Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza: intervento a cantiere aperto


Brescia, 14 Set - Le buone regole del lavoro e della sicurezza prevedono che i cantieri siano delimitati ed inaccessibili ai non addetti ai lavori. A volte, vista la brevità dell’intervento si tende a dimenticare quelle che sono le buone regole, ma il cantiere illustrato nelle immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi va ben oltre a tutto ciò e si assiste all’esecuzione di uno scavo profondo almeno un metro che dal punto di vista del cantiere è stato “liberamente interpretato”, ovvero è totalmente libero da ogni protezione.

 

Pubblicità
Preposti - Aggiornamento quinquennale - 6 ore
Corso online di aggiornamento quinquennale per Preposti di tutti i settori o comparti aziendali.
 

Ed allora i pedoni che camminano sul marciapiede, nonché le vetture ed i motocicli che transitano sulla strada lo fanno a ridosso dei mezzi d’opera, dello scavo e dei lavoratori che all’interno dello scavo stanno “tranquillamente” operando.

 

E non si tratta di una stradina secondaria di scarso traffico, ma di una strada posta all’interno dell’anello di una delle città presenti nella top 3 di quelle più popolose del nord Italia.

 

 

 

Gli unici elementi di “sicurezza” sono un segnale di lavori in corso posto sulla carreggiata e alcuni coni segnalatori messi però a delimitare la zona di divieto di sosta per le autovetture e per il resto: nulla, assolutamente nulla, solo attrezzature e materiali a ridosso del marciapiede che risulta anche parzialmente ingombro dei materiali di scavo.

 

Un cantiere tutto aperto che forse andrebbe chiuso.

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS e Referente Gruppo di Lavoro Costruzioni di AiFOS.

 

Fonte: SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni.

 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: GIOVANNI B. GARBELLOTTO14/09/2018 (12:15:33)
Comportamenti diffusi un pò dappertutto!
Quali sono le giustificazioni possibili che vengono date dagli "attori"?
Chi ha il compito di intervenire?
Facili sono le risposte, più complesso è l'agire.
Comunque: segnalare queste situazioni (con foto, clips, ecc.) è in primo luogo un buon servizio per la "safety", ma soprattutto un impegno di eduzazione civica.
Rispondi Autore: Mauro15/09/2018 (23:05:11)
È paradossale poi che i lavori pubblici, che dovrebbero essere più attenti alla sicurezza, sono spesso quelli più trascurati in questo senso.

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!