Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Unione Europea: protezione dai pericoli delle radiazioni ionizzanti

Unione Europea: protezione dai pericoli delle radiazioni ionizzanti
06/02/2014: Pubblicata la direttiva 2013/59/Euratom del 5 dicembre 2013 che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti.
Brescia, 6 Feb – È stata pubblicata la direttiva 2013/59/Euratom del 5 dicembre 2013 "che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom".
 
La direttiva, che dovrà essere recepita dagli Stati Membri entro il 6 febbraio 2018, si applica a qualsiasi situazione di esposizione pianificata, esistente o di emergenza che comporti un rischio di esposizione a  radiazioni ionizzanti che non può essere trascurato dal punto di vista della radioprotezione in relazione all’ambiente, in vista della protezione della salute umana nel lungo termine.

Pubblicità
MegaItaliaMedia

In particolare, si applica:
- alla fabbricazione, alla produzione, alla lavorazione, alla manipolazione, allo smaltimento, all’impiego, allo stoccaggio, alla detenzione, al trasporto, all’importazione nella Comunità e all’esportazione dalla Comunità di materiali radioattivi;
- alla fabbricazione e al funzionamento di attrezzature elettriche che emettono radiazioni ionizzanti e contengono componenti funzionanti con una differenza di potenziale superiore a 5 chilovolt (kV);
- alle attività umane implicanti la presenza di sorgenti di radiazioni naturali, che determinano un significativo aumento dell’esposizione dei lavoratori o di individui della popolazione, in particolare: al funzionamento di aeromobili e veicoli spaziali, in relazione all’esposizione del personale navigante; alla lavorazione di materiali contenenti radionuclidi naturali;
- all’esposizione dei lavoratori o di individui della popolazione al radon in ambienti chiusi, all’esposizione esterna dovuta ai materiali da costruzione e ai casi di esposizione prolungata dovuta agli effetti di un’emergenza o di un’attività umana del passato;
- alla preparazione, alla pianificazione della risposta e alla gestione di situazioni di esposizione di emergenza che si ritiene giustifichino misure volte a tutelare la salute di individui della popolazione o di lavoratori.
 
Mentre non si applica:
- all’esposizione al livello naturale di radiazione, quale quello risultante dai radionuclidi presenti nell’organismo umano e dalla radiazione cosmica presente al livello del suolo;
- all’esposizioni di individui della popolazione o lavoratori non facenti parte di equipaggi aerei o spaziali alla radiazione cosmica in volo o nello spazio;
- all’esposizione in superficie ai radionuclidi presenti nella crosta terrestre non perturbata.
 
Rimandando alla norma per un’analisi di dettaglio e in attesa del provvedimento di recepimento italiano, si richiama inoltre l’attenzione su:
 
- sezione 3 del capo VIII (articoli da 72 a 75): l’esposizione a radon in ambienti chiusi - con limite di concentrazione di attività in aria di 300 Bq/m3 - e radiazioni gamma emesse da materiali da costruzione;
- sezione 3 del capo IX (articoli da 92 a 95): si occupa del rinvenimento e gestione delle sorgenti orfane.
 
Si sottolinea infine che la nuova direttiva abroga le seguenti direttive:
- 89/618/Euratom "concernente l’informazione della popolazione sui provvedimenti di protezione sanitaria applicabili e sul comportamento da adottare in caso di emergenza radioattiva", recepita con D.Lgs. 230/1990;
- 90/641/Euratom "concernente la protezione operativa dei lavoratori esterni esposti al rischio di radiazioni ionizzanti nel corso del loro intervento in zona controllata", recepita con D.Lgs. 230/1990;
- 96/29/Euratom "che stabilisce le norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori contro i pericoli derivanti dalle radiazioni ionizzanti", recepita con D.Lgs. 241/2000;
- 97/43/Euratom "riguardante la protezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti connesse a esposizioni mediche e che abroga la direttiva 84/466/Euratom", recepita con D.Lgs. 187/2000;
- 2003/122/Euratom "sul controllo delle sorgenti radioattive sigillate ad alta attività e delle sorgenti orfane", recepita con D.Lgs. 52/2007 
 
Fonte: AIB.
 
 
 
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!