Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
 
Trento, 17 Giu - Di movimentazione materiali con la gru di cantiere avevamo già parlato nel numero 2584 pubblicato il giorno 11 marzo 2011, ma riprendo l’argomento “fotografico” con l’episodio che mi è capitato nei giorni scorsi.
Di ritorno da un sopralluogo in cantiere, stavo transitando su una strada comunale e dopo una curva trovo il manovratore di una gru che sposta dei materiali direttamente sulla sede stradale, naturalmente non vi era segnaletica di nessun tipo, non erano presenti movieri od altre forme di segnalazione.
 


 
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia

Il primo scatto avrebbe dovuto essere quello del materiale che passava a circa 3 mt di altezza attraversando tutta la carreggiata, ma calcolato il tempo di reazione dell’autista per portare il piede sul freno e fermarsi, nonché accendere  la macchina fotografica ha fatto si che il carico transitasse verso il suo destino.
 

 
In ogni caso ritengo che le foto siano molto significative di quanto successo: la scorretta movimentazione dei materiali con rischio di caduta del carico - da notare che le perline di legno erano legate solo con una sottile fettuccia e sopra di esse erano posati altri materiali, il rischio di investimento dell’operatore che era pure privo dei D.P.I. di protezione del capo e dell’alta visibilità per l’attività su sede stradale, il rischio di urti contro i mezzi in transito, sono solo alcune delle situazioni rilevate.
 
 
 
 
 
 

 
Voglio infine sottolineare come durante la manovra l’operatore si muoveva per portarsi nella zona di attraversamento e non seguiva il tragitto del carico. In questo caso se l’autobus fosse passato pochi secondi prima cosa sarebbe successo?
 
 
Farina Geom. Stefano, Consigliere Nazionale AiFOS
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!