Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Come aumentare l’informazione sui regolamenti REACH e CLP

Come aumentare l’informazione sui regolamenti REACH e CLP
Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 Rischio chimico
16/05/2016: Un intervento si sofferma sugli accordi di collaborazione come buona pratica per migliorare l’informazione e la sensibilizzazione sui regolamenti REACH e CLP. I risultati degli studi, le indicazioni dell’ECHA e gli obiettivi degli accordi.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
 
Roma, 16 Mag – Uno degli obiettivi dei regolamenti europei REACH e CLP è quello di informare: i pericoli presentati dalle sostanze chimiche devono essere chiaramente comunicati ai lavoratori e ai consumatori. Comunicazione che, ad esempio, può avvenire attraverso le  schede dati di sicurezza (SDS) – scheda utilizzata anche dai datori di lavoro per adottare le misure necessarie – e l’etichetta, lo strumento principe per la comunicazione ai consumatori.
 
Queste comunicazioni arrivano effettivamente ai lavoratori e ai consumatori?
Quali sono gli strumenti di informazione?
Ed esistono buone prassi per migliorare la conoscenza dei due regolamenti?

Pubblicità
DVR CHIMICO con MOVARISCH 2018
Documento di Valutazione del rischio chimico con MOVARISCH 2018 (Edizione 22/01/2016)
 
Per rispondere a queste domande, presentiamo un intervento che si è tenuto alla “ Conferenza CLP 2015. Verso la piena attuazione del Regolamento 1272/2008: 1 giugno 2015” (Roma, 19 maggio 2015). Conferenza organizzata dall'Istituto Superiore di Sanità ( Centro Nazionale Sostanze Chimiche) e dal Ministero della Salute che aveva anche la funzione di ricordare che dal primo giugno 2015 è diventato obbligatorio seguire il Regolamento CLP non solo per la classificazione delle sostanze ma anche per la classificazione delle miscele.
 
Nell’intervento “Attività di informazione sul regolamento CLP: gli accordi di collaborazione”, a cura di Susanna Lupi (Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Direzione per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali), si segnala che dopo l’entrata in vigore del Regolamento REACH e del Regolamento CLP sono state fatte diverse indagini europee per comprenderne la conoscenza tra lavoratori e consumatori:
- “indagine eurobarometro sulla comprensione da parte del consumatore delle etichette e del corretto uso dei prodotti chimici;
- studio qualitativo sulla percezione del rischio dei prodotti chimici di uso domestico;
- studio sulla comunicazione al pubblico di informazioni concernenti l’uso sicuro delle sostanze chimiche (in conformità al comma 1 dell’art. 34 del CLP)”.
E attraverso il lavoro dell’Agenzia europea delle sostanze chimiche ( ECHA) è stata fatta una “Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sulla comunicazione relativa all’uso sicuro dei prodotti chimici”.
 
Dagli studi emerge:
- “scarsa lettura delle etichette;
- i pittogrammi e il loro significato sono poco conosciuti;
- solo insetticidi e antiparassitari sono riconosciuti come prodotti chimici;
- i prodotti utilizzati quotidianamente non vengono riconosciuti come sostanze chimiche;
- scarsa lettura delle istruzioni nei prodotti di uso quotidiano;
- scarsa comprensione sulle misure di sicurezza da adottare”.
 
La relazione della Commissione raccoglie i risultati riportati nello studio dell’ECHA e “dà indicazioni in merito alle attività di informazione e sensibilizzazione da svolgere e che devono:
- essere indirizzate al pubblico nazionale tenendo conto delle barriere linguistiche e utilizzando vari prodotti mediali;
- incoraggiare il pubblico a leggere l’etichetta, a riconoscere i pittogrammi, le indicazioni di pericolo e i consigli di prudenza;
- informare sulle possibili conseguenze di una manipolazione non corretta delle sostanze pericolose al fine di garantire adeguate misure di sicurezza”.
E la Commissione indica i “criteri da seguire per una adeguata informazione:
- tener conto delle capacità e delle risorse disponibili del pubblico e dei privati coinvolti;
- utilizzare messaggi mirati e disponibili nei punti vendita, negli spazi pubblici, nelle scuole, ecc.;
- utilizzare vari strumenti: pagine web, opuscoli, materiale audiovisivo, materiale educativo;
- rivolgersi a più destinatari, al pubblico in generale nonché a gruppi specifici, nuclei familiari, lavoratori, bambini in età scolare (dovrebbero essere ben informati sui pericoli dei vari prodotti)”. 
 
