Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Linee di indirizzo INAIL-CONSEL per i sistemi di gestione della sicurezza

Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 Lavoratori
01/03/2011: Le linee di indirizzo per l’adozione di idonei sistemi di gestione nelle aziende connotate da una grande diffusione capillare sul territorio. La conformità agli standard riconosciuti, lo schema espositivo delle schede e i temi trattati.
Questo documento è il frutto della collaborazione di 14 imprese a rete italiane (Autostrade, Ama, Enel, Trenitalia, Saipem, Poste Italiane, Acea, Italcementi, …) che hanno predisposto un modello comune di Sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro, un modello adatto per le “aziende a rete”, cioè quelle particolari tipologie di aziende connotate da una diffusione capillare sul territorio e i cui processi produttivi e organizzativi sono, dunque, anche strettamente correlati all'indotto.
 
Il gruppo che ha elaborato queste linee di indirizzo ha dato vita a un documento conforme con le Linee guida Uni INAIL - gli standard pubblicati dall'Uni nel 2001 e predisposti in collaborazione con INAIL, ex Ispesl e tutte le principali parti sociali – e congruente con lo standard OHSAS 18001, standard assai diffuso a livello internazionale.
Come indicato nella presentazione dell’Inail, questi due standard di per sé non sono in contrasto e presentano punti di fondo analoghi, ma sono “contraddistinti da ‘prospettive’ di applicazioni differenti: le Uni INAIL hanno, infatti, come focus specifico l'organizzazione e l'implementazione del sistema di gestione, a fronte delle Ohsas 18001 prevalentemente incentrate sulla verifica di certificazione e, quindi, sulle necessità di chi deve farla e condurla”.


Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
 
Queste linee di indirizzo potranno avere poi importanti ricadute sull’indotto lavorativo che - direttamente o indirettamente – partecipa ai processi delle aziende a rete. In questo senso potranno favorire la salute e la sicurezza sul lavoro nelle PMI e tra i lavoratori autonomi che hanno con queste grandi aziende rapporti contrattuali.
 
Il documento, connotato da una forte valenza pratica, ha come punto di partenza imprescindibile l’assoluto rispetto delle leggi in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare attenzione agli aspetti di sicurezza lungo la catena di fornitura.
 
Le linee di indirizzo SGSL-AR si articolano in una serie di schede pratiche “nelle quali vengono descritti i requisiti e le modalità di corretta gestione di specifici processi correlati ed interagenti che compongono un sistema di gestione aziendale”.
La finalità è quella di “strutturare un sistema organico, integrato con l’operatività aziendale complessiva, che intende pianificare i miglioramenti progressivi delle sue performance nella tutela della salute e della sicurezza sul lavoro come effettivo risultato delle proprie attività e dei propri processi produttivi”.
I diversi processi descritti in ogni scheda “sono trattati con approccio di sistema che li collega ai processi correlati ai quali rimanda per le specifiche indicazioni operative” e l’insieme dei processi e le loro “corrispondenze con le Linee Guida SGSL - UNI 2001 e le BS OHSAS 18001 sono evidenziate nella tabella di correlazione riportata tra gli allegati”
 
Questo lo schema espositivo per ogni processo previsto:
- “scopo e obiettivi: che esplicitano cosa si prefigge il processo;
- elementi di sistema: nei quali sono spiegati i requisiti e le modalità operative con cui svolge il processo;
- documentazione di riferimento in cui sono riportati: i riferimenti normativi esterni che pongono vincoli al processo, incluse le leggi e le norme di gestione, o possono fornire indicazioni di riferimento; i collegamenti ai processi correlati delle stesse Linee di indirizzo SGSL-AR; l’elenco delle procedure e delle registrazioni di cui si richiede l’implementazione nella fase di applicazione in azienda”;
- ruoli e responsabilità: che indicano “i ruoli e le funzioni delle diverse figure aziendali coinvolte nelle attività di ogni processo, anche tenendo conto degli obblighi di legge; le eventuali deleghe o procure presenti nell’Organizzazione (art. 16 e 93 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) dovranno collimare con l’articolazione dei ruoli e delle responsabilità aziendali;
- meccanismo di verifica: in cui viene descritto come si misura l’efficacia del processo”.
 
Questi i temi trattati dalle linee di indirizzo:
 
- pianificazione: identificazione e gestione della normativa applicabile; analisi e valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro; analisi e valutazione rischi stress-lavoro correlato; analisi e valutazione rischi guida veicoli aziendali; obiettivi e programmi;
 
- attuazione: definizione ed assegnazione delle responsabilità, autorità, ruoli ; competenza, formazione - addestramento e consapevolezza; comunicazione, consultazione, partecipazione, rapporto con l’esterno; documentazione del sistema di gestione e controllo dei documenti; controllo operativo; gestione delle emergenze;
 
- verifica: sorveglianza e misurazioni; Infortuni, incidenti, situazioni pericolose, non conformità, azioni correttive ed azioni preventive; audit;
 
- riesame della direzione;
 
- modelli organizzativiD.Lgs. 231/2001.
 
 
L’applicazione capillare di queste linee, disponibile per le aziende italiane che ritenessero di sviluppare il loro Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro, potrà rappresentare un passo avanti nella diffusione delle “buone pratiche” in grado di contribuire al contenimento del fenomeno infortunistico e alla “promozione di modelli aziendali sempre più rispettosi della salute e della sicurezza dei lavoratori”.
 
 
 
Linee di indirizzo SGSL – AR. Per l’implementazione dei sistemi di gestione per la salute e la sicurezza nelle imprese a rete”, a cura di un gruppo di lavoro coordinato da di INAIL e Consel Consorzio Elis (formato PDF, 633 kB).
 
 
Tiziano Menduto
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!