esporta articolo in PDF

Interpello sui cantieri stradali: recinzione di cantiere e decreto 81

Interpello sui cantieri stradali: recinzione di cantiere e decreto 81
Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 Interpelli
10/11/2016: La Commissione Interpelli risponde ad un quesito relativo ai cantieri stradali posto dalla Regione Toscana. La segnaletica e delimitazione di cantiere nei cantieri stradali può essere intesa come recinzione di cantiere?
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Roma, 10 Nov – In questi anni diversi articoli di PuntoSicuro hanno ribadito l’importanza della recinzione di cantiere, recinzione che ha tra i suoi obiettivi anche quello di tutelare i terzi, cioè coloro che non normalmente non accedono agli ambienti di lavoro.

 

Alla recinzione di cantiere edile è dedicato anche l’articolo 109 del Capo II (Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota) del Titolo IV (Cantieri temporanei o mobili) del Decreto legislativo 81/2008

 

Articolo 109 - Recinzione del cantiere

1. Il cantiere, in relazione al tipo di lavori effettuati, deve essere dotato di recinzione avente caratteristiche idonee ad impedire l’accesso agli estranei alle lavorazioni.

 

E nel documento dell’Inail “ La progettazione della sicurezza nel cantiere” si sottolinea che la recinzione di cantiere è il “sistema di confinamento di una, o più aree, adibite al lavoro, al deposito e ai transito dei mezzi impiegati”. E la recinzione “non risponde esclusivamente alla necessità di regolamentare l'accesso al medesimo, impedendo l'ingresso ai non addetti ai lavori, ma costituisce di per sé una misura di prevenzione e protezione dai rischi d'interferenza tra le attività svolte all'interno e in prossimità del cantiere”. E proprio per questo motivo “la scelta della tipologia di recinzione da adottare discende direttamente dalla valutazione dei rischi effettuata a monte”.


Pubblicità
Progetto Sicurezza Cantieri (P.S.C.) - Versione 4.0
Software per la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento, del fascicolo tecnico per la gestione dei compiti nei cantieri edili

 

Tuttavia proprio in relazione all’importanza di questo elemento di prevenzione, sono sorti alcuni dubbi in relazione alle differenze tra la segnaletica e delimitazione di cantiere per i cantieri stradali e alla recinzione di cantiere come intesa dal D.Lgs. 81/2008.

 

La segnaletica e delimitazione di cantiere nei cantieri stradali può essere intesa come recinzione di cantiere?

 

A chiederselo è la Regione Toscana che - in virtù delle novità del Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 151, che estende anche alle Regioni e alle Province autonome la possibilità di porre quesiti alla Commissione Interpelli prevista dall’art. 12 del D.Lgs. 81/2008 - ha avanzato istanza di interpello a cui la Commissione ha recentemente risposto.

 

È stato infatti pubblicato sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l’Interpello n. 12/2016 del 25 ottobre 2016, che ha per oggetto la “risposta al quesito relativo alla applicazione dell’art. 109 (recinzione di cantiere) del D.Lgs. 81/08 nel caso di cantieri stradali”.

 

In particolare la Regione Toscana ha chiesto se ‘la segnaletica e delimitazione di cantiere prevista dal Codice della Strada e definita dal Decreto ministeriale 10 luglio 2002 possa essere intesa anche come recinzione di cantiere ai sensi dell’art. 109 del d.lgs. n. 81/2008’.

 

Ricordiamo a questo proposito che il Decreto Ministeriale del 10 luglio 2002 contenente “Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo” è diretto ai responsabili della messa in opera e del mantenimento in efficienza della segnaletica temporanea. E tale decreto, che fa riferimento all'art. 21 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada) ha lo scopo di rappresentare le modalità di applicazione delle norme inerenti la segnaletica temporanea definita all'art. 21 del nuovo Codice della Strada e regolamentate dagli artt. da 30 a 43 del Regolamento di esecuzione e di attuazione dello stesso Codice.

 

La Commissione Interpelli prima di rispondere al quesito, premette che “nel caso di cantiere stradale spesso la recinzione di cantiere, oltre ad avere la funzione di cui all’art. 109, cioè di impedimento all’accesso di estranei, ha anche la funzione di misura di sicurezza per i lavoratori che operano all’interno del cantiere”.

 

E in definitiva fornisce le seguenti indicazioni.

 

La segnaletica e delimitazione di cantiere previste dal Codice della Strada “hanno le funzioni espressamente ivi previste e sono cosa diversa dalla recinzione di cui all’art. 109 del d.lgs. n. 81/2008”.

 

Tuttavia, “ove la delimitazione di cui sopra abbia le caratteristiche di ‘impedire l’accesso agli estranei alle lavorazioni’, la stessa deve considerarsi idonea anche ai fini del sopracitato art. 109 del d.lgs. n. 81/2008”.

 

 

Commissione per gli interpelli - Interpello n. 12/2016 con risposta del 25 ottobre 2016 al quesito della Regione Toscana – Prot. n. 19854 - art. 12, d.lgs. n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni - risposta al quesito relativo alla applicazione dell’art. 109 (recinzione di cantiere) del D.Lgs. 81/08 nel caso di cantieri stradali.

 

 

Tiziano Menduto



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!