Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Linee guida per un SGSL nelle società di servizi

Linee guida per un SGSL nelle società di servizi
Redazione
 Redazione
 SGSL, MOG, dlgs 231/01
04/02/2015: Approvate le Linee d’Indirizzo SGSL-GATEF per l’implementazione dei Sistemi di gestione per la salute e sicurezza nelle società di servizi: applicazione, esame iniziale e politica per la salute e la sicurezza sul lavoro.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
 
Roma, 4 Feb - Con Determinazione del Presidente dell’Inail n. 25 del 26 gennaio scorso, sono state approvate le Linee d’Indirizzo per l’implementazione dei Sistemi di gestione per la salute e sicurezza Sgsl-Gatef (Gas, Acqua, Teleriscaldamento, Elettricità, Servizi funerari) nelle aziende di servizi pubblici locali che operano nei settori di distribuzione dei principali servizi (energia elettrica, gas, acqua) e che afferiscono a Federutility, la Federazione delle Imprese Energetiche e Idriche. Alla realizzazione delle Linee d’Indirizzo ha lavorato uno specifico gruppo di lavoro, formato da professionisti dell’Istituto e da rappresentanti della Federazione, secondo quanto previsto dall’accordo quadro siglato nel 2012 fra l’Inail e Federutility.
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
Scopo, ambito di applicazione, metodo di lavoro
Finalità delle Linee di Indirizzo SGSL-GATEF è quella di fornire indicazioni operative per strutturare un sistema organico di gestione, inserito nell’operatività aziendale complessiva, utile a garantire miglioramenti progressivi delle prestazioni nella tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nelle aziende aderenti a Federutility. Il SGSL definisce le modalità per individuare, all’interno della struttura organizzativa aziendale, le responsabilità, le procedure, i processi e le risorse per la realizzazione della politica aziendale di prevenzione.
 
Il punto di partenza imprescindibile da cui si traccia la linea di miglioramento è rappresentato dal rispetto della legislazione vigente in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
 
L’adesione volontaria delle aziende alle presenti Linee di Indirizzo si concretizza nell’implementazione di un SGSL ad esse conforme, finalizzato a:
-  ridurre progressivamente incidenti, infortuni e malattie professionali
-  minimizzare i rischi cui possono essere esposti i lavoratori o i terzi
-  contribuire a migliorare la Salute e Sicurezza sul Lavoro (da ora in poi: SSL)
-  ridurre il rapporto costi / benefici degli interventi di prevenzione
-  migliorare l’immagine aziendale
-  aumentare l’efficienza e le prestazioni delle aziende.
 
Il modello adottato dai SGSL per conseguire il miglioramento continuo delle condizioni di salute e sicurezza è ispirato al ciclo di Deming – ciclo PDCA, articolato secondo le quattro fasi standard che seguono:
-  P - Plan Programmazione
-  D - Do Esecuzione del programma, dapprima in contesti circoscritti
-  C - Check Test e controllo, studio e raccolta dei risultati e dei feedback
-  A - Act Azione per rendere definitivo e/o migliorare il processo.
 
Tali fasi trovano corrispondenza nella struttura delle presenti Linee di Indirizzo articolata nelle sezioni:
-  Politica per la salute e sicurezza sul lavoro;
-  Pianificazione;
-  Attuazione;
-  Verifica;
-  Riesame.
 
Vediamo i punti chiave di queste fasi.
 
Esame iniziale e politica per la salute e la sicurezza sul lavoro
L’esame iniziale analizza il contesto aziendale inteso come organizzazione e processi lavorativi, nelle condizioni di operatività ordinarie, straordinarie e di emergenza, riferiti a tutti i rischi, ma con particolare attenzione a quelli specifici del settore.
 
La politica di SSL costituisce l’elemento portante di un SGSL; è elaborata, definita e documentata dall’Alta Direzione sulla base dell’esame iniziale del contesto e deve essere comunicata a tutto il personale e resa disponibile alle parti interessate; essa aiuta a dimostrare l’impegno aziendale nella tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, privilegiando le azioni preventive e tendendo all’obiettivo del miglioramento continuo.
 
Il documento di politica per la SSL deve esprimere, con chiarezza, almeno gli impegni per:
-  prevenire gli infortuni e le malattie professionali e migliorare nel tempo le condizioni di SSL, attraverso l’individuazione di aree di miglioramento
-  rispettare integralmente la legislazione in materia di SSL
-  considerare la SSL ed i relativi risultati come parte integrante della gestione complessiva dell’organizzazione
-  fornire un quadro di riferimento per stabilire e riesaminare gli obiettivi di SSL
-  rendere disponibili le risorse necessarie al funzionamento del SGSL e al raggiungimento dei relativi obiettivi
-  coinvolgere e consultare i lavoratori, anche attraverso i loro rappresentanti per la sicurezza
-  definire e diffondere all’interno dell’organizzazione gli obiettivi di SSL ed i relativi programmi di attuazione
-  verificare e riesaminare periodicamente la politica per assicurare che si mantenga pertinente e appropriata all’organizzazione.
 
Pianificazione
La pianificazione è un processo mediante il quale sono stabiliti gli obiettivi di SSL, le azioni necessarie, i ruoli e le responsabilità per il loro raggiungimento.
 
Per fare ciò è innanzitutto essenziale il rispetto delle prescrizioni legislative applicabili all’attività, è quindi necessario un continuo aggiornamento dell’azienda e la gestione dei relativi adempimenti e scadenze in materia di SSL.
 
È importante approfondire la conoscenza delle attività, dei pericoli e dei rischi, al fine della riduzione del numero, della frequenza e della gravità degli eventi incidentali (es.: infortunio, incidente, quasi-incidenti, anomalie, malattie professionali, danneggiamento bene / impianto, ecc.), in questo modo si può assicurare il migliore livello possibile di prevenzione e protezione della salute e sicurezza dei lavoratori e dei terzi che accedono alle aree in cui l’azienda opera.
 
Per perseguire il miglioramento nel tempo delle condizioni di salute e sicurezza, è necessario stabilire obiettivi di mantenimento della SSL, individuare le figure e le strutture coinvolte, attribuire compiti e relative responsabilità, in funzione delle competenze e dei poteri e definire gli indicatori di prestazione relativi agli obiettivi identificati
 
In questo modo sarà possibile attuare la politica aziendale per la SSL con efficacia, efficienza e puntualità
 
Attuazione
Il processo si svolge su diversi livelli:
- Competenza, formazione - addestramento e consapevolezza
Per attuare il SGSL è necessario coinvolgere i lavoratori e definire le modalità informative, formative e di addestramento in materia di SSL, in modo da aiutarli a sviluppare adeguate competenze, consapevolezza e partecipazione al buon funzionamento del sistema.
 
-Comunicazione, consultazione, partecipazione, rapporto con l’esterno
Per garantire la comunicazione a chiunque ne abbia titolo e ne faccia richiesta (enti di vigilanza, lavoratori, clienti e fornitori, ecc.) una risposta esauriente e comprensibile, è importante definire criteri, modalità organizzative e responsabilità per la gestione e monitoraggio delle comunicazioni interne ed esterne relativamente alle tematiche di SSL e del SGSL.
 
-Documentazione del sistema di gestione e controllo dei documenti
Per disporre di documenti idonei ad attestare l’adozione e l’efficace attuazione del SGSL è necessario gestire e custodire la documentazione del SGSL.
 
-Controllo operativo
Per attuare il controllo operativo bisogna definire i contenuti minimi e le caratteristiche delle procedure operative per lo svolgimento in sicurezza delle attività, e procedere con applicazione  e aggiornamento.
 
-Dispositivi di protezione individuale
Quando i rischi non possono essere evitati o significativamente ridotti da misure di prevenzione e da dispositivi di protezione collettiva, è necessario fornire i lavoratori dei DPI adeguati e importante garantire la corretta gestione di questi strumenti: scelta, approvvigionamento, disponibilità, conservazione, dotazione, manutenzione, uso e corretto utilizzo, registrazione, riconsegna, scadenze e smaltimento, informazione, formazione e addestramento all’uso.
 
-Sorveglianza sanitaria
Per assicurare la salute e la sicurezza dei lavoratori, in relazione all’ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e garantire che i lavoratori svolgano mansioni per le quali siano idonei, è necessario definire criteri, modalità organizzative e strumenti per un’efficace gestione della sorveglianza sanitaria di tutti i lavoratori per i quali essa sia prevista, in relazione ai rischi lavorativi presenti in Azienda.
 
-Preparazione e risposta alle situazioni di emergenza
Il SGSL prevede di definire criteri, modalità organizzative e responsabilità per stabilire e mantenere attivi piani e procedure atti ad individuare i possibili scenari di emergenza e le risposte conseguenti in modo da prevenire e/o ridurre possibili danni a persone e cose che potrebbero essere associati a queste situazioni.
 
Verifica e Controllo
Il processo si svolge su due livelli di verifica:
 
- Sorveglianza e misurazioni, da intendersi come monitoraggio continuo del raggiungimento degli obiettivi di SSL
Consiste nel mantenere attive procedure per monitorare gli elementi del SGSL e le attività aziendali al fine di verificare l’efficacia e il miglioramento nel tempo del sistema e che quanto attuato sia in linea con gli obiettivi prefissati.
Tra le procedure è essenziale la registrazione, l’indagine, l’analisi e comunicazione di ogni evento incidentale, infortunio, situazione pericolosa e non conformità in tema di SSL e di SGSL al fine di realizzare gli adeguati interventi di prevenzione e intraprendere le opportune azioni correttive
 
- Audit interno sul SGSL, che consente di stabilire se il sistema è conforme a quanto pianificato, correttamente applicato, mantenuto attivo ed in grado di raggiungere gli obiettivi
Verificare sistematicamente e periodicamente, in modo documentato e indipendente:
§  che quanto pianificato e predisposto sia efficacemente attuato e conforme alla politica aziendale per la SSL
§  la conformità del SGSL ai requisiti previsti dalle presenti linee di indirizzo, agli standard gestionali di riferimento (Linee Guida SGSL UNI INAIL 2001, BS OHSAS 18001:2007) e alla legislazione
 
L’audit consente di verificare idoneità ed efficacia del SGSL rispetto ai requisiti della normativa e  agli obiettivi della propria politica di SSL, correggendo eventuali criticità ed effettuando il riesame del SGSL.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
RPS




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!