LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

08 marzo 2016 - Cat: Differenze di genere
  

Buona giornata della donna a tutte le lavoratrici!


Le donne e il lavoro: quali sono le differenze che possono incidere sulla Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro? Cosa possono fare i datori di lavoro? Una rassegna con le principali indicazioni per datori di lavoro e RSPP.

Pubblicità

 
 
Inizialmente denominata Giornata internazionale delle donne lavoratrici, l’8 marzo è celebrato da oltre 100 anni per riconoscere il ruolo delle donne ed il loro contributo alla società.
Le donne rappresentano il 45 % della popolazione attiva dell’Unione europea. Nonostante ciò, sono ancora troppo numerosi i posti di lavoro concepiti con in mente il tipico lavoratore di sesso maschile.
Per rendere la vita lavorativa delle donne più sana, più sicura e più produttiva è necessario un approccio alla salute e alla sicurezza più "sensibile al genere".
 

Pubblicità
Aggiornamento Lavoratori Uffici - 6 oreLavoratori - Aggiornamento Lavoratori Uffici - 6 ore
Corso online di aggiornamento per lavoratori che operano in attività di ufficio, personale commerciale, commessi, venditori, informatori
 
Le donne e la Sicurezza e Salute sul Lavoro
Gli uomini e le donne non sono biologicamente uguali (differenze di sesso) e anche le rispettive professioni, condizioni lavorative e modalità di trattamento sono diverse (differenze di genere).
Vi sono differenze che possono incidere sui pericoli cui uomini e donne sono esposti sul luogo di lavoro e sul modo di valutarli e tenerli sotto controllo; per questo l'EU-OSHA conduce ricerche e accresce la conoscenza sulle problematiche della SSL che le donne affrontano al lavoro.
 
Differenze che possono incidere sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro
Ci sono differenze che influiscono sui rischi cui sono esposti gli uomini e le donne. Le donne:
·lavorano in settori specifici e svolgono tipi specifici di lavoro;
·coniugano una duplice responsabilità, sul luogo di lavoro e a casa;
·sono sottorappresentate a livello di supervisione e di gestione;
·sono fisicamente diverse rispetto agli uomini, anche se spesso vi sono differenze maggiori tra donne e donne che non tra uomini e donne, per esempio in termini di forza fisica;
·svolgono mansioni che sono spesso erroneamente considerate sicure e semplici.
Spesso queste differenze non vengono riconosciute nella prassi in materia di salute e sicurezza e, per di più, i rischi correlati ai carichi di lavoro e allo stress per le donne al lavoro sono spesso sottovalutati. L'EU-OSHA intende evidenziare queste differenze e contribuire al miglioramento della SSL nei settori che riguardano maggiormente le donne.
 
Cosa possono fare i datori di lavoro
Un approccio di genere alla SSL si traduce nel riconoscimento e nella considerazione delle differenze tra lavoratori e lavoratrici.
I datori di lavoro possono:
·puntare a rendere il lavoro più sicuro e più facile per tutti;
·inserire le problematiche legate al genere nella valutazione dei rischi;
·considerare il lavoro effettivamente svolto ed evitare di stabilire a priori quali sono le persone a rischio e perché;
·essere flessibili per quanto riguarda gli orari lavorativi;
·coinvolgere le donne nel processo decisionale in materia di SSL.
Questo approccio è vantaggioso per tutti i dipendenti, non solo per le donne.
 
Fonte: Eu-Osha
 
 
Per approfondire il tema leggi gli articoli della rassegna stampa degli articoli pubblicati negli ultimi anni per i datori di lavoro sulle problematiche legate al genere e sulla valutazione dei rischi.
 





Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: