Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Crea PDF

Le macchine nelle attività di pulizia: urti, dolori di schiena e vibrazioni

Le macchine nelle attività di pulizia: urti, dolori di schiena e vibrazioni
Tiziano Menduto

Autore: Tiziano Menduto

Categoria: Attrezzature e macchine

09/07/2024

Un documento Inail sulla pulizia e la sanificazione si sofferma sui rischi dovuti all’impiego di macchinari per la pulizia. Focus sui rischi e la prevenzione per gli urti, le cadute, i dolori di schiena e le vibrazioni trasmesse al sistema mano braccio.


Roma, 9 Lug – Nel comparto delle pulizie professionali sono presenti ormai da diverso tempo macchine e “soluzioni studiate appositamente per l’ottimizzazione di prestazioni, tempi e costi, che difficilmente sono raggiungibili con operazioni di pulizia svolte esclusivamente attraverso sistemi manuali”.

Tutti i macchinari e le attrezzature impiegati per le pulizie e la sanificazione “devono essere conformi alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle Direttive comunitarie di prodotto o ai requisiti generali di sicurezza di cui all’allegato V del d.lgs. 81/08 e s.m.i. qualora costruite antecedentemente all’emanazione delle normative di riferimento e prive di marcatura CE”.

Malgrado ciò non sono pochi i pericoli e i rischi a cui possono essere soggetti gli operatori che utilizzano queste macchine.

 

A ricordarlo e a ricordare i vari fattori di rischio connessi alle attività di pulizia e sanificazione è il documento Inail “ La sanificazione nel post Pandemia. La standardizzazione dei processi. Sensibilizzare le aziende ai processi di pulizia e sanificazione come prassi standard di prevenzione dagli infortuni e dalle malattie sul lavoro”. Un documento che si sofferma ampiamente anche sul rischio macchina.

 

Per parlarne, affrontiamo oggi sui seguenti argomenti:


Pubblicità
La sicurezza nelle imprese di pulizia - 1 ora
Informazione ai lavoratori sui rischi specifici ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/2008 - Sicurezza nelle imprese di pulizia

 

Le macchine nella pulizia e sanificazione: rischio di urti e cadute

Riguardo ai rischi dovuti all’impiego di macchinari per la pulizia il documento ricorda che oggi “esiste una moltitudine di macchine dedicate alla pulizia, ognuna studiata per operare in specifici ambienti e con azioni mirate”.

 

E per prevenire infortuni “occorre quindi imparare a conoscere queste macchine ed essere informati sui rischi che comporta il loro utilizzo, comprese le corrette operazioni di manutenzione”.

 

Si sottolinea poi che “i rischi di infortunio e malattia di origine professionale più frequenti connessi all’utilizzo di macchine per la pulizia professionale” sono:

  • urti (con riferimento alla collisione di un oggetto, per esempio un macchinario, con una persona);
  • cadute;
  • esposizione a vibrazioni delle mani e delle braccia;
  • rischi ergonomici;
  • rischi elettrici.

 

Riguardo agli urti si indica che un “pericolo” per i lavoratori è la “perdita di controllo della monospazzola, in particolare all’accensione che costituisce un momento critico”, è una misura di prevenzione è il “fare attenzione nell’avviare l’apparecchio ed evitare di trovarsi nella traiettoria della spazzola”.

 

Questi, invece, alcuni “pericoli” connessi alle cadute:

  • “inciampare sul cavo elettrico di alimentazione
  • inciampare durante l’utilizzo dell’apparecchio in corrispondenza di un dislivello (scale, gradini)”.

 

E questa alcune misure di prevenzione:

  • “tenere il cavo dietro al macchinario
  • evitare che il cavo si tenda al livello del ginocchio
  • fare attenzione alle irregolarità del pavimento e ai gradini
  • utilizzare gli appositi cartelli e/o barriere per avvertire gli altri del pericolo”.

 

Le macchine nella pulizia e sanificazione: mal di schiena e dolori muscolari

Il documento si sofferma anche sulla prevenzione del mal di schiena e dei dolori muscolari negli operatori.

 

Infatti “i macchinari (oltre a certi apparecchi e utensili di lavoro) possono provocare dorsalgie o altri dolori muscolari, soprattutto a causa del loro peso, della conseguente difficoltà di manipolazione, della forza richiesta per manovrarli e dei gesti e posture necessari al loro impiego”. 

