LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Gru a torre: guida alla verifica della conformità


Una guida per l’identificazione delle apparecchiature per l’edilizia non conformi alla legislazione europea si sofferma sulle gru a torre. Marcatura, istruzioni, documenti, combinazione di componenti e componenti aggiuntivi di sicurezza.

Pubblicità

Bruxelles, 1 Lug – Dopo aver presentato una guida alla verifica della conformità di  rulli e compattatori stradali, PuntoSicuro si sofferma su un’altra pubblicazione del Committee for European Construction Equipment ( CECE) per riconoscere le non conformità delle macchine all’interno della Unione Europea e diminuire il numero di  infortuni lavorativi.
 
Infatti le varie apparecchiature per l’edilizia che sono collocate per la prima volta sul mercato dell’Unione Europea e dell’EEA (l’area economica europea che comprende anche alcuni paesi non membri UE) devono essere conformi alle norme europee corrispondenti e rispettare tutti i criteri di sicurezza e tutela ambientale in vigore. E un macchinario che non rispetti i requisiti richiesti non solo non è conforme e non può essere collocato sul mercato UE, ma ha una maggiore probabilità di causare  incidenti sul lavoro.
 
Il Committee for European Construction Equipment, in qualità di organizzazione che rappresenta e promuove i produttori di macchinari da costruzione, si sofferma in questo caso sulle  gru a torre con una breve guida per l’identificazione di macchinari da costruzione non conformi dal titolo “Questa gru a torre rispetta le norme europee?”. 
 
Ricordiamo che la guida non è esaustiva, ma rappresenta uno strumento di “primo avvertimento”. Se uno o più elementi “non sono in linea con i criteri è molto probabile che l’apparecchiatura in questione non sia conforme”.
 
Pubblicità
Gru a torreMateriale per formatori - Gru a torre
Modello di corso su Slide in formato PDF per formatori sulla sicurezza

 
Questi sono gli elementi più comuni di non conformità alle norme europee per le gru a torre:
- marcatura;
- documenti;
- combinazione di componenti;
- rumorosità;
- componenti aggiuntivi di sicurezza;
- avvertenze/etichette;
- istruzioni.
 
Ci soffermiamo su alcuni degli elementi da verificare nelle macchine:
 
- marcatura: permette l’identificazione della macchina e del produttore. “Tutti i macchinari da costruzione commercializzati all’interno dell’UE devono essere marcati in modo chiaro e permanente in una delle lingue della Comunità”. Nella guida sono indicate le informazioni che devono essere presenti nella targa del macchinario;
 
- documenti: “tutti i macchinari da costruzione collocati sul mercato dell’UE per la prima volta devono essere accompagnati da una Dichiarazione di Conformità. La dichiarazione di conformità può essere redatta separatamente per direttive diverse. La Dichiarazione di conformità è un documento fondamentale che mostra a quali Direttive CE è conforme il macchinario”. Nella guida sono riportate le Direttive che devono essere rispettate;
 
- combinazione di componenti: “le gru a torre sono montate facendo uso di combinazioni di componenti. La conformità di queste applicazioni è garantita se i componenti sono stati approvati dal produttore della gru. La combinazione di componenti di produttori diversi mina la conformità della gru. Particolare attenzione deve essere prestata all’impiego di componenti non conformi e/o contraffatti”. Questi i casi più frequenti di componenti combinati: “piedi di base a perdere; ralle di rotazione; elementi di torre; meccanismi; tronchi di braccio”; 
 
- rumorosità: “tutte le gru a torre devono essere marcate con il proprio livello di potenza sonora garantita. Il livello massimo consentito di potenza sonora garantita dipende dalla potenza installata. Una macchina con potenza installata di 25 kWatt deve avere una potenza sonora garantita non superiore a 97dB”. “Il livello sonoro è riportato mediante un adesivo applicato. Il livello di potenza sonora è generalmente indicato alla base e nella parte superiore della gru”;
 
- avvertenze/etichette: “le informazioni e le avvertenze sul macchinario devono essere pittogrammi o indicazioni in una lingua comunitaria del paese in cui la macchina viene commercializzata o utilizzata”;
 
- istruzioni: “le istruzioni per un utilizzo sicuro sono un requisito della legge europea e devono sempre accompagnare la macchina”.
 
Questi i requisiti base delle istruzioni:
- le istruzioni devono essere nella lingua dello stato membro in cui la macchina è stata commercializzata o messa in opera;
- devono essere solo ‘istruzioni originali’ o una ‘traduzione delle istruzioni originali’, nel qual caso la traduzione deve essere accompagnata dalle istruzioni originali;
- le parole ‘istruzioni originali’ devono essere presenti sulla versione (o versioni) nella lingua verificata dal produttore o dal suo rappresentate autorizzato. Se non esistono ‘istruzioni originali’ e sono presenti traduzioni, queste devono riportare la dicitura ‘traduzione delle istruzioni originali’;
- le istruzioni devono coprire l’uso previsto del macchinario e anche qualsiasi uso scorretto ragionevolmente prevedibile;
- le istruzioni devono includere il nome e l’indirizzo del fabbricante;
- le istruzioni devono includere una copia della marcatura della macchina ad eccezione del numero di serie;
- le istruzioni devono includere una copia delle principali voci della Dichiarazione di Conformità;
- le istruzioni devono contenere i risultati delle misurazioni per i livelli di rumore nella stazione di comando di questo tipo di macchina;
- le istruzioni devono inoltre contenere le indicazioni per montare, utilizzare, manutenere e smontare la gru”.
Senza dimenticare che l'altezza delle gru a torre “può spesso essere aumentata con procedure di sopraelevazione, definite sopraelevazione top climbing (o esterna) o sopraelevazione bottom climbing (o interna). In caso di sopraelevazione di una gru a torre, occorre fornire anche le istruzioni per questa operazione”.
 
Rimandando i lettori al documento originale, ricco di immagini e esempi esplicativi, concludiamo affrontando un ultimo elemento importante per verificare sia la conformità dell’apparecchiatura che la sicurezza per i lavoratori: la presenza dei componenti aggiuntivi di sicurezza.
Infatti la seguente attrezzatura di sicurezza supplementare assicura che la gru a torre rispetti le norme corrispondenti:
- l’utilizzo dell’anemometro è obbligatorio per le gru a torre automontanti con altezza del gancio superiore a 30 m e per gru a rotazione alta;
- il carrello del braccio deve essere dotato di cestello;
- le gru a comando remoto devono essere dotate di indicatori luminosi esterni per indicare la condizione della macchina. La luce verde deve essere collocata in modo da essere visibile dalle persone che si trovano vicino alla gru”;
- altri componenti aggiuntivi riguardano battipiede, ringhiere e accesso. “I battipiede devono evitare la caduta di oggetti”.
 
Infine alcuni esempi non conformi:
- “nella torre non sono presenti ballatoi (molto pericoloso). La gru a torre deve avere ballatoi almeno ogni 6 metri”;
 - “la mancanza di un tergicristalli per la cabina implica scarsa visibilità”;
- “le aperture nelle passerelle possono creare un pericolo di caduta (le passerelle devono sempre avere aperture inferiori a 20 mm)”.
 
 
Committee for European Construction Equipment, European Federation of Materials Handling, “ Questa gru a torre rispetta le norme europee?”, breve guida per l’identificazione di macchinari da costruzione non conformi (formato PDF, 1.72 MB).
 
 
RTM
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: Morando05/07/2013 (12:13:15)
Sia sulle cranes gru a torre e gru semoventi in fattore di sicurezza bisogna anche sapere se le stesse gru " siano.." state costruite a dovere rispettandone tutte le sicurezze in fase di costruzione..ovvero ( si può sempre venirne a capo insomma sapere..) se le gru siano state saldate da saldatori esperti e con i relativi patentini di saldatura NON di rado certa multinazionali hanno adoperato per anni lavoratori precari provenienti dalle ditte di somministrazione interinali assunti per altre mansioni..facendo di fatto fare i saldatori !!! Saldatori interinali privi di patenti del RI.NA e privi di visite mediche da saldatore..privi di corsi di legge sulla sicurezza D.L.gs 81/2008.. e sono presenti su molte gru pure saldature soffiate (bucate) e mancanti.! Ricordando che per le gru semoventi le gru sono montate al contrario..per vedere le saldature mancanti e soffiate bisogna smontare gli assali ecc. !!! Tutto dimostrabile con un infinità di fotografie a prova che NON sono solo parole, sempre disponibili alle autorità per visione..Inutile poi dire che saldare su vernici e olio protettivo fa male alla nostra altrui salute..e che le saldature sia delle gru a torre che gru semoventi senza riscaldo l'acciaio tira..e può criccare l'acciaio stesso ! Ma siamo in Italia solo dopo gli incidenti si verrà chiamati a testimoniare e a portare prove..prevenire è meglio che curare, ma certe maestranze hanno fretta di consegne e la sicurezza passa all'ultimo posto si preferisce rischiare..Tanto gli operai che sanno e con prove sono lasciati a casa dispersi..senza che nessuno venga a sapere queste verità !
Morando

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: