LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

27 luglio 2011 - Cat: I quesiti sul decreto 81
  

I quesiti sul decreto 81: la sostituzione del RLS


Sulla sostituzione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nel caso in cui sia impedito a svolgere le proprie mansioni di rappresentanza. A cura di G. Porreca.

Pubblicità

 
Bari, 27 Lug - Sulla sostituzione del RLS nel caso in cui sia impedito a svolgere le proprie mansioni di rappresentanza. A cura di Gerardo Porreca ( www.porreca.it).
 
Quesito
Nel caso in cui il RLS è una lavoratrice e, causa la sua gravidanza, non può essere presente in azienda per un lungo periodo è necessario che i lavoratori eleggano un nuovo RLS?


Pubblicità
RLS Artigianato - 32 oreRLS - RLS Artigianato - 32 ore
Corso di formazione per RLS sulla sicurezza nel settore Artigianato.

Risposta
Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) è una figura che, ai sensi del comma 2 dell’art. 47 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, viene eletta o designata dai lavoratori nell’ambito di una azienda ed alla stessa vengono assegnati numerosi diritti ed attribuzioni che il legislatore ha elencato nel comma 1 dell’articolo 50 del medesimo D. Lgs. n. 81/2008 e che qui di seguito si riportano:
 
1. Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza:
a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;
b) è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nella azienda o unità produttiva;
c) è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente;
d) è consultato in merito all'organizzazione della formazione di cui all'articolo 37;
e) riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, alla organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali;
f) riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza;
g) riceve una formazione adeguata e, comunque, non inferiore a quella prevista dall'articolo 37;
h) promuove l'elaborazione, l'individuazione e l'attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l'integrità fisica dei lavoratori;
i) formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti, dalle quali è, di norma, sentito;
l) partecipa alla riunione periodica di cui all'articolo 35;
m) fa proposte in merito alla attività di prevenzione;
n) avverte il responsabile della azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività;
o) può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro”.
 
Dalla lettura del succitato articolo emerge chiaramente quindi che, affinché il RLS possa esercitare le funzioni che gli sono state assegnate e possa occuparsi delle varie problematiche inerenti le condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro dell’azienda nella quale lavora, lo stesso deve garantire una certa presenza nell’azienda stessa e, come dice la norma, accedere nei luoghi dove si svolgono le lavorazioni, partecipare alle riunioni degli operatori di sicurezza, partecipare ad eventuali visite ispettive attuate dall’organo di vigilanza, avvertire il responsabile dell’azienda dei rischi individuati o che dovessero sopravvenire nel corso della sua attività e svolgere altre funzioni che comportano tutte in genere una presenza assidua in azienda oltre ad un contatto continuo sia con i responsabili della stessa che ovviamente con i lavoratori che rappresenta e dai quali deve raccogliere eventuali osservazioni inerenti le misure di prevenzione adottate e da adottare.
 
Ora nel caso di cui al quesito formulato il RLS è una lavoratrice in gravidanza e la stessa, in base alle disposizioni di un’altra legge dello Stato, ha diritto ad una astensione obbligatoria dal lavoro per cinque mesi ed eventualmente anche ad una astensione anticipata aggiuntiva allorché si verifichino delle condizioni quali una grave complicazione della gravidanza, l’impossibilità di spostare la lavoratrice ad eseguire mansioni meno disagevoli, condizioni di lavoro o ambientali da ritenersi pregiudizievoli alla sua salute, per cui il datore di lavoro si trova a non poterla adibire ad attività lavorative per un lungo periodo. Subentra di fatto in tal caso per la lavoratrice RLS una situazione di incompatibilità del suo stato di gravidanza con le funzioni e le attribuzioni che le sono state assegnate e per le quali ha avuto mandato dai lavoratori che rappresenta. Si pensi soltanto, ad esempio, alla circostanza che, per dover svolgere le proprie mansioni di rappresentanza, fosse necessario accedere in luoghi che possano comportare esposizioni nocive o pericolose per il suo stato di gravidanza.
 
In casi del genere i lavoratori dell’azienda, preso atto dell’assenza forzata per mesi del loro rappresentante per la sicurezza ed essendo in sostanza quella della individuazione del RLS una loro facoltà, possono riunirsi ed eleggere o designare un altro rappresentante in sostituzione della lavoratrice in gravidanza essendo la stessa impedita a svolgere le attribuzioni assegnatele, portando a conoscenza il datore di lavoro delle proprie decisioni che sono del resto giustificate per i motivi che sono già a sua conoscenza.
 
Il caso segnalato è analogo a quello già prospettato in un altro precedente quesito nel quale veniva chiesto quali provvedimenti adottare da parte dei lavoratori allorquando il loro rappresentante per la sicurezza non svolgesse correttamente o non svolgesse affatto le funzioni che gli sono state conferite al momento dell’elezione o della designazione in risposta del quale si è suggerito di rimuovere dall’incarico il RLS per inettitudine e sostituirlo con un altro comunicando e motivando le decisioni assunte al datore di lavoro che, come è noto, ai sensi dell’art. 37 comma 10 del D. Lgs. n. 81/2008, ha l’obbligo di provvedere successivamente alla sua formazione in materia di salute e di sicurezza sul lavoro.
 
 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Autore: Alfonso Marchese28/07/2011 (16:44:11)
Nel condividere in buona sostanza la risposta al quesito resa da Porreca, si fa presente che nelle regolamentazioni quale quelle relative alla nomina degli RLS, aventi natura convenzionale, è buona norma inserire la previsione di nomina di sostituti per i titolari della carica (analogamente a quanto effettuato per gli adempimenti in materia di DLgs 196/2003 Codice Privacy, per i rappresentanti lavoratori che affianchino l'Admin nelle operazioni a tutela della riservatezza, quali videosorveglianza, manutenzione banche dati ecc). Costoro entreranno in carica al verificarsi di una delle condizioni di impossibilità a presiedere/gestire le funzioni proprie da parte del RLS, fermo restando che negli organismi rappresentativi pluripersonali, ove non sia previsto nello statuto negoziale una maggioranza qualificata, l'assenza od impedimento di un membro non comporta nullità delle delibere o delle azioni di vigilanza/assistenza dei lavoratori.
L'assenza forzata del'RLS per smaltimento delle ferie/straordinario arretratao e cumulato, ove imposto dal DdL in esecuzione del DLgs. 66/2003 (Orario di lavoro) nel testo vigente o dalla applicabile normativa speciale per il Pub.Imp. rientrà nella casistica di forza maggiore e deve essere trattata secondo le regole generali sopra indicate. La sostituzione al di fuori delle convenzioni resta una facoltà eccezionale dei lavoratori dell'unità operativa interessata e nelle strutture complesse, in presenza di un coordinamento, essa potrebbe avvenire anche mediante ricorso alla struttura poliarticolata.
Esistono precedenti che al momento non sono in gradi di fornire.
Autore: SEM27/07/2011 (19:26:26)
Cosa dice il decreto 81 nei confronti di una azienda che obbliga uno dei propri rls (n°2) ad assentarsi obbligatoriamente dal lavoro per 6 mesi per abbattere la cospiqua quantità di ferie accumulate e non ancora usufruite. La richiesta di uno smaltimento frazionato per permettere lo svolgimento attivo e in loco della funzione di rls aziendale è stata negata. Che fare?

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: