Una situazione nera

Brescia, 13 Apr - Con le immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no da oltre sette anni stiamo affrontato il tema della sicurezza o per meglio dire della mancanza di sicurezza. Foto significative che ci mostrano tanti potenziali infortuni ma oggi abbiamo pensato di fermaci a riflettere su quanto sta avvenendo. Non sappiamo se le continue notizie relative ad incidenti mortali sul lavoro siano
  • il frutto di una maggiore sensibilità da parte degli organi di stampa, che riportano notizie che prima non venivano riportate,
  • il frutto di una piccola o media ripresa del mercato del lavoro, che porta a lavorare persone meno preparate dal punto di vista della sicurezza,
  • il frutto di una peggior situazione economica, che porta a diminuire l’adozione di opere di protezione, ridurre la manutenzione o la sostituzione di macchinari ed attrezzature, aumentare i ritmi lavorativi,
  • il frutto…..

 

Pubblicità
MegaItaliaMedia

 

Tra tanti dubbi, però una certezza l’abbiamo: gli infortuni mortali sul lavoro sono un dato costante che nonostante

  • normative (magari troppe o troppo difficili da capire),
  • formazione (a volte eseguita in maniera troppo superficiale),
  • verifiche e controlli (forse troppo pochi o troppe volte incentrati prevalentemente su aspetti amministrativo/burocratici e meno su aspetti sostanziali)
  • non accennano a diminuire in maniera rilevante o ancor peggio risultano in aumento.

 

Ed ecco allora perché oggi ci fermiamo a riflettere su una situazione che certamente è nera, molto nera.

 

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS

 

Fonte: SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni.

 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum di PuntoSicuroEntra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

Condividi sui Social Network

Stampa o esporta in PDF

stampa articolo  esporta articolo in PDF

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: