Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza


 

Brescia,  24 Nov - Il  dubbio che i lavoratori abbiano giocato ai dadi su chi doveva indossare l’imbrago è sorto a chi ha scattato le immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi.

 

Il motivo è presto detto: sono due i lavoratori con rischio di caduta dall’alto che dovrebbero indossare l’imbrago, ma solo uno ne è dotato e forse è anche quello che, pur obbligato, in quel momento corre meno rischi.

 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 

Le fotografie sono eloquenti: durante dei lavori di manutenzione della facciata di un edificio un operaio rimane all’interno della navicella della piattaforma di lavoro elevabile, mentre l’altro - dopo essere sbarcato - continua l’attività lavorativa su un cornicione.

 

 

 

 

 

 

Il DPI anticaduta è indossato dall’operatore che rimane nella navicella, mentre l’altro che esegue l’attività in uno spazio particolarmente complesso (cornicione molto stretto, necessità di assumere una posizione non ideale, rischio di urto contro gli elementi lapidei superiori, …) e con elevatissimo rischio di caduta dall’alto, indossa il solo elmetto di protezione.

 

Oltre all’inaccettabile lavorazione con rischio di caduta dall’alto, altre evidenziazioni possono essere fatte, tra le quali citiamo:

  • lo sbarco in quota da una PLE che non lo permetterebbe,
  • le modalità di sollevamento dei materiali, con un sistema corda/carrucola agganciato al parapetto della piattaforma.

Forse più che giocarsi ai dadi i DPI, in questo caso qualcuno si è giocato ai dadi la propria salute e sicurezza. Ed anche il cinturone che indossa l’operaio sul cornicione non è certamente idoneo a contenere la sua eventuale caduta, nemmeno se fosse ancorato ad un punto sicuro (cosa che comunque non era stata fatta).

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS e Responsabile Comitato AiFOS COSTRUZIONI

 

 

Fonte: SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni.


 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Mario Rossi - likes: 0
25/11/2016 (09:06:21)
Dalla foto 5 si evince chiaramente che l'uomo in giallo indossa un imbrago da alpinismo! Certo, non è idoneo per l'attività lavorativa e non è possibile discriminare se il lavoratore è assicurato da qualche parte, ma non si può certo dire che non indossi il DPI!
Rispondi Autore: anonimo - likes: 0
28/11/2016 (14:12:43)
io non conosco l'imbrago da alpinismo che si vedrebbe nella foto 5, vedo dei "moschettoni" ma nessun imbracatura. "forse" potrebbe indossare una cintura, ma sappiamo bene che in caso di caduta, un paio di metri gli farebbe acquistare una velocità tale da rimanere, con lo strappo (magari in assenza di un dissipatore) gravemente infortunato

Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!