Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Impianti di macellazione e sezionamento: la gestione dei focolai da Covid-19

Impianti di macellazione e sezionamento: la gestione dei focolai da Covid-19
Redazione
 Redazione
 Coronavirus-Covid19
21/04/2021: Pubblicato un rapporto sulle modalità di attivazione di un Piano mirato di prevenzione e sulle condizioni di rischio negli stabilimenti, per sensibilizzare i datori di lavoro alla corretta applicazione delle misure anti-contagio.
ROMA - Un nuovo rapporto, realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Inail, Istituto superiore di sanità e Dipartimento di prevenzione dell’Asl di Bari, illustra le modalità di attivazione di un Piano mirato di prevenzione (Pmp) nei macelli e nei laboratori di lavorazione carni del nostro Paese. L’obiettivo è la sensibilizzazione dei datori di lavoro al rispetto e alla corretta applicazione delle misure anti-contagio in questo settore produttivo, in cui secondo la letterattura scientifica si sono sviluppati importanti focolai di infezione da Covid-19, che hanno avuto ripercussioni anche sul libero scambio delle merci a livello internazionale.
 
Pubblicità
RSPP-ASPP aggiornamento 6 ore - La gestione dell'emergenza - Tutti i settori
Corso online di aggiornamento per RSPP-ASPP di attività appartenenti a tutti i macrosettori ATECO. Il corso costituisce quota del credito formativo richiesto per RSPP-ASPP e Docenti-formatori in salute e sicurezza sul lavoro.


Predisposte tre schede di verifica e autocontrollo

Partendo dal registro dei circa 6.700 stabilimenti di macellazione e sezionamento istituito presso il Ministero della Salute, il Gruppo tecnico interregionale per la Sicurezza e Salute sul Lavoro e il Coordinamento interregionale Prevenzione nell’ambito della Commissione Salute, articolazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno messo a punto tre strumenti sinergici: una scheda di autocontrollo destinata agli operatori, una scheda di valutazione per i dipartimenti di prevenzione e una scheda di gestione dei focolai.


I dati raccolti in maniera standardizzata e confrontabile

Il Pmp consentirà, in particolare, di registrare i dati in maniera standardizzata e confrontabile, analizzare i fattori ambientali, gestionali e strutturali relativi ai focolai di infezione insorti all’interno degli impianti, e approfondire le conoscenze sulle condizioni di rischio per la diffusione del contagio: da quelle certe, come il sovraffollamento in contesti di forte occupazione, a quelle sospette, come la bassa temperatura e l’elevata umidità, che permettono al virus di muoversi a distanza anche di otto metri e di persistere sulle superfici di lavorazione.
 
 
Fonte: INAIL
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!