Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
  

Software per la valutazione del rischio biologico negli ambienti sanitari

Software per la valutazione del rischio biologico negli ambienti sanitari
 
 Rischi da agenti biologici
30/03/2017: Realizzato dalla Contarp, il software si qualifica come strumento operativo applicabile non solo negli ambulatori “Prime cure” Inail, ma anche in tutti i contesti lavorativi analoghi.

Pubblicità
Lavoratori Sanità - Aggiornamento - 6 ore
Corso di aggiornamento per lavoratori che operano nel settore Sanitario-Assistenziale

Dall’Inail un applicativo per la valutazione del rischio biologico negli ambulatori Prime cure. Il prodotto è disponibile nella sezione “Prevenzione e sicurezza-promozione e cultura della prevenzione – software” nonché nei “servizi on line” del portale istituzionale.


Le attività svolte nei servizi sanitari (ospedali, ambulatori, studi dentistici, servizi di assistenza) rientrano tra quelle che possono comportare rischio di esposizione ad agenti biologici. Malgrado l’ampia diffusione – sia a livello nazionale che internazionale – di linee guida, buone prassi e indicazioni operative per il controllo di questo rischio, non si dispone ancora di una metodologia standard di riferimento.


Tale mancanza causa notevoli difformità di valutazione e l’impossibilità di comparazione di risultati.
Realizzato dalla Contarp (Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione) e nato dalla necessità di uniformare le metodologie e le procedure di accertamento del rischio biologico maturate all'interno dell'Istituto su tutto il territorio nazionale, il software rappresenta la versione informatizzata di questo percorso articolato e si qualifica come strumento operativo utile ai datori di lavoro e ai servizi di prevenzione e protezione che operano non solo negli ambulatori “Prime cure” dell’Inail, ma anche in contesti lavorativi analoghi.


L’applicativo è strutturato in sei sezioni, per ognuna delle quali è prevista la compilazione di tabelle sulla base delle informazioni e dei dati relativi ad ambienti, attività e procedure di lavoro aventi rilevanza ai fini dell'analisi delle fonti di pericolo biologico nello specifico contesto lavorativo.
Una volta inseriti i dati, la procedura calcola in automatico il livello di rischio associato allo svolgimento della mansione lavorativa in esame. Tutto ciò consente ai fruitori del software di individuare e pianificare gli interventi migliorativi da attuare e la loro scala di priorità.

 

Destinatari
Lo strumento è rivolto ai datori di lavoro e ai servizi di prevenzione e protezione che operano negli ambulatori Inail e in contesti lavorativi analoghi.

 
Finalità dell’applicativo

Le attività svolte nei servizi sanitari (ospedali, ambulatori, studi dentistici, servizi di assistenza) rientrano tra quelle che possono comportare un notevole rischio di esposizione ad agenti biologici.
Tuttavia, malgrado l'ampia diffusione – sia a livello nazionale che internazionale – di linee guida, buone prassi e indicazioni operative, l’assenza di uno standard di riferimento ha generato notevoli difformità di valutazione e l’impossibilità di comparazione di risultati.
Attraverso lo strumento, si fornisce un software per l'applicazione di un percorso metodologico uniforme di valutazione del rischio occupazionale, consentendo ai datori di lavoro e ai servizi di prevenzione e protezione di individuare e di pianificare gli interventi migliorativi da attuare e la loro scala di priorità.


Struttura dell’applicativo

L’algoritmo è strutturato in sezioni, per ognuna delle quali è prevista la compilazione di tabelle sulla base delle informazioni e dei dati relativi ad ambienti, attività e procedure di lavoro, aventi rilevanza ai fini dell'analisi delle fonti di pericolo biologico nel contesto lavorativo vigente.
Una volta inseriti i dati, lo strumento calcola in automatico il livello di rischio associato allo svolgimento della mansione lavorativa in esame.


Accesso all’applicativo

Possono avvalersi dello strumento i datori di lavoro,  i responsabili dei servizi di prevenzione e protezione e quanti sono interessati all’utilizzo del prodotto, purché registrati al portale Inail.

 

 

Fonte: INAIL



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!

Ti potrebbero interessare anche


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: