LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroAbbonati alla Banca Dati di PuntoSicuro
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Le immagini dell’insicurezza


Riflessioni su un anno di immagini dell’insicurezza.

Pubblicità

 
Aosta, 23 Dic - Siamo ormai giunti alle ultime puntate delle immagini dell’insicurezza di quest’anno e la fotografia proposta oggi da SICURELLO.no serve a farci riflettere su un anno che, statistiche alla mano, ha purtroppo segnato un’inversione di tendenza sui dati degli infortuni sul lavoro.
 

Pubblicità
 
 
A metà degli anni cinquanta (la foto è del 1956) era quasi normale lavorare senza l’adozione di quelle che oggi dovrebbero essere “normali ed ordinarie opere provvisionali” e senza i “dispositivi di protezione individuale”, ma oggi così non dovrebbe essere. Eppure…
 
 
 
Eppure le oltre 150 fotografie pubblicate quest’anno e negli ormai duecentoquaranta articoli degli ultimi cinque anni, sono mute testimoni che ancora oggi, nel nostro Paese, la sicurezza sul lavoro è considerata da molti un optional inutile.
 
L’anno dello scatto fotografico proposto oggi è significativo: 1956, l’anno in cui - in Italia - si iniziò ad emanare provvedimenti legislativi in materia di tutela dei lavoratori occupati nei cantieri edili, in particolare il riferimento va al Decreto Presidente della Repubblica 7 Gennaio 1956, N. 164 che recava Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e che entrò in vigore nell’aprile 56.
 
Gli anni sono passati, le norme si sono succedute, molto - probabilmente moltissimo - è stato fatto, ma, dati alla mano, molto rimane ancora da fare. Tutti noi: coordinatori per la sicurezza, formatori, consulenti, datori di lavoro, dirigenti, preposti e lavoratori, dobbiamo impegnarci affinché la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni diventi non un obbligo normativo, ma una procedura ordinaria, uno stile di vita.
 
 
In occasione del Natale, assieme a SICURELLO.si /SICURELLO.no cogliamo l’occasione di rivolgere a tutti i lettori di PUNTOSICURO ed alla redazione i migliori auguri per queste festività.
 
 
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 
Dott.ssa Antonella Grange Centro Formazione AiFOS Aosta
 

 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: Valeria Soffritti02/01/2016 (06:57:06)
Che il lavorare in sicurezza diventi uno stile di vita e' il buon proposito e l'augurio per quest'anno appena iniziato. Proprio qui sta il salto: Vedere i benefici della prevenzione anziché subirne gli obblighi. E' la motivazione che cambia.

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: