stampa articolo  esporta articolo in PDF

Lo stress lavoro-correlato nel settore dell’istruzione

Lo stress lavoro-correlato nel settore dell’istruzione
31/08/2016: Disponibile una scheda della Regione Lombardia per la valutazione del rischio stress lavoro correlato e dei rischi psicosociali nel settore dell’istruzione: fattori di rischio e misure di prevenzione.
Pubblicità

Milano, 31 Ago – La Regione Lombardia, in collaborazione con INAIL e nell'ambito del progetto CCM 2013 del Ministero della Salute, ha prodotto alcune schede sul tema dello Stress lavoro-correlato e dei rischi psico-sociali in nove diversi settori di attività.
Dopo aver presentato le schede per la Grande Distribuzione Organizzata e per il settore telecomunicazioni, riportiamo oggi la scheda dedicata al settore dell’istruzione.
Segnaliamo che i testi sono stati realizzati da operatori della U.O. Medicina del Lavoro, A.O  San Gerardo di Monza.

Pubblicità
Lavoratori Istruzione - Aggiornamento - 6 ore
Corso online di aggiornamento per lavoratori che operano nel settore Istruzione o in attività equiparabili in riferimento ai rischi per la sicurezza e la salute.

 

 

STRESS LAVORO-CORRELATO E RISCHI PSICOSOCIALI - SETTORE ISTRUZIONE

 

La letteratura scientifica internazionale ha evidenziato come il settore dell’Istruzione sia particolarmente interessato dal fenomeno del rischio da stress lavoro-correlato e dai fattori di rischio psicosociale. In particolare, da numerosi studi emerge che le principali criticità della professione di insegnante sono legate ad aspetti relazionali conflittuali che spesso si verificano con gli alunni, i genitori e gli altri colleghi. Anche dai risultati preliminari dell’ indagine europea ESENER 2 sui rischi nuovi ed emergenti, emerge che nel settore dell’istruzione il fattore di rischio più frequente è relativo alla gestione degli studenti difficili, seguito dalla pressione temporale e dalla precarietà del lavoro.

Si riporta di seguito una serie di fattori di rischio organizzativo potenzialmente presenti in questo settore indicando, per ognuno di essi, alcune misure correttive di carattere generale utili alla prevenzione e/o riduzione del rischio da stress lavoro-correlato.

 

CONTENUTO DEL LAVORO

FATTORI DI RISCHIO SLC

MISURE DI PREVENZIONE e/o GESTIONE DEL RISCHIO

Rapporto problematico, per contesto e/ocircostanze, con alunni e/o genitori

- Dedicare tempo alla discussione sul rapporto insegnanti - genitoriall’interno del Consiglio d’Istituto

-Organizzare seminari e/o incontri d’aggiornamento sul tema delle comunicazioni interpersonali efficaci e sugli stilieducativi, in relazione alla fascia di età degli alunni

-Introdurre (o potenziare) i momenti di accoglienza inizialesia dal punto di vista didattico che relazionale

Mancata condivisione del patto educativo trafamiglia e istituzione scolastica

-Favorire il dialogo fra genitori e insegnanti, ad esempioattraverso l’organizzazione di incontri e/o seminari

-Favorire la collaborazione delle famiglie nelle attivitàeducative

Confronto con una realtà sempre più multietnicae multiculturale e crescita del numero di studentiextracomunitari

-Predisporre attività a supporto degli alunni extracomunitari per l’acquisizione di un livello sufficiente di conoscenza dellalingua italiana che permetta loro di seguire le lezioni

-Attivare progetti che coinvolgano tutti gli studenti efavoriscano l’integrazione degli alunni extracomunitari

Presenza di classi numerose e/o con alunni con diagnosi di disturbi specifici dell’apprendimento odell’attenzione prive di insegnanti di sostegno, aumento del numero di alunni disabili nelle classi

-Definire chiari ed espliciti criteri di formazione delle classi prime

-Prevedere prove di ingresso e/o considerare fattori oggettivi per assicurare la formazione di classi omogenee

- Prestare attenzione alle informazioni in merito a situazioni specifiche (es. problematiche di singoli alunni, incompatibilità fra alcuni studenti, ecc) coinvolgendo icoordinatori dei Consigli di Classe

Disomogeneità all’interno dei Consigli di Classe inmerito ai criteri di valutazione dell’apprendimento degli alunni e/o in relazione ai messaggi educativida trasmettere agli alunni

-Individuare spazi di discussione in merito alla valutazionedell’apprendimento e ai messaggi educativi da trasmettereagli alunni, sia in Collegio Docenti che in piccoli gruppi (es.Consiglio di Classe, team, ecc) al fine di definire regole condivise e formalizzate

Frequenti modifiche organizzative conseguenti alle riforme scolastiche(autonomia scolastica, lavoro d’équipe, innalzamento della scuola dell’obbligo, ingresso anticipato nel mondo della scuola)

-Informare tramite seminari, workshop e/o gruppi di discussionein merito a riforme, cambiamenti in atto, vincolinormativi, ecc

Costante necessità di aggiornamento e/o difficoltà di accesso all’aggiornamento con particolare riferimento alle tecnologie informatiche e di comunicazione elettronica

-Proporre un piano annuale di aggiornamento considerando sia gli specifici ambiti disciplinari che quelli trasversali (es.informatica, comunicazione, metodologia didattica, ecc)

Criticità legate all’organizzazione degli orari dellelezioni

-Illustrare i vincoli organizzativi che possono impedirel’accoglimento delle preferenze, coinvolgendo i lavoratori nell’analisi delle necessità organizzative e nella ricerca dellemigliori soluzioni-

 - Alla luce dei vincoli di cui sopra, permettere al personale scolastico di esprimere delle preferenze in termini di orario, da valutare poi in relazione alle necessità organizzative

 

 

CONTESTO LAVORATIVO

FATTORI DI RISCHIO SLC

MISURE DI PREVENZIONE e/o GESTIONE DEL RISCHIO

Regolamenti d’Istituto talvolta poco chiari

- Revisionare i contenuti del Regolamento in modo che sianoapplicabili, concreti e più vicini alla realtà della scuola

- Realizzare momenti di divulgazione dei contenuti del

Regolamento

- Monitorare l’applicazione del Regolamento

Scarsa diffusione delle circolari, flussi

di comunicazione interna inadeguati

- Definire in maniera puntuale contenuti e destinatari

delle circolari

- Gestire con cura la diffusione delle circolari e la circolazione delle informazioni

Scarse possibilità di comunicazione e scarsosupporto da parte del Dirigente Scolastico rispetto a situazioni didatticamente ed educativamente difficili e in merito ai rapporti con alunni e rispettive famiglie

- Curare l’ascolto del personale (es. orari di ricevimento, presenza fisica a scuola, momenti di ascolto non strutturati,ecc)

- Effettuare riunioni e/o incontri tra dirigenza e insegnanti

- Predisporre strumenti di partecipazione del personalescolastico alle scelte assunte all’interno della scuola (es.mettendo a disposizione sistemi di comunicazione e/o favorendo l’invio di proposte e suggerimenti)

Scarso supporto da parte dei colleghi ed isolamento

- Promuovere la discussione di gruppo (es. nei Consigli di Classe/team) sui problemi riscontrati ed affrontati dai singoliinsegnanti, favorendo il confronto, la condivisione e ilsupporto reciproco

- Organizzare seminari e/o incontri di aggiornamento sultema delle relazioni interpersonali tra pari e sul lavoro digruppo

- Favorire lo scambio e il supporto tra colleghi tramite, ad esempio, incontri/seminari e/o progetti interdisciplinari sutemi trasversali (es. salute, sicurezza, cittadinanza,educazione civica, ecc)

- Creare uno sportello di ascolto per i casi individuali

 

 

Regione Lombardia, “ Stress lavoro-correlato e rischi psicosociali. Settore Istruzione”, scheda realizzata nell’ambito del progetto CCM 2013 in collaborazione con INAIL, Dipartimento di Medicina, Epidemiologia,Igiene del Lavoro e Ambientale (DiMEILA), testi a cura di Simona Boneschi, Veronica Viganò, Raffaele Latocca. U.O. Medicina del Lavoro, AO San Gerardo Monza (formato PDF, 133 kB)



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!