 

Questi alcuni pericoli:

  • “movimentazione di carichi: sollevare, trasportare o spostare macchinari senza adottare le posture corrette
  • movimenti scorretti nella manipolazione dei macchinari
  • scarsa ergonomia dei macchinari (non regolabili, troppo pesanti)
  • affaticamento muscolare e articolare a causa di macchinari che richiedono troppa forza nell’utilizzo
  • vibrazioni trasmesse al sistema mano braccio durante l’uso di macchinari che vibrano”.

 

E alcune misure di prevenzione:

  • “se l’apparecchio è troppo pesante, effettuare il trasporto in due, facendo attenzione che la persona che deve accovacciarsi mantenga la schiena diritta
  • adattare i macchinari al proprio corpo
  • adottare gesti e posture di lavoro corretti” (il documento si sofferma, nella parte dedicata al rischio ergonomico, sulla movimentazione manuale dei carichi e sulle corrette posture di lavoro).

 

Le macchine nella pulizia e sanificazione: vibrazioni alle mani e alle braccia

Si segnala che i macchinari utilizzati nel settore delle pulizie “possono trasmettere vibrazioni al corpo intero (macchine a conduzione uomo a bordo) o al sistema mano braccia (monospazzola)”. E l’entità del rischio “dipende dalle caratteristiche dei macchinari e dalla durata del loro utilizzo”.

  

Concludiamo l’articolo soffermandoci, in particolare, sulle vibrazioni trasmesse al sistema mano braccio.

 

Si ricordano i possibili sintomi delle conseguenze della vibrazione: “formicolii, gonfiori, riduzione della sensibilità al tatto, limitazione dei movimenti e dolori a livello delle articolazioni della mano e del braccio, mani o dita bianche o blu”, …

 

Questi i pericoli per i lavoratori:

  • “macchinari che vibrano eccessivamente
  • macchinari in cattivo stato di manutenzione
  • utilizzo eccessivamente prolungato e senza pause della monospazzola”.

 

E queste, infine, sono alcune possibili misure di prevenzione:

  • “per quanto possibile abbreviare i tempi di utilizzo della monospazzola
  • mantenere il corpo al caldo, soprattutto le mani
  • impugnare i macchinari il più leggermente possibile durante il lavoro (le vibrazioni sono ridotte)
  • non tenere gli apparecchi a contatto con il corpo
  • assicurarsi della buona manutenzione dei macchinari
  • segnalare qualsiasi problema tecnico ai responsabili
  • non fumare (la nicotina restringe i vasi sanguigni delle mani e delle dita e aumenta i rischi collegati alle vibrazioni)”.

 

Concludiamo segnalando che il documento Inail, riguardo ai rischi dovuti all’impiego di macchinari per la pulizia, si sofferma anche su questi aspetti:

  • operazioni di manutenzione a inizio e fine lavoro a salvaguardia della sicurezza di macchine e operatori comuni a tutte le categorie di macchine
  • operazioni di manutenzione ordinaria specifiche per tipologia di macchine
  • utilizzo delle macchine per pulizia professionale semoventi con uomo a bordo.

 

 

Tiziano Menduto

 

 

Il documento da cui è tratto l'articolo è disponibile sul sito INAIL:

Inail, Consulenza Statistico Attuariale, Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale, Consulenza tecnica per la salute e la sicurezza, “ La sanificazione nel post Pandemia. La standardizzazione dei processi. Sensibilizzare le aziende ai processi di pulizia e sanificazione come prassi standard di prevenzione dagli infortuni e dalle malattie sul lavoro”, a cura di di Giuseppe Bucci (Inail, CSA), Diego De Merich e Maria Rosaria Marchetti (Inail, Dimeila), Patrizia Anzidei e Giannunzio Sinardi (Inail, CTSS), Sara Veneziani e G. Ivo Vogna (Confimi Industria - Commissione ambiente e sicurezza), Stefania Verrienti e Lorenzo Di Vita (Afidamp - Aderente Finco - Confimi Industria) – Accordo Inal e Confimi Industria, edizione 2023.

 

Scarica dall'area riservata agli abbonati dedicata a:

Dopo la pandemia: sanificazione e standardizzazione dei processi

 


Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Pubblica un commento

Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.

Pubblica un commento

Banca Dati di PuntoSicuro


Altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM di PuntoSicuro

Quesiti o discussioni? Proponili nel FORUM!