Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Crea PDF

Le immagini dell’insicurezza

Le immagini dell’insicurezza
Stefano Farina

Autore: Stefano Farina

Categoria: Le immagini dell'insicurezza

01/08/2014

Scale portatili: situazioni di insicurezza – “una monografia” in più parti dedicata ai vari aspetti dell’insicurezza relativa all’utilizzo delle scale portatili. Prima parte: la manutenzione delle scale – le cerniere.

   
 
Trento, 01 Ago - A partire dal numero odierno riprendiamo ed approfondiamo una tematica che più volte abbiamo già affrontato nelle foto dell’insicurezza di SICURELLO.no, ovvero le scale portatili ed i rischi connessi al loro utilizzo.
 
Numerose sono ormai le tipologie costruttive e le soluzioni “tecnologiche” presenti sul mercato, è quindi necessario effettuare i controlli e la manutenzione delle scale secondo le istruzioni del fabbricante prestando particolare attenzione a:
    - controllo dell’integrità dei componenti della scala:
  • montanti,
  • gradini o pioli,
  • dispositivo di sicurezza contro l’apertura,
  • cerniere o snodi,
  • sistemi di fermo o bloccaggio,
  • eventuali staffe,
  • eventuale piattaforma superiore,
  • eventuale guardacorpo superiore,
  • zoccoli antiscivolo (o sistemi analoghi),
  • accoppiamenti tra i vari componenti costituenti la scala
  • ecc.
ed inoltre prima dell’ utilizzo della scala, oltre a quanto sopra, è necessario verificare anche:
 
E’ altresì fondamentale non manutentare la scala utilizzando elementi non coerenti con la scala stessa (listelli di legno fissati con chiodi, cerniere bloccate con filo di ferro, viti e bulloni originali rimpiazzati con viti autofilettanti da cartongesso, ecc.), o realizzare scale/sgabelli in modo artigianale e/o improvvisato.

Pubblicità
Scale: utilizzo in sicurezza in DVD
Formazione sui rischi specifici per chi utilizza scale in ufficio, nel magazzino, nella grande distribuzione (Art. 37 D.Lgs. 81/08) in DVD
 
 
Molte volte quanto sopra riportato risulta non essere minimamente rispettato e gli esempi che vi andremo a proporre illustrano le situazioni che si riscontrano troppo frequentemente.
 
Partiamo ad analizzare alcune delle situazioni citate partendo da una delle carenze che si riscontrano più spesso per quanto riguarda le scale in legno, ovvero la manutenzione delle cerniere.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
Uno dei punti critici relativo alle cerniere riguarda il fissaggio delle stesse ai montanti della scala. Normalmente i produttori utilizzano dei bulloni con rondella e dado di serraggio. Purtroppo l’utilizzo e la mancata manutenzione porta molto spesso alla perdita del dado ed alla fuoriuscita del bulloncino dalla sua sede.
 
A questo punto l’operatore o utilizza la scala senza i fissaggi necessari o, anziché eseguire la manutenzione corretta sostituendo l’elemento con uno simile, provvede ad una riparazione “fai da te” utilizzando i materiali ad esso più congeniali, ed è così che l’elettricista usa nastro isolante o fascette stringi cavo, il cartongessista usa viti autofilettanti, il muratore esegue la riparazione con filo di ferro o chiodi. In alcuni casi (estremi) abbiamo rilevato anche l’utilizzo di nastro carta (pittori), canapa o teflon (idraulici).
 
Non serve precisare che tali soluzioni oltre a non essere corrette, molte volte pregiudicano la stabilità della scala con elevati rischi di caduta dell’operatore. Va inoltre considerato che l’utilizzo di metodologie scorrette tende anche a rovinare il legno della scala creando fessure nei montanti.
 
Terminiamo l’articolo di oggi con un’immagine di SICURELLO.si nel quale viene graficamente riassunto quanto sopra riportato.
 
 
 
Un utile approfondimento su questa tematica è stato pubblicato da PUNTOSICURO  nell’articolo: “ Scale portatili: indicazioni per la scelta, l’utilizzo e la manutenzione
 
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 
Le immagini di SICURELLO.si sono di Federica Farina
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Ordina commenti:

Hai qualcosa da dire su questo articolo?
Aggiungi ora il tuo commento

Rispondi Autore: Antonello Merlo - likes: 0
17/08/2014 (08:18:23)
Prima del 1978 le scale portatili (che sono un'attrezzatura di lavoro per il posizionamento in quota di persone) venivano collaudate e verificate dall'ENPI. Dopo lo scioglimento solo qualche ASL sporadicamente ed episodicamente le collauda, ma spesso non le verifica, d'altronde non è un obbligo.
Sarebbe cosa buona e giusta riprendere questa prassi anzichè lasciare agli utenti le orride riparazioni riprodotte.

Pubblica un commento

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!