esporta articolo in PDF

Gestione dei climatizzatori: elettricità, rumore e attrezzature

Gestione dei climatizzatori: elettricità, rumore e attrezzature
01/07/2019: La tutela della salute e sicurezza nelle attività di manutenzione e gestione degli impianti di climatizzazione. Focus sui rischi elettrici e su quelli correlati all’esposizione a rumore e all’utilizzo di attrezzature.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 

Roma, 1 Lug – Concludiamo con questo articolo la presentazione dei principali rischi per la salute e sicurezza degli operatori che si occupano, nei luoghi di lavoro, della manutenzione, della gestione, delle attività di ispezione, sanificazione e pulizia degli impianti di climatizzazione/condizionamento.

 

Presentazione che abbiamo realizzato sfogliando e riprendendo alcune indicazioni contenute nel documento Inail “ Impianti di climatizzazione: salute e sicurezza nelle attività di ispezione e bonifica”, realizzato da Contarp, Consulenza tecnica per l’edilizia e dal Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale dell’Inail insieme all’Associazione italiana igienisti sistemi aeraulici.

 

Abbiamo raccontato, in precedenti articoli sul tema, i rischi ergonomici e da movimentazione manuale dei carichi, i rischi di caduta dall’alto, l’esposizione a polveri, fibre, agenti chimici e biologici.

E ci soffermiamo oggi su tre ultimi rischi nella gestione degli impianti di condizionamento/climatizzazione: il rischio elettrico, il rischio da rumore e da utilizzo di attrezzature e contatto con oggetti.

 

Il rischio elettrico nella manutenzione degli impianti

L’esposizione a rumori nella gestione degli impianti

Il rischio relativo all’utilizzo delle attrezzature e al contatto con oggetti


Pubblicità
Modello DUVRI
Manutenzione Meccanica Industriale - Modello DUVRI in formato Ms Word
 

Il rischio elettrico nella manutenzione degli impianti

Riguardo al rischio elettrico il documento Inail riporta innanzitutto le fasi di lavoro in cui il rischio è più elevato:

  • Ispezioni visiva di:
    • “condotte aerauliche;
  • Pulizia e sanificazione di:
    • condotte aerauliche;
    • UTA;
    • componenti di linea;
    • unità locali”. 

 

In particolare i lavoratori devono stare attenti a:

  • contatti diretti con elementi in tensione;
  • guasti o difetti di isolamento (contatti indiretti)”. 

 

Sono riportate anche alcune indicazioni, rivolte agli operatori, relative ai dispositivi di protezione individuale:

  • “utilizza guanti isolanti se operi su apparecchi ancora in tensione;
  • utilizza calzature isolanti;
  • indossa l’elmetto in caso di rischio di caduta di materiali dall’alto o di colpi alla testa”.  

 

Altre indicazioni (“sicurezza in pillole”):

  • “verifica l’integrità dell’isolamento dei cavi di alimentazione;
  • opera sull’impianto solo quando fuori tensione. accertati che sia stato scollegato e che sia stata apposta specifica segnaletica”.      

 

 

L’esposizione a rumori nella gestione degli impianti

Veniamo al rischio da rumore che è più elevato durante:

  • Ispezioni visiva di:
    • “condotte aerauliche;
  • Ispezioni tecnica:
    • videoispezione degli impianti;
  • Pulizia e sanificazione di:
    • condotte;
    • componenti di linea”.

 

Alcune indicazioni sul rischio da rumore:

  • nel caso sia a disposizione più di una tipologia di otoprotettori, utilizza quello adatto alla specifica attività lavorativa (la protezione dell’udito non deve impedire la percezione anche di un minimo rumore);
  • ricorda che esiste una interazione riconosciuta tra rumore, vibrazioni e alcune sostanze ototossiche (farmaci, solventi, metalli, fumo di sigaretta, alcool, …)”;
  • “possibilmente cerca di isolare e schermare la sorgente rumorosa;
  • utilizza otoprotettori anche durante attività in prossimità di macchinari e attrezzature rumorosi, specialmente in caso di emissioni impulsive”;
  • verifica se il DPI sia un “dispositivo monouso o riutilizzabile e comportati di conseguenza;
  • indossa gli otoprotettori in maniera corretta”.

 

Rischio rumore

 

Rimandiamo, per questa e per le altre schede di rischio, ad una lettura integrale del documento che oltre a riportare varie indicazioni sull’ uso dei DPI, contiene anche utili immagini esplicative per l’applicazione dei suggerimenti proposti.

 

Il rischio relativo all’utilizzo delle attrezzature e al contatto con oggetti

Questo rischio è innanzitutto più presente durante:

  • Ispezioni visiva di:
    • “presa dell’aria esterna;
    • sezioni interne dell’UTA;
    • condotte aerauliche;
  • Ispezione tecnica:
    • videoispezione;
    • campionamento di superfici e aria;
    • prelievo particolato all’interno delle condotte aerauliche;
    • misura della portata dell’aria ai terminali di diffusione;
  • Pulizia e sanificazione di:
    • condotte;
    • componenti di linea;
    • terminali di diffusione”.

 

E bisogna stare attenti in particolare a:

 

La sicurezza in pillole:

  • “ispeziona visivamente l’utensile prima dell’utilizzo e verificane l’integrità e il corretto funzionamento;
  • utilizza gli accessori corretti;
  • non utilizzare gli utensili per usi diversi da quelli per cui sono stati progettati”. 

 

Alcune indicazioni su alcuni dispositivi di protezione individuale utilizzabili:

  • Elmetto di protezione:
    • “Indossa l’elmetto in caso di rischio di caduta di materiali od oggetti dall’alto”;
  • Occhiali di protezione:
    • “Utilizza gli occhiali di protezione con ripari laterali;
    • Se si indossano occhiali da vista usa gli appositi sovraocchiali protettivi”;
  • Guanti:
    • “Utilizza i guanti per la protezione dal rischio meccanico;
    • In caso di elettroutensili verifica che siano isolanti;
    • In caso di utilizzo prolungato di attrezzi a emissione medio-alta utilizza guanti antivibranti”;
  • Calzature di protezione:

 

Ricordiamo, in conclusione, che il documento Inail, presenta anche tre diverse schede sui DPI con utili suggerimenti generali e specifici sui dispositivi utilizzabili durante le attività di:

  • ispezione visiva e tecnica; 
  • pulizia e sanificazione; 
  • pulizia del cantiere - facchinaggio – trasporto.  

 

 

 

RTM

 

 

Scarica il documento da cui è tratto l'articolo:

Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione Inail, Consulenza tecnica per l’edilizia Inail, Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale Inail, Associazione italiana igienisti sistemi aeraulici, “ Impianti di climatizzazione: salute e sicurezza nelle attività di ispezione e bonifica”, a cura di Patrizia Anzidei, Liliana Frusteri e Federica Venanzetti (Contarp), Federico Brizi (CTE), Raffaele Caruso e Claudio Galbiati (AIISA), Vanessa Manni e Antonella Mansi (Dimeila), Collana Salute e Sicurezza, versione 2017 (formato PDF, 1.99 MB).

 

 

Vai all’area riservata agli abbonati dedicata a “ Ispezione e bonifica degli impianti di climatizzazione”.



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!