Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza: quando manca qualcosa, nuova situazione

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Brescia, 22 Nov - La scorsa settimana nella rubrica delle immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no abbiamo affrontato la tematica legata allo scorretto utilizzo di un’attrezzatura di sollevamento per portare in quota materiali e persone.

 

Le fotografie di oggi, inviate da due colleghi, vanno oltre e presentano il posizionamento all’interno di un edificio di un miniescavatore.

  

Pubblicità
MegaItaliaMedia

 

All’apparenza il lavoro sembra abbastanza tranquillo e di routine:

  • Un carrello elevato a braccio telescopico con un sistema di verricello montato sul braccio,
  • Un miniescavatore da “inserire” all’interno di un edificio,
  • Un piano di appoggio (ponte di carico) sul quale appoggiarlo per la traslazione all’interno dell’edificio.
  • Ed anche questa volta quello che impressiona sono i dettagli della lavorazione in corso:
  • Il piano di appoggio (ponte di carico) è costituito da alcune tavole in legno posizionate tra l’edificio ed un ponteggio, già visivamente ci si rende conto dell’insufficiente dimensionamento di questo ponte di carico,
  • Il ponteggio, di supporto al “tavolato” ed ai lavoratori, ha un’altezza di circa 10-12 mt e risulta incompleto in molti dei sui elementi,
  • E’ evidente che il ponteggio non è adeguato al carico che sta per essere posizionato su di esso,

 

 

 

Ed allora non mi resta che “replicare” i tanti dubbi espressi nell’articolo della scorsa settimana, tra i quali:

  • La mancata progettazione di questo aspetto della sicurezza all’interno del cantiere
  • La mancata conoscenza delle procedure di lavoro (sempre che ci siano)
  • La mancata presa di coscienza dei rischi a cui il lavoratore si sta esponendo
  • La mancata conoscenza di obblighi e divieti
  • La mancata vigilanza e controllo da parte dei vari soggetti che dovrebbero vigilare e controllare (in primis i datori di lavoro ed i preposti)
  • La Mancata formazione o formazione solo formale e non efficace

 

Naturalmente il fatto che i lavoratori non abbiano D.P.I. diventa l’elemento di minor pericolo, ma sono allo stesso tempo la conferma della totale anarchia di questo cantiere.

 

Chiudo con una domanda: ma qualcuno avrà valutato anche il carico dinamico che il miniescavatore eserciterà sul solaio dove opererà?

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS    

 

Fonte:    SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!