Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza: anno nuovo, nulla cambia

Brescia, 10 Gen - Come ormai tradizione, durante le feste natalizie SICURELLO.no si prende il tempo di andare per negozi e centri commerciali per curiosare un po’. E come ormai tradizione anche quest’anno la sua curiosità è stata negativamente appagata: in materia di uscite di emergenza, vie di fuga, fruibilità dei presìdi antincendio ancora non ci siamo.

 

Se durante l’anno sono numerosi i casi nei quali le uscite di sicurezza risultano inavvicinabili (e di questo ne abbiamo più volte portato testimonianza anche recentemente), nel periodo natalizio, vuoi per l’aumento dei prodotti da esporre o di quelli in magazzino, i luoghi “aperti” e “sgombri” diventano a tutti gli effetti un invito per posizionare merci, espositori e quant’altro.

 

 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 

 

Sono decine i casi che abbiamo visto in questi giorni e dai quali abbiamo selezionato le immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi. Si tratta di punti vendita all’interno di Centri Commerciali che nel periodo natalizio sono come tradizione presi d’assalto dagli utenti, ragione per la quale sarebbe importante avere le vie di esodo e le uscite di sicurezza sgombre, così come anche i presìdi antincendio dovrebbero essere facilmente accessibili ed utilizzabili.

 

Ecco allora le fotografie di oggi.

 

 

 

 

 

 

Partiamo dal percorso verso l’esodo che vede una quantità notevole di oggetti presenti che vanno da merci in esposizione ad un carrello per la movimentazione dei materiali a bancali, appendiabiti (completi di accappatoi), una sedia con tanto di quadretto esposto su di essa, una poltrona e tanto altro.

 

Parlando di presìdi per la gestione di eventuali incendi è interessante vedere come l’estintore sembra messo in gabbia, in realtà è visibile attraverso la grata dell’espositore che gli è stato posizionato davanti. Idem per l’idrante. Se non ci fossero in bella vista i cartelli con i relativi pittogrammi, più che una gestione dell’emergenza si potrebbe trasformare in una caccia al tesoro. Come detto più volte la facile accessibilità ad estintori e manichette risulta fondamentale in caso di incendio e nella situazione documentata non si può certamente affermare che l’accessibilità sia garantita.

 

Chiudiamo l’articolo di oggi con la classica domanda: ma chi controlla?

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS    

 

Fonte: SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni    



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!