Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Dichiarazione RLS: la scadenza del 31 marzo

Dichiarazione RLS: la scadenza del 31 marzo
Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 RLS
22/03/2013: La scadenza della comunicazione all’Inail del nominativo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza: la normativa vigente, le modalità e gli strumenti di comunicazione.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
 
Brescia, 22 Mar – Più volte da questo giornale online abbiamo ricordato l’importanza del ruolo del  Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Un ruolo potenziato dallo stesso Decreto legislativo 81/2008, con l’obiettivo di promuovere un sistema di prevenzione aziendale più efficace, e individuato sia in ambito aziendale (RLS), sia Territoriale (RLST, art. 48) che a livello di Sito Produttivo (RLSSP, art. 49).
 
Tuttavia nelle aziende, nei siti produttivi, non basta nominare l’RLS. Il Testo Unico - come modificato dal decreto correttivo 106/2009 - prevede anche l’obbligo di comunicare in via telematica all’INAIL i nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza.
Ed è stato fissato un termine per la comunicazione online dei nominativi degli RLS eletti o designati nelle aziende o unità produttive.
 
La  circolare Inail n. 11 del 12 marzo 2009 indica che : l'inserimento in procedura potrà essere effettuato fino al 31 marzo di ciascun anno e dovrà esprimere la situazione in essere al 31 dicembre dell’anno precedente.
Una successiva  circolare Inail n. 43 del 25 agosto 2009 (modificativa della circolare n. 11), chiarisce che la comunicazione è necessaria solo in caso di nuova nomina o designazione.
E dunque l’obbligo di comunicazione scatta in occasione di prima elezione o designazione del RLS. Successive comunicazioni dovranno essere effettuate solo nel caso in cui dovesse essere nominato o designato RLS differente da quello segnalato. In difetto si ritiene immutata la situazione già comunicata.
 
Con il decreto correttivo è stato dunque modificato il testo previgente, prevedendo l’ obbligo di comunicazione per via telematica all’INAIL solo in caso di nuova elezione o designazione. Dunque non più annualmente anche in assenza di variazioni, come era previsto in precedenza.
Insomma la comunicazione non è più annuale ma periodica e viene effettuata ogni volta che il nominativo del RLS cambia.
In particolare in sede di prima applicazione (per coloro che non avessero ancora proceduto con la comunicazione online) andrà comunicato il nominativo del RLS in carica.
E qualora non fosse in carica nessun RLS o in caso di rielezione/ridesignazione della medesima persona alla scadenza del mandato triennale, non sarà necessaria nessuna comunicazione.

Pubblicità
MegaItaliaMedia


Con riferimento alla vicina scadenza del 31 marzo, veniamo ora a dare alcune indicazioni per la modalità delle comunicazioni.
 
Da tempo l’Inail ha adeguato alla normativa vigente la procedura telematica “Dichiarazione RLS”. Procedura a cui si accede dal sito www.inail.it attraverso il “ Punto Cliente”, seguendo il percorso illustrato nella circolare n. 43.
 
Si evidenzia in particolare che:
- per le aziende con più unità produttive la procedura consente per ciascuna di esse l’indicazione dei dati del relativo RLS;
- la procedura, una volta che sia stata completata, rilascia la stampa della ricevuta della comunicazione.
 
Queste alcune semplici istruzioni operative riportate nella Circolare n. 43 per l’accesso all’applicazione “Dichiarazione RLS” in caso di prima comunicazione di aziende e pubbliche amministrazioni assicurate INAIL:
 
PRIMA COMUNICAZIONE
Aziende e pubbliche amministrazioni assicurate INAIL
 
Le aziende o le amministrazioni pubbliche soggette all’obbligo assicurativo INAIL che non abbiano ancora provveduto ad effettuare la registrazione al sito www.inail.it devono:
1. collegarsi al sito www.inail.it;
2. selezionare Registrazione;
3. accedere alla sezione Registrazione ditta;
4. inserire nell’apposita maschera il Codice Utente ed il PIN1.
L’INAIL provvederà ad inviare a mezzo posta alla ditta un PIN2 che, unito al PIN1, darà origine alla password provvisoria per il primo accesso al sito.
Dopo aver effettuato il primo accesso ai Servizi di “Punto Cliente”, inserito i dati relativi al responsabile dei servizi telematici dell’azienda ed aver personalizzato la password, la ditta potrà accedere all’applicazione Dichiarazione RLS.
Le aziende e le amministrazioni pubbliche soggette all’obbligo assicurativo INAIL che siano già registrate, effettuando l’accesso ai Servizi di Punto Cliente, potranno visualizzare la procedura Dichiarazione RLS.
 
 
Considerando che la comunicazione dei nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, come per altre comunicazioni all’Inail, fa riferimento all’Unità produttiva, dall’8 gennaio 2013 è possibile inserire o aggiornare online la situazione organizzativa dell’azienda in un unico applicativo, anche in previsione della prossima scadenza del 30 giugno 2013, che dispone la piena telematizzazione dei servizi di informazione.
 
In questo caso a fornire le istruzioni operative per l’utilizzo di questo strumento, denominato ‘Unità produttiva’, è la circolare n. 69 del 21 dicembre 2012.
 
Ricordiamo che l’Unità produttiva è definita dal D. Lgs. 81/2008 come stabilimento o struttura finalizzati alla produzione di beni o all’erogazione di servizi dotati di autonomia finanziaria e tecnico funzionale. È dunque , come rimarca in un recente articolo l’Inail, “il punto di riferimento produttivo al quale le imprese devono fare riferimento nei loro adempimenti di comunicazione a fini informativi/statistici, quale la comunicazione in via telematica dei nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls), disciplinata da alcune circolari emesse a partire dal 2009”.
 
E con il nuovo applicativo ‘Unità produttiva’ è ora possibile tenere “sotto controllo l’assetto organizzativo dell’azienda, rinvenendo in ogni momento i riferimenti già memorizzati in archivio, e aiutando nella predisposizione di nuovi adempimenti che prevedano tale riferimento”. Tra l’altro, la procedura rilasciata dall’Istituto potrà essere funzionale non solo all’utilizzo della procedura “Dichiarazione RLS”, ma anche all’avvio del nuovo processo di denuncia/comunicazione di infortunio in via telematica, la cui fase sperimentale si sta avviando in questi giorni. I dati “che sono già presenti nel database relativo alle comunicazioni Rls sono stati portati nel nuovo applicativo, arricchendo l’archivio delle Unità produttive”.
 
Per accedere al nuovo applicativo è sufficiente attivare il servizio on-line disponibile nell’area ‘Punto cliente’ del portale www.inail.it, sia per le aziende non soggette all’assicurazione presso l’INAIL che per le imprese assicurate, inclusi i comuni e gli enti pubblici, e i loro delegati.
 
L’indicazione va effettuata adoperando il servizio “Dichiarazione Unità produttiva” alla voce del menù “Unità produttiva”. Selezionando il tasto ‘Modifica’, è poi possibile aggiornare la situazione già presente in archivio che riporta le eventuali Unità produttive già dichiarate, consentendo l’inserimento di nuovi dati o la modifica di quelli esistenti.
 
Per favorire i vari passaggi che dall’elezione dell’RLS aziendale portano alla comunicazione dei dati all’Inail - secondo le eventualità e modalità sopra esposte – concludiamo questa breve guida presentando materiali e indirizzi utili alle aziende:
 
- link relativo al Punto Cliente dell’Inail;
 
 
 
 
 
 
  
Tiziano Menduto
 
 
 
  Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Massimiliano Carabelli - likes: 0
21/05/2013 (18:29:07)
In un'azienda con undici lavoratori si è svolta in una giornata l'elezione del RLS. Erano presenti ed hanno votato nove lavoratori. L'elezione del RLS è valida oppure si devono far votare in un'altra giornata anche i due lavoratori assenti?
Rispondi Autore: mimmo sisto - likes: 0
20/04/2013 (19:40:06)
Volevo ricordare all'autore che con la 106/2009 è venuta meno la scadenza del 31 marzo di ogni anno relativa all'elezione dell'RLS all'anno precedente.
Diciamo che non esiste più la scadenza del 31 marzo.
Infatti, la comunicazione va eseguita subito dopo la nomina dell'RLS o in caso di modifica dello stesso.
La cosa strana è che la 106 non ha stabilito un termine successivo all'elezione per la comunicazione telematica all'INAIL. Per cui si intende che debba essere fatta subito (quanto subito non si è capito, e lascia spazio alla pericolosa discrezionalità dell'UPG).
Rispondi Autore: Antonio Palmieri - likes: 0
28/03/2013 (15:35:12)
La scadenza si proroga al 2 aprile visto che il 31 è sabato e poi ci sono le festività pasquali?
Rispondi Autore: Maria Tomasi - likes: 0
25/03/2013 (09:21:38)
In riferimento all'obbligo di comunicazione del nominativo del RLS, di cui all'articolo sopra, volevo chiedere se è ancora valido quanto indicato nelle circolari INAIL menzionate, in riferimento ai soggetti di cui all'art. 3 co. 2, ed in particolare per le scuole.



Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!