Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Atmosfere esplosive: nuove linee guida per la direttiva 2014/34/CE

Atmosfere esplosive: nuove linee guida per la direttiva 2014/34/CE
19/06/2020: Pubblicata una nuova versione delle linee guida realizzate dalla Commissione europea per l’applicazione della direttiva 2014/34/UE su apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva.

Bruxelles, 19 Giu – La Direttiva 2014/34/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio 2014 concernente “l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva” è una direttiva che ha abrogato, dal 20 aprile 2016, la direttiva 94/9/CE.

 

Se l'obiettivo della direttiva 2014/34/EU, una direttiva di prodotto, è quello di garantire la libera circolazione dei prodotti ai quali si applica nel territorio dell'Unione Europea, tale direttiva si sofferma sui sistemi di protezione dalle esplosioni e risulta rilevante anche in termini di prevenzione e protezione in relazione al rischio di atmosfere esplosive (ATEX - "Atmosphères explosibles").

 

Per questo motivo accenniamo alla pubblicazione di una recente nuova versione della guida all’applicazione della direttiva elaborata dalla Commissione Europea e arrivata alla terza edizione:

  • prima edizione: aprile 2016
  • seconda edizione: dicembre 2017
  • terza edizione: maggio 2020

 

L'articolo si sofferma su:



Pubblicità
ATEX GAS - Rischi specifici per la sicurezza sul lavoro
Rischio: ATEX GAS - La valutazione di tutti i rischi specifici in un unico software interfacciabile

 

La normativa nazionale e le direttive ATEX

Ricordiamo innanzitutto che in Italia il D.lgs. 81/2008 nel Titolo XI (Protezione da atmosfere esplosive) prescrive le misure per la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive.

Come indicato nell’articolo “ Atmosfere esplosive: la valutazione nell'industria chimico-farmaceutica” con atmosfera esplosiva in un dato luogo di lavoro “s’intende un’area in cui è possibile che si crei una miscela con l’aria, a condizioni atmosferiche (pressione ordinaria compresa tra 0.8 bar e 1.1 bar e temperatura ordinaria compresa tra -20°C e +60°C), di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri in cui, dopo l’accensione, la combustione si propaga insieme alla miscela incombusta”. E dunque si tratta “rapida combustione di una sostanza combustibile, che si trova in proporzioni ideali con il comburente (ossigeno dell’aria), sicché la velocità della combustione è elevata ed il fenomeno assume carattere esplosivo, ovvero crea una violenta ossidazione, accompagnata da un repentino aumento di temperatura, di pressione o di entrambe le grandezze simultaneamente con conseguente rilascio irreversibile di energia sotto forma di onde di pressione che si propagano nello spazio circostante”.

 

Il Titolo del Testo Unico si applica in particolare, con diverse eccezioni indicate nel decreto, ‘a tutti i luoghi di lavoro ove possono essere presenti atmosfere esplosive dovute a gas/vapori/nebbie e/o polveri, anche nei lavori in sotterraneo, ove è presente un'area con atmosfere esplosive, oppure è prevedibile, sulla base d’indagini geologiche, che tale area si possa formare nell'ambiente”.

 

Riguardo all’Unione Europea segnaliamo poi che la Direttiva Atex 2014/34/UE è stata recepita con il Decreto legislativo 19 maggio 2016, n. 85Attuazione della direttiva 2014/34/UE concernente l'armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva”.

E tale decreto si applica ai seguenti prodotti:

  1. apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva;
  2. dispositivi di sicurezza, di controllo e di regolazione destinati ad essere utilizzati al di fuori di atmosfere potenzialmente esplosive, necessari o utili per un sicuro funzionamento degli apparecchi e dei sistemi di protezione, rispetto ai rischi di esplosione;
  3. componenti destinati ad essere inseriti negli apparecchi e sistemi di protezione di cui alla lettera a).

 

Ricordiamo poi la Direttiva ATEX 99/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 dicembre 1999 che è, invece, relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive.

 

La pubblicazione delle linee guida per la direttiva 2014/34/CE

Nel mese di maggio sono state dunque pubblicate le nuove linee guida, per il momento solo in lingua inglese, dal titolo “ATEX 2014/34/EU Guidelines. Guide to application of the Directive 2014/34/EU of the European Parliament and of the Council of 26 February 2014 on the harmonisation of the law of the Member States relating to equipment and protective systems intended for use in potentially explosive atmospheres”.

 

 

Le nuove Linee Guida ATEX – curate da Mario Gabrielli Cossellu e Jan Mayerhöfer con la partecipazione e il sostegno dei membri del gruppo di lavoro ATEX 2014/34/UE - diventeranno un vero e proprio manuale per tutte le parti che sono, direttamente o indirettamente, interessate dalla direttiva 2014/34/UE indicata come ATEX (ATEX 114) e che, come già indicato, definisce i requisiti essenziali di salute e sicurezza e le procedure di valutazione della conformità, da applicare ai prodotti prima dell'immissione sul mercato dell'UE.

 

Chiaramente anche se le linee guida hanno il solo scopo di facilitare l'applicazione della direttiva ATEX ed è il testo della direttiva a rimanere giuridicamente vincolante, il documento rappresenta un importante punto di riferimento per garantire l'applicazione coerente della direttiva.

 

Concludiamo rimandando alla lettura della guida e ricordando che se lo scopo è quello di chiarire alcuni argomenti e procedure della direttiva, gli orientamenti espressi non sono destinati esclusivamente alle autorità competenti degli Stati membri, ma anche ai principali operatori economici interessati, quali i fabbricanti, le associazioni di categoria, gli organismi competenti per l’elaborazione delle norme nonché tutti quelli che si occupano delle procedure di valutazione della conformità.

 

 

RTM

 

 

Scarica il documento da cui è tratto l'articolo:

Commissione Europea, “ ATEX 2014/34/EU Guidelines. Guide to application of the Directive 2014/34/EU of the European Parliament and of the Council of 26 February 2014 on the harmonisation of the law of the Member States relating to equipment and protective systems intended for use in potentially explosive atmospheres”, a cura di Mario Gabrielli Cossellu e Jan Mayerhöfer (formato PDF, 5.40 MB).

 

 

Scarica la normativa di riferimento:

Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 

 

Parlamento Europeo e Consiglio dell’Unione europea - Direttiva 2014/34/UE del 26 febbraio 2014 concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva (rifusione)

 

Leggi gli altri articoli di PuntoSicuro sul rischio esplosione


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!