.
 
Per conoscere meglio le conseguenze del regolamento CLP, ci soffermiamo su un intervento presentato nella prima sessione del convegno: “Direttiva Seveso: possibili modifiche a seguito dell’entrata in vigore del Regolamento CLP”, a cura di Paolo Ceci.

Pubblicità
Il rischio chimico
Modello di corso su Slide in formato PPT con documenti di gestione del corso per formatori sulla sicurezza

 
Il documento ricorda che tra i settori specifici che possono risentire maggiormente dell’introduzione del CLP-GHS (il regolamento CLP traspone in Europa il Globally Harmonized System) è bene sottolineare quello dei “rischi di incidenti rilevanti”. Settore che in Europa è regolato con la cosiddetta “ Direttiva Seveso II” (Direttiva 96/82/CE e s.m.i.), “la quale assoggetta alle proprie disposizioni quegli stabilimenti industriali in cui sono o possono essere presenti s ostanze classificate ‘pericolose’ in quantitativi superiori a determinati limiti di soglia”. E tali sostanze sono considerabili pericolose “quando determinate categorie di pericolo previste dalla classificazione europea corrispondono alle specifiche indicazioni dell’allegato alla direttiva”.
 
L’autore ricorda che la Direttiva Seveso II - recepita in Italia dai D. Lgs. 334/1999 e D. Lgs. 238/2005 – prevede che la “specifica disciplina per il controllo dei rischi di incidente rilevante si applichi a quegli stabilimenti in cui possono essere presenti o sono presenti sostanze pericolose in quantitativi superiori a specifici limiti di soglia”.
In particolare queste norme  individuano “34 sostanze specifiche (tra cui alcune “famiglie” quali ad esempio i composti del nichel e i prodotti petroliferi) e 10 categorie di sostanze o preparati la cui presenza reale o prevista in uno stabilimento lo assoggetta potenzialmente alla disciplina Seveso. E proprio queste 10 categorie risentiranno in primis dell’introduzione del CLP-GHS
.
In riferimento ai 525 stabilimenti a “alto rischio” di incidente rilevante e ai 576 stabilimenti a “basso rischio” di incidente rilevante in Italia (dati del 30 aprile 2010), vediamo quali sono, in breve, i principali obblighi per i gestori degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante:
- “trasmettere una ‘Notifica’ al Ministero dell’Ambiente, alla Regione, alla provincia, al Comune, al Prefetto e all’Autorità Competente per l’Istruttoria Tecnica (il Comitato Tecnico Regionale, CTR), e al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco (art. 6 del DL.vo 334/1999 e s.m.i.)”: notifica che deve contenere diverse informazioni (notizie che consentono di individuare le sostanze pericolose o la categoria di sostanze pericolose, la loro quantità e la loro forma fisica, l’attività in corso o prevista, l’ambiente immediatamente circostante lo stabilimento e gli elementi che potrebbero causare un incidente rilevante o aggravarne le conseguenze, …);
 - predisporre la ‘Scheda di informazione sui rischi di incidente rilevante per i cittadini e i lavoratori’ e trasmetterla, contestualmente alla notifica, ai medesimi destinatari (art. 6 del DL.vo 334/1999 e s.m.i.);
- “redigere il ‘Documento’, da conservare in stabilimento a disposizione delle autorità competenti per le misure di controllo, che definisce la politica di prevenzione degli incidenti rilevanti e contiene il programma per l’attuazione del Sistema di Gestione della Sicurezza ( SGS)”;
- attuare il SGS. “In particolare propedeuticamente al SGS il gestore dovrà effettuare un’analisi dei potenziali rischi del proprio stabilimento, anche in funzione del Piano di Emergenza Interno che è parte integrante del SGS” (“il ‘Documento’ e il SGS sono oggetto di specifiche verifiche ispettive da parte delle Regioni, e in attesa dell’attuazione della Legge Bassanini in materia, dal Ministero dell’Ambiente limitatamente agli stabilimenti ad “alto rischio” di incidente rilevante di cui all’articolo 8 del DL.vo 334/1999 e s.m.i.”);
 - “trasmettere, alla Prefettura e alla Provincia competenti, le informazioni utili per la predisposizione del Piano di Emergenza Esterna”.
I gestori degli stabilimenti ad “ alto rischio” di incidente rilevante debbono anche: 
- “predisporre il ‘Rapporto di Sicurezza’ (RdS), contenente tra l’altro le risultanze dell’analisi dei rischi e le relative misure di sicurezza, e trasmetterlo al CTR per l’Istruttoria Tecnica”;
- predisporre, “ai fini dell’accessibilità delle informazioni al pubblico”, un’adeguata edizione del RdS”.
 
Arrivando alle conseguenze del regolamento CLP-GHS è evidente “come la trasposizione del campo di applicazione della Direttiva Seveso II nell’ ‘alfabeto’ del CLP-GHS, non potendo essere biunivoca, deve necessariamente passare per una concertazione, a livello europeo, di nuovi accorpamenti delle tipologie di sostanze pericolose, e anche della relativa quantificazione dei limiti di soglia ad esse associate; ovviamente nella puntuale identificazione delle ‘nuove famiglie’ di sostanze pericolose gli accorpamenti potranno/dovranno essere affiancati dalla disaggregazione/suddivisione in sotto categorie con differenti limiti di soglia”.
Ed infatti la Commissione europea e il Committee of Competent Authorities (CCA) responsible for the implementation of Directive 96/82/EC hanno attivato uno specifico Technical Working Group (TWG) finalizzato proprio alla predisposizione della “traduzione” CLP-GHS dell’Allegato I alla Direttiva Seveso.
 
In particolare il TWG ha “predisposto un report tecnico e una proposta di ‘nuovo’ allegato corredata da valutazioni tecniche e proposte alternative per i casi maggiormente complessi e dibattuti”.
Se è ancora in corso la stesura finale di tale proposta, è stato invece concluso uno specifico impact assessment commissionato dalla Commissione europea e “sulla base di tali documenti la Commissione europea formulerà la propria proposta di emendamento alla direttiva al Parlamento e al consiglio europeo”.
 
Nell’intervento è presentata, sulla base dei medesimi documenti, un possibile “prossimo” Allegato I, parte 2 alla Direttiva Seveso.
In tale tabella – che vi invitiamo a visionare nel documento originale – “sono presentate, secondo l’attuale ripartizione, le ‘vecchie’ e le ‘nuove’ categorie di sostanze pericolose soggette alla Direttiva Seveso, unitamente ai relativi limiti di soglia”, inoltre sono evidenziate le “proposte multiple ed eventuali note esplicative/aggiuntive”.
 
 
“Direttiva Seveso: possibili modifiche a seguito dell’entrata in vigore del Regolamento CLP”, Paolo Ceci (Istituto Inquinamento Atmosferico, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Montelibretti e Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare, Roma), intervento al convegno nazionale ‘Applicazione del Regolamento CE 1272/2008: classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e delle miscele e ricadute nella legislazione correlata’, contenuto nel “ Rapporto ISTISAN 10/42 – atti del convegno ‘Applicazione del Regolamento CE 1272/2008: classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e delle miscele e ricadute nella legislazione correlata’ - Istituto Superiore di Sanità”, a cura di Francesca Marina Costamagna, Ida Marcello e Paola Di Prospero (Centro Nazionale Sostanze Chimiche) (formato PDF, 595 kB).
 
 
 
Tiziano Menduto
 
 

 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!

Ti potrebbero interessare anche


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: