LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroAbbonati alla Banca Dati di PuntoSicuro
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Rischio chimico: la maggioranza delle valutazioni dei rischi è errata


Un’analisi di documenti di valutazione del rischio chimico e cancerogeno in un gruppo di imprese situate nel territorio modenese, mostra gli errori e le criticità delle valutazioni effettuate. Ci sono le competenze necessarie al percorso valutativo?

Pubblicità
Rischio chimico - 1 oraLavoratori - Rischio chimico - 1 ora
Informazione ai lavoratori sui rischi specifici ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/2008

Bologna, 18 Mag – Una modalità corretta di valutare il rischio chimico nei luoghi di lavoro presuppone che il datore di lavoro determini preliminarmente la presenza di agenti chimici pericolosi, adotti inizialmente misure e principi generali di tutela, analizzi il rischio chimico che persiste e concluda la valutazione classificando il livello del rischio. Ma spesso le valutazioni del rischio chimico non sono realizzate correttamente.

 

Ne abbiamo parlato nei giorni scorsi e con riferimento anche ai vari regolamenti europei, come il Regolamento REACH e CLP, con Celsino Govoni (Regione Emilia Romagna, Ausl Modena) e Augusto Di Bastiano (ECHA) intervistati ad Ambiente Lavoro di Bologna. E il Dott. Govoni ci ha fornito informazioni su alcune verifiche svolte sul territorio dell’Ausl modenese in merito alle valutazioni del rischio chimico.

 

Per cercare di raccogliere ulteriori dati e comprendere le eventuali criticità nelle aziende in ambito chimico, presentiamo oggi un intervento al convegno “REACH  2016. TU2016, REACH e CLP. L’applicazione dei Regolamenti REACH e CLP e le novità nella gestione del rischio chimico nei luoghi di vita e di lavoro” che si è tenuto a Bologna, durante Ambiente Lavoro, il 19 ottobre 2016.

 

L’intervento “Analisi aggiornata di documenti di valutazione del rischio chimico e cancerogeno dei lavoratori” – a cura di Fabrizio De Pasquale (SPSAL AUSL Modena), Raffaella Ricci (SPSAL AUSL Modena, Autorità Competente REACH e CLP), Martina Cirioni (Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione – Università degli Studi di Parma) e Celsino Govoni (SPSAL AUSL Modena, Autorità Competente REACH e CLP) – ricorda che durante il 2016 lo SPSAL Dipartimento Sanità Pubblica dell’ Azienda USL di Modena, nell’ambito di un progetto di tirocinio in collaborazione con l’Università degli Studi di Parma, ha “messo in campo un ciclo di verifiche documentali riguardanti, in particolare, le valutazioni del rischio chimico e cancerogeno effettuate da alcune imprese situate nel territorio modenese”.

 

Si sottolinea, tra l’altro che le modalità operative per valutare i rischi chimici e cancerogeni nei luoghi di lavoro hanno subito nel corso degli ultimi anni molti aggiornamenti sia dal punto di vista normativo sia dal punto di vista procedurale. Ad esempio con riferimento all’entrata in vigore del Titolo IX Capi I e II del D.Lgs.81/2008, del Regolamento REACH e del Regolamento CLP.

 

Riguardo alla metodologia seguita, si indica che tra le aziende ispezionate “sono state selezionate le dodici più significative per quanto riguarda la presenza del rischio chimico, in cui sono stati acquisiti i documenti di valutazione del rischio (DVR)”. Otto di queste erano imprese del comparto metalmeccanico, due del comparto tessile e due del comparto alimentare.

E valutando la stesura dei DVR è “inizialmente emerso che le ultime valutazioni eseguite avevano date certe comprese tra il 2012 e il 2015, dove 1/3 delle aziende aveva effettivamente eseguito un aggiornamento, ma solo a seguito di un intervento dell’Organo di vigilanza e 2/3 delle aziende aveva riaggiornato autonomamente il documento a seguito di modifiche del ciclo produttivo”.

 

Altre considerazioni:

- “circa il 2/3 delle aziende ha eseguito una valutazione del rischio per gruppi omogenei associando ad ogni mansione i lavoratori esposti”;

-  2 aziende su 12 hanno svolto la valutazione “riferendosi al singolo lavoratore, anche in considerazione del numero ridotto di esposti”;

- solo 2 aziende su 12 hanno eseguito la valutazione del rischio chimico “utilizzando un algoritmo (Modello di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi dell’Emilia-Romagna, Toscana e Lombardia) ed eseguendo i calcoli per la determinazione del rischio chimico con il programma MoVaRisCh limitandosi a fare calcoli riferendosi ai singoli agenti pericolosi utilizzati nel ciclo produttivo, anziché riferirsi al lavoratore esposto o al gruppo omogeneo di lavoratori”.

 

Queste in sintesi le conclusioni delle valutazioni del rischio chimico per la salute:

- “5 aziende su 12 si ritiene che abbiano espresso correttamente il giudizio di rischio non irrilevante per la salute dei lavoratori esposti in quanto questi erano tutti esposti frequentemente ad un numero elevato di agenti chimici pericolosi per la salute;

- 1 azienda si ritiene abbia correttamente classificato il rischio come irrilevante per la salute dei propri lavoratori per la quantità esigua degli agenti chimici pericolosi impiegati;

- 6 aziende su 12, si ritiene abbiano espresso erroneamente il giudizio finale di rischio irrilevante per la salute dei lavoratori in quanto analizzando con maggior attenzione e accuratezza la realtà di quelle aziende, la classificazione del rischio risultava chiaramente superiore alla soglia dell’irrilevante per la salute a causa delle modalità espositive dei lavoratori agli agenti chimici pericolosi”. 

E per quanto riguarda le 6 aziende con valutazione del rischio chimico difforme al dettato legislativo, le “criticità individuate erano le seguenti:

- 3 delle 6 aziende eseguivano attività in cui i lavoratori erano esposti non solo ad agenti chimici pericolosi in quantità significativa e quindi sottostimando il rischio, ma anche ad agenti cancerogeni nella saldatura di acciai speciali e nell’uso di benzina nel ciclo produttivo;

- 1 azienda con produzione e vendita di capi d'abbigliamento aveva previsto un processo di lavaggio a secco con una sostanza cancerogena di categoria 2 (percloroetilene o PCE) nel reparto lavanderia.  In questo caso la valutazione faceva erroneamente riferimento ad un ciclo chiuso di lavaggio, mentre la probabile esposizione dei lavoratori a PCE non si limitava alla sola fase di lavaggio, ma anche all'apertura della lavatrice e alla successiva rimozione del vestiario, oltre che durante la stiratura;

- 2 aziende avevano eseguito la valutazione del rischio utilizzando il Modello cosiddetto ‘MoVaRisCh’, concludendo di ricadere in una zona d’incertezza senza fare i successivi approfondimenti di non superamento della soglia del rischio irrilevante per la salute”. 

 

E per quanto concerne le valutazioni di conformità dei DVR per il rischio chimico per la sicurezza:

- “3 aziende su 12 si ritiene abbiano valutato correttamente il rischio chimico per la sicurezza dei lavoratori (2 aziende con tutti i lavoratori a rischio non basso ed un’azienda con tutti i lavoratori a rischio basso);

- per 1 azienda non è stato possibile esprimere una valutazione di merito per la mancanza di SDS dei prodotti chimici presenti”;

- 8 aziende delle 12 ispezionate “si ritiene che abbiano eseguito una valutazione del rischio chimico per la sicurezza errata. L'errore comune è stato quello di non considerare fra gli agenti chimici pericolosi quelli aventi proprietà pericolose corrosive o infiammabili o comburenti. A seguito di questo studio si è sorprendentemente constatato che anche qualora il DdL avesse preso in considerazione in maniera corretta gli agenti chimici pericolosi per la sicurezza, questi aveva comunque valutato un rischio chimico come ‘Basso per la sicurezza’ giustificandolo per: la presenza di idonei mezzi di protezione antincendio attivi o passivi (ad es. gli estintori); il possesso del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI); l’ingiustificato uso limitato degli agenti chimici pericolosi che non potevano causare in alcun modo infortuni per i lavoratori; la dotazione dei DPI per i lavoratori esposti”.

 

Dopo aver fatto cenno ai risultati relativi al rischio da agenti cancerogeni e/o mutageni (solo “due aziende su sette avevano svolto correttamente la valutazione dell’esposizione ad agenti cancerogeni”), veniamo ad alcune considerazioni finali.

 

I dati, per quanto limitati come numero, mostrano che riguardo alla valutazione del rischio chimico per la salute il 50% delle aziende ha eseguito una valutazione errata, mentre per le valutazioni del rischio chimico per la sicurezza la percentuale di valutazioni errate sale al 67%. Per la valutazione del rischio cancerogeno la percentuale di valutazioni errate arriva addirittura al 70%.

 

L’indagine evidenzia non solo che la valutazione e la gestione del rischio chimico nelle imprese oggetto dell’indagine, anche in relazione all’applicazione dei nuovi Regolamenti europei, richiedono un approfondimento, una preparazione specifica, approfondita ed aggiornata del DdL e dei suoi collaboratori, ma che questa preparazione nel contesto delle micro e piccole imprese è praticamente inesistente”.

 

E, in conclusione, gli autori dello studio indicano che “sembra quasi che, anche a seguito dell’emanazione delle Linee Guida delle Regioni e delle Province autonome nel lontano 2002 e di numerosi modelli o procedure di calcolo elaborate per facilitare il percorso di valutazione del rischio chimico, gli RSPP, i consulenti e i professionisti della valutazione del rischio siano ancora disorientati e non in grado di adottare corrette modalità per elaborare la valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi per la salute e per la sicurezza”.

 

    

 

Fonte:

 

Regione Emilia Romagna, Inail, Ausl Modena, “REACH. L’applicazione dei Regolamenti REACH e CLP nei luoghi di vita e di lavoro”, pubblicazione che raccoglie gli atti dei due convegni “REACH  2016. TU2016, REACH e CLP. L’applicazione dei Regolamenti REACH e CLP e le novità nella gestione del rischio chimico nei luoghi di vita e di lavoro” e “REACH edilizia. L’applicazione dei Regolamenti REACH e CLP nell’ambiente da costruire e nell’ambiente costruito”.

 

 

Tiziano Menduto



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: lui che non sa18/05/2017 (10:17:15)
Non esiste una linea comune da parte degli Enti; questo è il problema.

Ho un caso di uso di sostanze SOSPETTE cancerogene in ciclo non chiuso, sostanze che non sono state ritrovate durante campionamento personale.

Devo iscrivere il personale nel registro cancerogeni o no?
Devo considerare rischio per la SALUTE anche se sono abbontamente sotto il limite del 10% del TLV?

NON ESISTE una risposta, SOLO PARERI.
Rispondi Autore: Riccardo borghetto18/05/2017 (14:48:43)
Se ogni Regione, ogni tecnico ASL dice la sua manca un riferimento certo.
inoltre rimane il problema del costo. Il 90% delle aziende in Italia ha meno di 10 dipendenti e non può spendere nel rischio chimico ciò che la norma e gli esperti dicono. Il livello tecnico della norma è troppo alta rispetto alla situazione delle aziende piccole.
Rispondi Autore: Gian Piero Marabelli18/05/2017 (15:56:47)
Assolutamente d'accordo con Borghetto. Cosa dovrebbe fare un'azienda se non fa la valutazione del rischio chimico correttamente. Si badi: non la fa correttamente, non è che non la fa! Farò anche una provocazione....a che serve un dettaglio cosi rigoroso nell'applicazione della valutazione del rischio chimico? Un'azienda che fa pulizie e che usa prodotti di un certo tipo, è cmq a rischio "non irrilevante per la salute"..(dicitura assurda). Se lo sono le imprese come ipotesi minimale le imprese che fanno operazioni di pulizia, a maggior ragione lo sono le aziende citate nell'articolo, Dunque il datore di lavoro, sapendo di rientrare nella categoria "non irrilevante per la salute" potrebbe adottare, anzi secondo il D.lgs 81/2008 DOVREBBE adottare, a priori tutte le misure di prevenzione e protezione previste: sorveglianza sanitaria con protocollo specifico, formazione specifica sull'uso delle sostanze e sulle cautele (le schede di sicurezza ovviamente occorre averle., DPI idonei per l'uso delle sostanze specifiche...(indicati molto spesso nelle schede tecniche o cmq. facilmente reperibili sul mercato. Provocazione: ma su un datore di lavoro adotta queste misure a che serve avere un documento cosi "specifico" sul rischio chimico..
Rispondi Autore: Andrea Tarozzi18/05/2017 (16:14:38)
IL Dlgs 81 sul rischio chimico è tutt'altro che chiaro su come valutare e cosa fare, a partire dalle definizioni. I metodi applicativi che ho personalmente provato (Archimede, Movarsich) sono in buona parte complessi, poco flessibili e limitati. E infatti si sprecano interpretazioni, convegni, corsi.... AMEN
Rispondi Autore: paolo zani19/05/2017 (14:57:49)
mi allineo alle posiziini dei colleghi
sono molti gli argomenti su cui si chiede ai datori di lavoro di investire su analisi e valutazioni quando - viste le conoscenze comuni a livello di letteratura e tecnico/scientifiche - basterebbe allinearsi tutti quanti sui requisiti standard di sicurezza e sulle best practice per dare garanzie di sicurezza - ma ai ns burocrati piace molto far carta e anche acquisirne e magari anche elucubrare sul valore di indici e parametri applicati.

Non parliamo poi dell'anomalia del titolo specifico sul rischio cancerogeno e mutageno dove ai fini pratici risulta del tutto indifferente essere un'azienda che processa una sostanza cancerogena e un laboratorio che ne usa pochi ml al mese.

Spesso potrebbe bastare applicare un pò di sano buon senso senza dover dimostrare di essere tutti matematici esperti degli algoritmi di calcolo.

Quanto all'aggiornamento documentale: complimenti a chi insegue le date, bisognerebbe però chiedersi quando effettivamente abbia senso a fronte di una elevata complessità aziendale e di fattori di rischio inseguire l'aggiornamento come dettato dalla norma a fronte invece di una scelta più razionale di gestione dei fattori di rischio veramente significativi per la sicurezza aziendale.

Ovviamente i soloni del campo diranno che chi ha un vero SGS riesce a tenere eprfettamente sotto controllo tutto e io dico che ragionevolmente vorrei concentrarmi sui veri fattori di rischio per il lavoratore e non su tutti i rischi anche quando questi sono palesemente irrilevanti nel mio contesto di lavoro.


Rispondi Autore: Claudio Stellato20/05/2017 (09:37:13)
Ho voglia di condividere con voi la mia diretta esperienza con ASL. Autocarrozzeria, quindi vernici. L'azienda produttrice, alla mia richiesta in merito alle miscele da creare per la verniciatura, mi risponde che i prodotti sono creati per essere miscelati e quindi da tenere in considerazione il prodotto con il rischio più alto perchè la miscela derivante dalle dose consigliate non altera tale valore da tenere in considerazione. Risultato: obbligo del prelievo ed analisi esosa della miscela con il risultato identico al MOVARISCH. Allora? Non critico l'operato degli organi di vigilanza ma essere così pignoli comporta solo un costo aggiuntivo ed eccessivo per i DDL.

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: