Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità
  
Brescia, 5 Dic - Le immagini dell’insicurezza di oggi ci mostrano alcuni lavori di potatura piante mediante l’utilizzo improprio e scorretto di un trattore.
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
In particolare gli addetti alla potatura, anziché utilizzare una regolare PLE, hanno adottato un sistema approssimativo composto da una benna meccanica (dotata di dispositivi idraulici di comando), installata tramite un sistema abbastanza “artigianale” sui montanti di un elevatore telescopico, posizionato posteriormente al mezzo.
 
Ecco allora una PLE casalinga, che di per se risulta sicuramente non idonea all’esecuzione dei lavori in sicurezza, ma non solo:  per salire e scendere dalla “ piattaforma” il sistema adottato è quello di utilizzare la struttura dell’elevatore come se fosse una scala di accesso.
 
 
 
 
 
 

 
 
 
La conseguenza è che il livello di pericolo per l’operatore in quota (vista anche la necessità di sporgersi verso gli alberi per effettuare la lavorazione) è elevatissimo e numerosi i rischi ai quali risulta esposto, tra i principali citiamo la caduta dall’alto, lo scivolamento ed il cedimento meccanico.
 
Da considerare infine che l’attività si svolgeva senza l’ utilizzo dei DPI e senza il posizionamento di una delimitazione delle aree di ricaduta dei rami e/o transito di mezzi nei pressi del trattore (da rilevare però che si trattava di un cortile privato ancorché aperto al pubblico).
 
Si ringrazia l’Ing. Riccardo Borghetto per le fotografie.
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Francesco
05/12/2014 (10:16:19)
è quello che dico sempre, il primo fautore della propria disgrazia è l'operatore stesso, ancorché utilizzi mezzi a norma o meno.
nel caso specifico non ci è dato sapere se l'attrezzatura è di sua concezione o meno, sta di fatto che l'agilità con la quale scende dalla benna presuppone che non sia la prima volta chela usa, è quindi conscio di quello che fa.
l'unica speranza è che rivesta anche la funzione di committente, il giorno che si farà male potrà solo fare il mea culpa!
Rispondi Autore: Eustachio De Peris
05/12/2014 (11:23:39)
Come ottimizzare e valorizzare le attrezzature......quanto ingegno performante.....

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!