Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
  
Brescia, 6 Feb - Le immagini dell’insicurezza di oggi ci mostrano il collassamentodi una gru a torre avvenuto alcuni anni fa a seguito – si presume – di un cedimento strutturale.


Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
 
Durante la normale attività di sollevamento materiali all’interno di un cantiere, improvvisamente la gru è crollata.
 
 
 
Schematicamente quanto successo è riassunto nello schema grafico (immagine 02):
-          Il tirante del controbraccio cede,
-          Il controbraccio ruota verso il basso andando a colpire la torre della gru,
-          La torre si piega su se stessa collassando,
-          La torre ed il braccio cadono sull’opera in costruzione (primo solaio).
 
 
 
Forse un’errata manovra con il carico che - impigliatosi in qualche ostacolo - viene “strappato”,
·         forse un tiro effettuato con il carico non in asse con il carrello (trascinamento);
·         forse un errato montaggio (la gru era stata installata in quel cantiere circa sei mesi prima),
·         forse un problema di manutenzione,
·         forse una non corretta verifica delle condizioni di vetustà e/o del superamento dei cicli di lavoro della gru,
·         forse un difetto costruttivo,
·         forse un insieme di eventi che si sono sommati.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Effettivamente non conosciamo i risultati finali dell’analisi di quanto accaduto e quanto sopra indicato è esclusivamente frutto di ipotesi sulle possibili cause.
In ogni caso la conseguenza è quella che riportano le fotografie: la piastra di aggancio del controbraccio, durante il sollevamento di un carico non gravoso (circa il 20% della portata)  si è spezzata di netto (vedasi foto 05) determinando il cedimento della gru.
 
Segnaliamo che in questo incidente non vi sono stati danni a persone.
 
L’immagine 02 è di Federica Farina.
 
Le fotografie sono state cromaticamente alterate.
 
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Massimo Trolli
06/02/2015 (07:37:28)
Un apparecchio di sollevamento, in particolare una gru di cantiere, non deve mai sottostare a quei troppi forse ipotizzati.
Rispondi Autore: Harleysta
06/02/2015 (08:27:30)
...straquoto il dott. trolli, in italia si fanno mille ipotesi e non ci sono mai responsabili, forse il minatore che ha estratto il ferro con cui è stata costruita la gru...
Rispondi Autore: Dario Lagostena
06/02/2015 (08:37:27)
Provo a dare un'interpretazione di quanto si vede nelle foto.
Nella foto 5 si vede che la superficie di frattura della piastra del controbraccio ha una zona ossidata sulla destra: quella era una cricca sulla saldatura che si stava propagando indisturbata da lungo tempo prima del crollo. Dopo aver sufficientemente ridotto la sezione resistente della piastra, questa ha ceduto. Qualunque fosse la causa della cricca (che in genere è causata da una sollecitazione variabile ripetuta nel tempo, non da singoli sovraccarichi), questa non è stata rilevata per mancanza di controlli (anche visivi) alla struttura

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!