Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Analizzare e utilizzare i quasi incidenti per migliorare la prevenzione

Redazione
 Redazione
 SGSL, MOG, dlgs 231/01
27/07/2009: Disponibili in rete due articoli americani relativi ai “quasi incidenti”. Riconoscerli, analizzarli, gestirli in otto passi per migliorare la prevenzione.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
google_ad_client

È evidente che gli incidenti rappresentino una miniera di informazioni vitale per la prevenzione degli infortuni.
In particolare la raccolta di dati e di informazioni sulla moltitudine di “quasi incidenti” che accadono in un’azienda può favorire la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e la scelta di politiche di prevenzione più efficaci.
Ai “quasi incidenti”, ad esempio un attrezzatura che cade (senza colpire nessuno) in un zona di passaggio dei lavoratori, viene infatti riconosciuto il ruolo di precursori di incidenti più gravi; un’attenta investigazione di tali eventi può quindi fornire indicazioni efficaci sui possibili interventi migliorativi, tecnici e/o gestionali nelle aziende.
 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----



Di questi temi, dei near-misses (quasi infortuni o incidenti) parlano due articoli americani che sono stati pubblicati in rete.
 
Ad esempio nell’articolo “Use Near-Misses to Learn about Construction Safety” dove riguardo al comparto edile si fa l’esempio di un quasi incidente relativo a un cacciavite che cade per terra mentre si lavora su una scala: qualcuno sotto poteva venire colpito.
Secondo l’articolo bisogna analizzare le cause dei quasi incidenti attraverso il metodo dei 5 perché: stabilire il vero problema, raccogliere e analizzare i dati, definire l’obiettivo, identificare le possibili soluzioni e  scegliere la migliore.  
 
Nel secondo articolo “Analyzing Near-Misses Is Key to An Effective Safety Plan”, pubblicato sul sito di Engineering News-Record sono invece indicati gli otto elementi del processo di gestione dei “quasi” infortuni:
- “identificare un incidente come un “quasi” infortunio;
- avere una struttura di intervento interna definita;
- dare la priorità agli incidenti, in funzione del potenziale danno;
- distribuire le informazioni alle persone che esaminano le cause;
- identificare le cause all’origine del “quasi” infortunio;
- trovare le contromisure per le cause identificate;
- divulgare le contromisure a chi deve eseguirle;
- controllare che le contromisure siano state eseguite”.
  
Si ricorda infine che l’analisi degli incidenti e dei “quasi” incidenti è uno dei fondamenti del sistema di gestione della salute e sicurezza secondo lo standard BS OHSAS 18001:2007.
 
 
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!