Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza: intervento a cantiere aperto


Brescia, 14 Set - Le buone regole del lavoro e della sicurezza prevedono che i cantieri siano delimitati ed inaccessibili ai non addetti ai lavori. A volte, vista la brevità dell’intervento si tende a dimenticare quelle che sono le buone regole, ma il cantiere illustrato nelle immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi va ben oltre a tutto ciò e si assiste all’esecuzione di uno scavo profondo almeno un metro che dal punto di vista del cantiere è stato “liberamente interpretato”, ovvero è totalmente libero da ogni protezione.

 

Pubblicità
Preposti - Aggiornamento quinquennale - 6 ore
Corso online di aggiornamento quinquennale per Preposti di tutti i settori o comparti aziendali.
 

Ed allora i pedoni che camminano sul marciapiede, nonché le vetture ed i motocicli che transitano sulla strada lo fanno a ridosso dei mezzi d’opera, dello scavo e dei lavoratori che all’interno dello scavo stanno “tranquillamente” operando.

 

E non si tratta di una stradina secondaria di scarso traffico, ma di una strada posta all’interno dell’anello di una delle città presenti nella top 3 di quelle più popolose del nord Italia.

 

 

 

Gli unici elementi di “sicurezza” sono un segnale di lavori in corso posto sulla carreggiata e alcuni coni segnalatori messi però a delimitare la zona di divieto di sosta per le autovetture e per il resto: nulla, assolutamente nulla, solo attrezzature e materiali a ridosso del marciapiede che risulta anche parzialmente ingombro dei materiali di scavo.

 

Un cantiere tutto aperto che forse andrebbe chiuso.

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS e Referente Gruppo di Lavoro Costruzioni di AiFOS.

 

Fonte: SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni.

 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: GIOVANNI B. GARBELLOTTO - likes: 0
14/09/2018 (12:15:33)
Comportamenti diffusi un pò dappertutto!
Quali sono le giustificazioni possibili che vengono date dagli "attori"?
Chi ha il compito di intervenire?
Facili sono le risposte, più complesso è l'agire.
Comunque: segnalare queste situazioni (con foto, clips, ecc.) è in primo luogo un buon servizio per la "safety", ma soprattutto un impegno di eduzazione civica.
Rispondi Autore: Mauro - likes: 0
15/09/2018 (23:05:11)
È paradossale poi che i lavori pubblici, che dovrebbero essere più attenti alla sicurezza, sono spesso quelli più trascurati in questo senso.

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!