Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

Manutenzione degli impianti di climatizzazione: schede di rischio

Manutenzione degli impianti di climatizzazione: schede di rischio
21/11/2018: Salute e sicurezza nelle attività di manutenzione e gestione degli impianti di climatizzazione. Focus sui rischi ergonomici, sulla movimentazione manuale dei carichi, sui lavori in altezza e sull’esposizione a polveri e fibre.
 

Roma, 21 Nov – Nel mondo della comunicazione in materia di sicurezza spesso è importante più la chiarezza del messaggio che si vuole comunicare, il suo facile utilizzo e applicazione, rispetto alla ricchezza di particolari, di rimandi normativi, al tentativo di essere esaurienti. Per questo motivo possono essere utili per le aziende e i lavoratori schede che, in relazione a specifiche attività lavorative, siano in grado di offrire uno sguardo generale, supportato da immagini esplicative, sui rischi che si corrono e sulle possibili misure di prevenzione.

 

Ci soffermiamo, a questo proposito, su un’attività correlata a diversi rischi per l’operatore: la manutenzione, l’ispezione, controllo e sanificazione degli impianti aeraulici, gli impianti di condizionamento/climatizzazione presenti nei luoghi di lavoro.

E presentiamo alcune schede tratte dal documento Inail “ Impianti di climatizzazione: salute e sicurezza nelle attività di ispezione e bonifica” – realizzato da Contarp, Consulenza tecnica per l’edilizia e dal Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale dell’Inail insieme all’Associazione italiana igienisti sistemi aeraulici.

 

Presentiamo oggi tre schede relative a:

  • ergonomia e movimentazione manuale dei carichi;
  • lavoro in altezza e caduta di materiali/oggetti dall’alto;
  • polveri e fibre.

Pubblicità
La movimentazione manuale dei carichi
Formazione sui rischi specifici nella movimentazione di carichi (Art. 37 D.Lgs. 81/08)
 

L’ergonomia e la movimentazione manuale dei carichi

Riguardo ai rischi ergonomici e da movimentazione manuale dei carichi la scheda riporta le fasi di lavoro, nella gestione e verifica degli impianti di condizionamento, in cui il rischio è più elevato:

  • Ispezioni visiva:
    • “presa dell’aria esterna, sezioni interne dell’UTA, condotte aerauliche;
    • raccolta di documentazione fotografica e/o filmata;
  • Ispezioni tecnica:
    • campionamento di superfici, acqua e aria;
    • misurazione della differenza di portata a monte e a valle delle batterie di scambio termico;
  • Ispezioni tecnica:
    • UTA;
    • condotte;
    • componenti in linea;
    • terminali aeraulici e in unità locali”.

 

Riguardo a questi rischi è necessario essere attenti a:

  • “frequenza e durata dei movimenti e degli sforzi fisici;
  • attività caratterizzate da cicli lavorativi ripetuti;
  • durata prolungata di posture statiche o incongrue del collo-testa, tronco e arti”.

 

Qualche indicazione sui dispositivi di protezione individuale, che vale anche per le altre due schede:

  • “controlla sempre l’integrità dei dispositivi e non utilizzarli se sono danneggiati;
  • conservali in un luogo dedicato;
  • puliscili dopo l’uso, se riutilizzabili;
  • rispetta il programma di manutenzione”.

 

In relazione alle specifiche attività di lavoro da svolgere (nel documento sono riportate diverse immagini esplicative) questi i suggerimenti per l’operatore:

  • “utilizza guanti per il rischio meccanico;
  • utilizza scarpe di protezione;
  • utilizza l’elmetto in caso siano movimentati carichi sospesi”.

 

Alcuni utili suggerimenti (“La tua sicurezza in pillole”):

  • “fai attenzione al carico, allo sforzo fisico necessario per movimentarlo, a sollevarlo nella maniera corretta utilizzando, se presenti, apposite maniglie o fasce;
  • per trasportare carichi pesanti utilizza opportuni ausili meccanici (carrelli);
  • adotta comportamenti e stili di vita salutari (attività fisica, esercizi di rilassamento, stiramento e rinforzo muscolare)”.

 

 

Il lavoro in altezza e la caduta di materiali dall’alto

Queste le attività, sempre relative alla manutenzione e sanificazione degli impianti di condizionamento, in cui è più elevato il rischio relativo al lavoro in altezza e alla caduta di materiali/oggetti dall’alto:

  • Ispezioni visiva di:
    • “presa dell’aria esterna;
    • condotte aerauliche;
  • Ispezione tecnica:
    • videoispezione;
    • campionamento di superfici e aria;
    • prelievo particolato all’interno delle condotte aerauliche, dei terminali di diffusione e della PAE;
    • misura della portata dell’aria ai terminali di diffusione;
  • Pulizia e sanificazione di:
    • condotte;
    • componenti di linea;
    • terminali di diffusione”. 

Gli operatori devono essere attenti in particolare a:

  • “integrità, compattezza e scivolosità delle superfici nel posizionare la scala;
  • presenza di parapetti adeguati a contenere l’eventuale scivolamento in caso di lavoro sulle coperture;
  • corretto dimensionamento delle scale”.

Alcune ulteriori indicazioni sulle attrezzature:

  • scale portatili – max altezza 15m e se più lunghe di 8m devono essere dotate di rompitratta;
  • scale a libro – max altezza 5m”. 

 

Sempre in relazione alle specifiche attività di lavoro da svolgere, questi i suggerimenti per l’operatore riguardo ai dispositivi di protezione individuale:

  • “utilizza scarpe da lavoro antiscivolo;
  • indossa l’elmetto in caso di rischio di caduta di materiali o oggetti dall’alto;
  • indossa la cintura di sicurezza e agganciati alla fune di ancoraggio se lavori su coperture senza parapetti o scale semplici;
  • se lavori senza mantenere il contatto almeno con una mano sulla scala, assicurati di essere ancorato con la cintura di sicurezza (tranne per le scale a libro o a castello)”. 

 

Riguardo alla “sicurezza in pillole” si ricorda al lavoratore che quando si lavora in altezza bisogna lavorare sempre in coppia, inoltre:

  • “tutte le scale portatili, ad eccezione di quelle a castello, devono essere utilizzate solo in modo occasionale, per raggiungere la quota o per brevissime operazioni, e non per lavori prolungati nel tempo per i quali è preferibile utilizzare attrezzature più stabili (trabattelli, impalcature);
  • gli attrezzi utilizzati sulle scale devono essere trasportati assicurati alla cintura o in borsa a tracolla;
  • durante il lavoro sulle scale si deve evitare il passaggio del personale a terra;
  • nel caso si renda necessaria la presenza di personale che trattiene al piede la scala, questo deve indossare il copricapo antinfortunistico”.

 

L’esposizione a polveri e fibre

L’ultima delle schede che presentiamo riguarda l’esposizione a polveri e fibre, un rischio che è presente specialmente durante:

  • Ispezioni visiva di:
    • “sezioni interne dell’UTA (Unità di trattamento aria, ndr);
    • condotte aerauliche;
    • Impianti;
  • Ispezione tecnica:
    • video-ispezione degli impianti;
    • campionamenti microbiologici di superfici e aria;
    • prelievo del particolato;
  • Pulizia e Sanificazione di:
    • UTA;
    • componenti di linea;
    • condotte aerauliche;
    • terminali di diffusione;
    • unità locali”. 

E bisogna essere attenti a polveri, fibre, residui organici e alle “attività che prevedono il taglio, la rottura, la frammentazione di parti dell’impianto”.  

 

Riportiamo alcune indicazioni relative ai dispositivi di protezione individuale:

  • Tute di protezione:
    • “Verifica la compatibilità con altri DPI;
    • Indossa e togli il dispositivo secondo idonea procedura per evitare la contaminazione delle aree esterne e del vestiario;
    • Utilizza la tuta per tutte le operazioni di pulizia e sanificazione”;
  • Guanti:
    • “Sostituisci i guanti monouso frequentemente e non li riutilizzare;
    • Lava le mani prima e dopo l’uso;
    • Utilizzali per le attività di pulizia e sanificazione”;
  • Occhiali di protezione:
    • “Verifica la compatibilità con altri DPI (vie respiratorie);
    • Se indossi occhiali da vista, usa gli appositi sovraocchiali protettivi;
    • Utilizzali per tutte le attività di ispezione, pulizia e sanificazione”;
  • Dispositivi filtranti per le vie respiratorie:
    • “Verifica la compatibilità con altri DPI;
    • Indossa il dispositivo seguendo la procedura e verifica la tenuta;
    • Non lo indossare sopra a barba e/o basette;
    • Utilizzalo per tutte le attività di pulizia e sanificazione”.

 

La sicurezza in pillole per gli operatori:

  • “fai attenzione ai luoghi di accumulo delle polveri;
  • non fumare, bere o mangiare in prossimità degli impianti;
  • presta attenzione anche alle attività di pulizia del cantiere e al corretto smaltimento dei rifiuti;
  • rimuovi la tuta monouso rovesciandola e smaltiscila negli appositi contenitori;
  • fai la doccia a fine turno”;
  • “rimuovi per ultima la mascherina di protezione delle vie aeree”. 

 

Ricordiamo, in conclusione, che il documento Inail che vi invitiamo a leggere riporta ulteriori schede su:

  • rischio biologico;
  • rischio chimico;
  • rischio elettrico;
  • rischio da rumore;
  • utilizzo di attrezzature e contatto con oggetti.

 

 

RTM

 

Scarica il documento da cui è tratto l'articolo:

Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione Inail, Consulenza tecnica per l’edilizia Inail, Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale Inail, Associazione italiana igienisti sistemi aeraulici, “ Impianti di climatizzazione: salute e sicurezza nelle attività di ispezione e bonifica”, a cura di Patrizia Anzidei, Liliana Frusteri e Federica Venanzetti (Contarp), Federico Brizi (CTE), Raffaele Caruso e Claudio Galbiati (AIISA), Vanessa Manni e Antonella Mansi (Dimeila), Collana Salute e Sicurezza, versione 2017 (formato PDF, 1.99 MB).

 

 

Vai all’area riservata agli abbonati dedicata a “ Ispezione e bonifica degli impianti di climatizzazione”.



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!