Per visualizzare questo banner pubblicitario è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
To view this ad banner you must accept cookies of the 'Marketing' category

La mano residua: un video sulla sicurezza di attrezzature e macchine

La mano residua: un video sulla sicurezza di attrezzature e macchine
15/06/2017: Un breve video sulla sicurezza nei luoghi di lavoro affronta il rischio infortunistico da uso di macchine ed attrezzature.

Pubblicità
MegaItaliaMedia


Un filmato per contrastare le cause culturali, sociali e organizzative che generano e favoriscono varie condizioni di rischio nei luoghi di lavoro, realizzato dall’ Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 5 einterpretato da Ramiro Besa e Andrea Appi, comunemente conosciuti come “i Papu”.


 

La mano residua - Rischio infortunistico da uso di macchine ed attrezzature

 

 

 

Guarda gli altri video:

 

C’è chi scende e chi si fa male - Rischio cadute dall’alto

 

No stress: un video sul rischio stress lavoro correlato

 

La goccia e la lapide: un video sul rischio agenti chimici

 

Eternit & Cigarettes: un video sul rischio amianto e fumo di sigaretta

 

Hamburger & Club Sandwich: un video sulla movimentazione dei carichi

 

Si può? No, si deve! Un video sul rischio ergonomico

 

Ci vuole orecchio: un video sul rischio rumore



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum di PuntoSicuroEntra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!
Per condividere questo elemento nei social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
To share this element in social networks it is necessary to accept cookies of the 'Marketing' category

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: