Per visualizzare questo banner pubblicitario è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
To view this ad banner you must accept cookies of the 'Marketing' category

Le immagini dell’insicurezza: declino costante


Pubblicità
Obblighi dell'impresa affidataria nei cantieri e nei contratti di appalto
Corso online di formazione per datori di lavoro, dirigenti e preposti delle imprese affidatarie che devono verificare in cantiere il rispetto delle prescrizioni di sicurezza dei lavori affidati.

 

Brescia, 27 Ott - Oggi parto con una promessa: quelle di oggi sono le ultime immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no riguardanti i lavori su strade aperte al traffico fino a gennaio 2018.

 

Ed allora voglio partire dalla fine dell’ articolo della scorsa settimana:

“L’unica cosa sicura è il senso di frustrazione che a volte ci prende vedendo queste immagini”, perché è proprio sconfortante vedere un lavoro pubblico eseguito nel totale dispregio delle normative:

  • Cartellonistica posizionata abbastanza a casaccio. Sembra quasi che la sequenza di posa dei segnali sia stata decisa “tirando i dadi”, con ad esempio il segnale di “lavori in corso” posto alla fine del cantiere,
  • Cartellonistica relativa alla segnalazione del cantiere posizionata lungo la zona lavori e non a monte della zona pericolosa, così come previsto dal Codice della Strada,
  • Cartelli certamente poco credibili e coerenti
    • una velocità di 10 km/h su una strada statale non rientra certamente nei “canoni”,
    • la prescrizione di velocità massima pari a 10 km/h seguita a pochissima distanza dal cartello relativo ai 20 km/h,
    • il segnale di pericolo privo del necessario pannello integrativo,
    • due frecce sovrapposte fra loro,
  • Zavorramenti dei segnali eseguiti quasi esclusivamente con elementi lapidei,
  • Assenza di delimitazioni tra la normale circolazione stradale e la zona lavori (nessuna barriera di protezione, nessuna compartimentazione, nessuna recinzione),
  • Totale assenza di indumenti ad alta visibilità, che in questo caso - vista la tipologia di strada – dovrebbe essere pari alla Classe 3.

 

Per non parlare del posizionamento dei lavoratori…

 

 

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS e Responsabile Comitato AiFOS COSTRUZIONI

 

Fonte: SICURELLO.no: l’evidenza dei mancati infortuni


 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per condividere questo elemento nei social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
To share this element in social networks it is necessary to accept cookies of the 'Marketing' category


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!