Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità
 
Trento, 25 Sett - Uno degli ambiti legati alla prevenzione dei rischi di caduta dall’alto è quello che prevede, preventivamente all’utilizzo dei DPI anticaduta, l’effettuazione di momenti formativi, informativi, nonché di attività di addestramento “pratico” dei lavoratori (nonché in taluni casi anche il corso relativo al montaggio di ponteggi).
 

Pubblicità
No Work Stress
Guida video alla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e alla promozione del benessere e della salute in azienda
 
 
Può capitare che durante un momento formativo il partecipante non comprenda correttamente una procedura o  un’indicazione, ma durante la fase di verifica dell’apprendimento tale lacuna dovrebbe evidenziarsi.
 
Le immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi ci mostrano invece cos’è successo in un cantiere: un operaio, fresco di attestato di partecipazione ad un corso di formazione ed addestramento in materia di caduta dall’alto ed utilizzo dei relativi dispositivi di protezione e sistemi anticaduta, inizia a sistemare una struttura di puntellazione costituita da elementi prefabbricati.
 
 
 
 
 
 
 
Peccato che il sistema di trattenuta, costituito da un avvolgitore retrattile (arrotolatore) del peso di oltre 10 kg, non venga agganciato al punto di ancoraggio previsto dal datore di lavoro e riportato all’interno del POS nel quale è indicata anche la relativa procedura di lavoro, correttamente descritta secondo gli schemi del produttore della struttura, ma sia agganciato direttamente sul gancio dorsale dell’imbracatura indossata dall’operatore.
 
Naturalmente nessuno dei colleghi presenti - preposto compreso - che avevano partecipato al medesimo evento formativo/addestrativo si accorgevano di quella che – volendo esser buoni - possiamo definire “un’anomalia”.
 
Formazione/addestramento sbagliati?
Formazione/addestramento teorico o incompleto?
Formazione/addestramento solo sulla carta?
 
Penso che la risposta sia abbastanza evidente.
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Eugenio Roncelli25/09/2015 (08:46:38)
In caso di incidente, il giudice darà ancora la colpa sempre e solo al DdL ?? (e al CSE !!)
Oppure finalmente si prenderà in considerazione anche la colpa dei lavoratori !
Rispondi Autore: Luca Mangiapane25/09/2015 (08:48:18)
Conosco la persona nella foto. E' un noto bodybuilder e per essere sempre allenato si mette dei pesi sulla schiema per fare lo squat in ogni occasione.
Rispondi Autore: Luca Mangiapane25/09/2015 (09:04:10)
A parte il body building, se il geom. Farina non avesse puntualizzato il problema della cintura di sicurezza, io avrei detto altre cose, che però a mio parere coinvolgono anche la formazione del responsabile di cantiere e del CSP/CSE e sono:
1) in una attività di getto di predisposizione di armature e poi getto del calcestruzzo, non è possibile operare con le imbracature di sicurezza. La legge è chiara: prima le protezioni collettive e solo quando non è possibile questo allora i DPI. Se le attività sono sufficientemente studiate il parapetto lo si mette su qualsiasi cassero
2) Il ponteggio di accesso non è costruito conformemente alla legge perché ai diversi piani non è presente un parapetto completo.
3) Sempre nel ponteggio, la scala è piuttosto folcloristica in quanto nel piano dove è presente il mio amico per passare al piano superiore occorre cambiare la scala a metà altezza
4) sempre in pregio alla legge (art. 111) non esiste uno sbarco sicuro dal ponteggio al piano di lavoro. la persona che accede al piano di lavoro si arrampica sui casseri dal piano di sotto o si butta dal piano di sopra?
5) la persona sul cassero, che non è un culturista (vedi panza) ha si la cintura di sicurezza, ma non si vede cordino per cui ho non lo ha, non sa dove agganciarsi, non ha si vuole agganciare
Quindi visto quanto sopra, non mi sembra che il problema più importante sia dove la persona si aggancia il sacchetto del dispositivo retrattile.
Rispondi Autore: lino emilio ceruti25/09/2015 (17:25:07)
occhio d'aquila !!!
Rispondi Autore: carmelo catanoso26/09/2015 (17:02:26)
In effetti, basta guardare le foto per rendersi conto che la "formazione/addestramento" non è il problema prioritario.
C'è ben altro.....

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!