stampa articolo  esporta articolo in PDF

Alcune indicazioni sulla formazione per la sicurezza


La formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è una misura di tutela e di prevenzione dei rischi lavorativi. In questo lavoro in prima battuta si analizza l’evoluzione del quadro normativo in materia di formazione e il modello di accreditamento dei soggetti formatori nella Regione Piemonte. Sono chiariti i procedimenti del sistema di accreditamento della formazione e orientamento professionale attraverso un’intervista al funzionario pubblico che li coordina e gestisce. Inoltre vengono messe in evidenza le “ Indicazioni operative per la formazione in materia di salute e sicurezza del lavoro” con informazioni utili sui requisiti necessari per creare, realizzare e controllare i corsi di formazione.

 

Successivamente, è svolta un’analisi dei quesiti pervenuti allo sportello informativo della Regione Piemonte INFO.SICURI da parte di diversi soggetti portatori di obblighi e responsabilità, circoscrivendo e approfondendo le tematiche relative alla formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Le domande sono state raggruppate per aree tematiche/figure di riferimento e per ognuna di esse sono state individuate le criticità emergenti provenienti sia dalla difficoltà di interpretazione della normativa sia dai gap presenti in essa.

 

 

Pubblicità
RSPP-ASPP - Modulo A - 28 ore
Corso online di prima formazione per RSPP/ASPP.

 

 

 

 

 

 

Tratto da:

Prevenzione in corso N. 4/2018 - Formazione sicurezza sul lavoro: problematiche riscontrate, proposte ed indicazioni operative presenti in Regione Piemonte – a cura di Eleonora Luino (pdf)

 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Massimiliano Sanna20/12/2018 (04:53:01)
In realtà, per quanto riguarda la periodicità dell'aggiornamento formativo degli addetti al pronto soccorso, l'art. 3 del DM 388/03 stabilisce che "La formazione dei lavoratori designati andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per
quanto attiene alla capacità di intervento pratico".
Rispondi Autore: Dani Mass20/12/2018 (06:50:51)
@Massimiliano Sanna: è riferito ai formatori e non agli addetti. E poi si riferisce ai formatori antincendio e non PS
Rispondi Autore: Massimiliano Sanna20/12/2018 (15:29:31)
to Dani Mass: il riferimento normativo citato potrebbe essere preso a riferimento, in assenza di provvedimenti specifici, anche per quanto concerne la periodicità degli aggiornamenti dei soggetti formatori.
Rispondi Autore: Claudio Aradori21/12/2018 (11:00:24)
Ma almeno , non prendiamoci in giro , ognuno interpreta come vuole ? I corsi antincendio , vengono svolti in maniera vergognosa e i vvf sono i primi a svolgerli , non servono attrezzature , si danno le patenti , senza nemmeno avere acceso l'auto.....

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!