Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Crea PDF

Le immagini dell'insicurezza: ancora non abbiamo imparato

Sarò ostinato, testardo e cocciuto, ma a distanza

  • di quasi 22 anni dall’emanazione DECRETO 10 luglio 2002 concernente il Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo;
  • di oltre 10 anni dall’emanazione del D.M. 4 marzo 2013 (poi sostituito dal D.M. 22 gennaio 2019) relativo alle regole per l'apposizione e la rimozione in sicurezza della segnaletica cantieri stradali che dovrebbe portare i lavoratori a conoscere anche il suddetto disciplinare tecnico,

non passa giorno che viaggiando su strade urbane, extraurbane od a volte anche autostrade, la segnaletica che preavvisa di un cantiere risulta totalmente o parzialmente sbagliata.

 

Ricordiamo che una corretta segnaletica dovrebbe permettere all’automobilista, al camionista, al motociclista, al ciclista, ma anche ai pedoni, di comprendere le regole di comportamento da attuare avvicinandosi al cantiere e transitando lungo il cantiere stesso.

 

Che poi i suddetti soggetti (automobilisti & c.) rispettino le regole è tutt’altro che scontato, ma di questo avrò modo di parlarne in futuro con alcune Immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no.

 

Oggi mi voglio soffermare per l’ennesima volta sulla segnaletica, ed in particolare su quelle “piccole” e “semplici” regole, previste dal Disciplinare tecnico del 2002. E mi riferisco in particolare al posizionamento, nei cantieri a senso unico alternato, del semaforo e della barriera di testata.

Pubblicità
RSPP-ASPP - Aggiornamento 4 ore - Nuovi rischi e nuovi presidi di sicurezza - Tutti i settori
Corso online di aggiornamento per RSPP-ASPP di attività appartenenti a tutti i settori di attività ATECO 2007. Il corso costituisce quota del credito formativo richiesto per RSPP-ASPP e Docenti-formatori in salute e sicurezza sul lavoro.

 

Tra i tanti filmati registrati dalla camera-car della vettura, ho estrapolato alcune immagini che ritengo significative.

 

Guardiamole assieme.

 

 

Semaforo per senso unico alternato con restringimento assimetrico a sinistra

Generalmente in questa situazione il disciplinare tecnico prevede il posizionamento di un semaforo senza l’adozione della bariera di testata sulla corsia di destra. In questo caso invece viene posizionata la barriera (forse per rafforzare la presenza del semaforo).

 

A questo punto, essendoci un’ostruzione si renderebbe necessaria la corretta segnaletica (frecce e coni).

In realtà è stata posizionata solo una freccia ed anche con un’inclinazione sbagliata, ovvero con l’indicazione di direzione obbligatoria a sinistra anziché passaggio obbligatorio a sinistra.

 

Sulla barriera di testata (che tra l’altro dovrebbe avere caratteristiche differenti rispetto a quella nella foto) andrebbero posizionate una lampada rossa ogni 1,50 metri (che chiaramente creerebbero confusione con il semaforo ed ecco uno dei motivi per i quali barriera non ci va).

 

Da notare infine che la segnaletica così posizionata tende a mandare gli automobilisti sulla corsia ove è attivo il cantiere (immagine 1b).

 

(La segnaletica orizzontale temporanea di colore giallo è obbligatoria solo per i cantieri di durata superiore a 7 giorni. Non sappiamo la durata effettiva del cantiere nelle immagini).

 

 

 

Semaforo per senso unico alternato con restringimento assimetrico a destra

Il primo aspetto che si rileva è la criticità della barriera utilizzata ovvero non una classica barriera di testata, come previsto dal disciplinare tecnico, ma una newjersey in cemento non evidenziata da alcuna fascia riflettente bianca/rossa, né da luci fisse rosse.

 

Lo stesso semaforo posto a ridosso della barriera (le distanze per questo tipo di strada sono date dalla tavola 66 del Disciplinare Tecnico e sono molto ampie proprio per ridurre il rischio di collisione tra i mezzi e la barriera stessa), l’assenza di sistema che incanala il traffico sull’altra corsia (delineatori flessibili in quanto lavori di durata superiore a 2 giorni), sono tutti elementi di criticità con rischi elevati per l’utenza stradale.

 

In questo caso il cantiere è di durata maggiore di sette giorni e non risulta nemmeno realizzata l’obbligatoria segnaletica orizzontale temporanea di colore giallo.

 

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS

 

Fonte: SICURELLO.no: l’evidenza dei mancati infortuni 

 

 

 
Le immagini vengono concesse in  LICENZA CREATIVE COMMONS alle seguenti condizioni:
Attribuzione – Non Commerciale – Non Opere Derivate 





Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Pubblica un commento

Rispondi Autore: Eugenio Roncelli - likes: 0
21/06/2024 (08:03:59)
Purtroppo è un cane che si morde la coda: la strada è pubblica, ma nessun ente pubblico (sono tanti) farà mai una osservazione contro un altro ente pubblico.
L'ignoranza è totale ed il "menefreghismo" anche: tanto, se succede qualcosa, sono altri che pagheranno.
E se fai qualcosa (segnalazioni ripetute agli organi di polizia municipale, ad esempio) c'è il rischio di ritorsioni.
Manca totalmente la cultura della sicurezza.
Rispondi Autore: Matteo C. - likes: 0
21/06/2024 (08:55:03)
Ignoranza e totale mancanza di controlli. E se si segnala la cosa, dall'altra parte della linea generalmente risponde una voce infastidita che ti fa capire che se ti fai i fatti tuoi è meglio...
Rispondi Autore: raffarele scalese - likes: 0
22/06/2024 (09:03:13)
A parte le considerazioni del geom Farina che sono SACROSANTE
Vorrei che si fissasse l'attenzione ANCHE alla scelta dei "movieri"

Troppo, troppo spesso EVIDENTEMENTE non formati !!!

Pubblica un commento

Banca Dati di PuntoSicuro


Altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM di PuntoSicuro

Quesiti o discussioni? Proponili nel FORUM!