Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza: #Viaggiando

Brescia, 31 Lug - Dopo tanti mesi riprendiamo oggi con SICURELLOno le immagini dell’insicurezza.

 

Durante il periodo del lockdown la voglia di scrivere era tanta, ma sembrava di essere cinici ad accanirsi sui tanti aspetti di insicurezza connessi al COVID-19, l’ultimo intervento, di fine febbraio era incentrato sul cattivo utilizzo dei guanti di protezione, poi la realtà “ha superato la fantasia” e sarebbe stato veramente di cattivo gusto affrontare il tema degli errori nell’indossare le mascherine, i camici, le altre protezioni necessarie. Oppure approfondire gli aspetti negativi di persone che non avevano la più pallida idea di cosa voleva dire “dispositivi di protezione individuale” ed allora la scelta di fermarsi un attimo.

 

Riprendiamo oggi con questo articolo dedicato ad un argomento ed a un problema che è sempre presente nella vita di tutti i giorni ed è legato al tema della guida degli autoveicoli, anche in ambito lavorativo.

 

Pubblicità
La mia protezione dal virus - 30 minuti
Informazione ai lavoratori sull'uso dei dispositivi di protezione dal rischio biologico causato da virus ai sensi dell'Articolo 36 del D.Lgs. 81/2008
 

Le immagini dell’insicurezza di oggi presentano infatti un lavoratore (perlomeno la vettura riportava i loghi di una grossa realtà nazionale) che durante il transito su una strada statale ha violato il codice della strada. E fin qua, probabilmente nessuno di noi (o quasi) potrebbe scagliare la prima pietra, però la manovra fatta da questo autista ritengo sia da stigmatizzare in maniera molto forte in quanto la violazione oltre ad essere palese comporta anche una serie di risvolti che per fortuna non hanno avuto ripercussioni (leggasi incidenti).

 

La situazione era quella classica, traffico verso la città, numerosi camion ed il flusso di traffico che viaggia a velocità abbastanza bassa. Improvvisamente l’autista di una vettura inizia il sorpasso, forse ha visto un rettilineo e non si è reso conto dell’incrocio canalizzato presente poco più avanti, forse pensava di rientrare prima dell’aiuola spartitraffico e poi visto che non arrivava nessuno ha deciso di continuare contromano, forse era disattento, forse era solo incosciente, forse…

 

Non sappiamo le sue motivazioni, quello che sappiamo è che già alcuni chilometri prima (la possibilità di vedere l’ultimo tratto del viaggio registrato automaticamente dalle telecamere della macchina è un ottimo aiuto) aveva già effettuato alcuni sorpassi in tratti di strada con linea continua, poi si era accodato ed alla prima occasione si è “rilanciato”.

 

 

 

 

 

 

 

 

La sequenza è chiara, la vettura supera, non rientra, affronta contromano il tratto di strada limitato dall’aiuola spartitraffico centrale, rientra a metà dell’incrocio canalizzato, inchioda per non tamponare la vettura che precede e che aveva a sua volta rallentato per permettere ad altre macchine di immettersi sulla strada e via.

 

Tutto è andato bene (altrimenti ne avrebbero parlato le cronache dei giornali). L’assurdo, se di assurdo si può parlare è che dopo circa mezzo chilometro la strada diventa a quattro corsie e di conseguenza il sorpasso era del tutto inutile (oltre che da incosciente).

  

Come già fatto in altre puntate, vi proponiamo anche il passaggio video. Infatti, questa puntata delle immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no continua sul Canale Youtube di SICURELLOsi SAFETY con il video completo (e dal quale è stata tratta la sequenza di oggi).

 

   

        

nb. Trattandosi di riprese con telecamere fisse posizionate sulla vettura non vi è alcuna distrazione dell’autista.

        

Geom. Stefano Farina

Consigliere Nazionale AiFOS   



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Tedone Massimo - likes: 0
01/08/2020 (00:29:54)
Beh che dire, complimenti al pilota.
Purtroppo non di rado si vedono scene da infarto sulle strade, per non parlare della rete autostradale.
Visto che nessuno si è fatto male, una informativa alle forze dell'ordine non guasterebbe anche perchè certe cose non si fanno nemmeno se si massima urgenza ..... a meno che il pilota non sia stato sotto l'effetto di droghe o alcool, oppure abbia avuto un malore giusto in quel tratto di strada. ..... mi sento un pochino pinocchietto ma va bene così

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!