E le indicazioni di orientamento della Commissione e dell’ECHA “spingono le Amministrazioni nazionali a svolgere attività di informazione sui prodotti chimici rivolte a:
- raggiungere nuovi segmenti di pubblico attraverso nuove reti;
- individuare strumenti idonei tenendo conto delle scarse risorse disponibili”.
 
In risposta a queste indicazioni il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) “ha individuato tra gli strumenti possibili di informazione e sensibilizzazione, gliaccordi di collaborazione.
 
Questi accordi sono strumenti utili ai “processi di interazione tra pubblico e privato”. Infatti attraverso gli accordi di collaborazione “i soggetti pubblici e quelli privati possono realizzare iniziative congiunte, con co-investimenti di tempo, risorse umane e talvolta anche di risorse finanziarie per il raggiungimento di un fine comune. Queste attività possono essere di breve o lunga durata. In genere il rapporto riguarda due entità specifiche, una Amministrazione Pubblica e un ente pubblico o una Amministrazione Pubblica e una impresa/operatore privato”.
 
In particolare il Ministero dell’ambiente, nell’ambito delle attività di informazione e sensibilizzazione in materia di sostanze chimiche, ha firmato due accordi di collaborazione:
- MATTM e Federsanità - ANCI (soggetto istituzionale che organizza Aziende Sanitarie Locali, Ospedali e Conferenze dei Sindaci);
- MATTM e Leroy Merlin Italia Srl (azienda della grande distribuzione organizzata-GDO).
Sono accordi che hanno “come obiettivo la sensibilizzazione di alcuni segmenti di pubblico attraverso un maggior contatto tra contenuto dell’informazione e destinatari. Lo strumento attraverso il quale veicolare le informazioni è la rete informativa esistente dei soggetti aderenti”.
 
Ci soffermiamo brevemente sull’accordo di collaborazione MATTM e Federsanità – ANCI che è stato firmato 2012 con lo scopo di promuovere e sviluppare le seguenti attività di informazione e diffusione:
- “conoscenza delle proprietà delle sostanze chimiche e uso sicuro delle stesse secondo le indicazioni delle normative vigenti in attuazione del Regolamento REACH;
- promozione per l’adozione di criteri ambientali minimi negli acquisti di beni e servizi nelle strutture sanitarie secondo quanto previsto dal Piano d’Azione sugli acquisti pubblici verdi”.
In particolare gli obiettivi dell’Accordo richiedono di:
- “informare i cittadini dell’esistenza del Regolamento REACH e delle problematiche ad esso connesse, aumentando la conoscenza sulle sostanze chimiche pericolose e dei rischi per la salute umana e l’ambiente;
- coinvolgere il mondo della scuola per accrescere le conoscenze sul Regolamento REACH e sensibilizzarlo alla tutela della salute e dell’ambiente nell’uso delle sostanze chimiche;
- informare la Governance delle Aziende Sanitarie Locali, affinché sia sensibilizzata la popolazione e le strutture sanitarie sui temi dell’uso sicuro delle sostanze chimiche e degli appalti verdi (GPP);
- raggiungere il più alto numero possibile di destinatari”.
 
L’intervento, che si sofferma anche sull’accordo di collaborazione MATTM e Leroy Merlin, si conclude sottolineando l’importanza degli accordi di collaborazione come buona pratica da seguire per il futuro:
- “permettono azioni mirate per la salvaguardia dell’ambiente e della salute umana al fine di attivare comportamenti responsabili del singolo e della collettività;
- permettono di rispondere in modo adeguato alle richieste di maggiore diffusione della conoscenza dell’etichetta e delle sostanze chimiche;
-  permettono di realizzare attività utilizzando canali informativi esistenti e diffusi sul territorio raggiungendo il cittadino nei luoghi di vita quotidiana;
- favoriscono il dialogo tra i cittadini/consumatori e amministrazioni anche per individuare progetti e strumenti nuovi rispondenti alle esigenze dei cittadini;
- potenziano l’efficacia dell’informazione a parità di risorse”. 
 
 
Attività di informazione sul regolamento CLP: gli accordi di collaborazione”, a cura di Susanna Lupi (Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Direzione per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali), intervento alla “Conferenza CLP 2015. Verso la piena attuazione del Regolamento 1272/2008: 1 giugno 2015” (formato PDF, 1.23 MB).
 
 
Unione Europea, “ Relazione della Commissione al Parlamento Europeo e al Consiglio sulla comunicazione relativa all'uso sicuro dei prodotti chimici”, Bruxelles, 29 ottobre 2012, COM(2012) 630 final (formato PDF, 155 kB).
 
 
Tiziano Menduto
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!