Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Il rispetto dei protocolli COVID costituisce adempimento dell’articolo 2087?

Il rispetto dei protocolli COVID costituisce adempimento dell’articolo 2087?
19/06/2020: Le novità normative della conversione in legge del decreto-legge n. 23 dell’8 aprile 2020. Il rispetto e il mantenimento delle prescrizioni dei protocolli anticontagio costituiscono adempimento dell’articolo 2087 del codice civile.

Brescia, 19 Giu – Come indicato in una recente intervista rilasciata al nostro giornale dall’avvocato Maria Giovannone, la normativa emanata nel nostro Paese in materia di emergenza COVID-19 ha cercato un difficile “bilanciamento di più valori costituzionali”, ad esempio “la salute, la libertà personale, la libertà di circolazione, la libertà di iniziativa economica privata, il diritto al lavoro ed alla sicurezza nei luoghi di lavoro”.

E in questa ricerca di adeguato bilanciamento uno degli argomenti più delicati da affrontare è quello relativo alle responsabilità nei luoghi di lavoro in caso di “infortuni COVID-19” con riferimento all’equiparazione – operata dall’articolo 42 del decreto-legge n. 18/2020 – tra i casi accertati di contagio da COVID-19 in occasione di lavoro e l’ infortunio sul lavoro.

 

In relazione a questo tema ricordiamo brevemente alcune novità normative:


Pubblicità
Dirigenti - Aggiornamento - Sicurezza sul lavoro in tempo di pandemia - 2 ore
Corso online di aggiornamento per Dirigenti che gestiscono luoghi di lavoro in emergenza da pandemia. Costituisce quota dell'aggiornamento quinquennale di 6 ore.

 

Le novità normative della legge 5 giugno 2020

In relazione al decreto-legge n. 23 dell’8 aprile 2020, un articolo dell’Ing. Riccardo Borghetto e l’Ing. Lorenzo Cusaro aveva segnalato la proposta, per la conversione in legge del DL, dell’articolo 29-bis. Articolo che dispone che il rispetto e il mantenimento delle prescrizioni dei protocolli anticontagio, secondo le specifiche attività, costituiscano adempimento dell’articolo 2087 del codice civile, uno dei principi fondamentali sui cui è imperniato l’intero sistema normativo di prevenzione nel nostro ordinamento.

 

È stata successivamente approvata la Legge 5 giugno 2020, n. 40 recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, recante misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali”. E la legge, che ha convertito in legge il DL 23/2020, ha aggiunto, tra gli altri, anche il suddetto articolo 29-bis che riepiloghiamo:

 

MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE AL DECRETO-LEGGE 8 APRILE 2020, N. 23 (…)

Dopo l'articolo 29 è inserito il seguente:

«Art. 29-bis (Obblighi dei datori di lavoro per la tutela contro il rischio di contagio da COVID-19). - 1. Ai fini della tutela contro il rischio di contagio da COVID-19, i datori di lavoro pubblici e privati adempiono all'obbligo di cui all'articolo 2087 del codice civile mediante l'applicazione delle prescrizioni contenute nel protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del COVID-19 negli ambienti di lavoro, sottoscritto il 24 aprile 2020 tra il Governo e le parti sociali, e successive modificazioni e integrazioni, e negli altri protocolli e linee guida di cui all'articolo 1, comma 14, del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, nonchè mediante l'adozione e il mantenimento delle misure ivi previste. Qualora non trovino applicazione le predette prescrizioni, rilevano le misure contenute nei protocolli o accordi di settore stipulati dalle organizzazioni sindacali e datoriali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale».

 

Ricordiamo, per maggiore chiarezza, cosa contenuto al comma 14 (e 15) dell’articolo 1 del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33 recante “Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19”:

 

Art. 1  Misure di contenimento della diffusione del COVID-19

(…)

14. Le attività economiche, produttive e sociali devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali. In assenza di quelli regionali trovano applicazione i protocolli o le linee guida adottati a livello nazionale. Le misure limitative delle attività economiche, produttive e sociali possono essere adottate, nel rispetto dei principi di adeguatezza e proporzionalità, con provvedimenti emanati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020 o del comma 16.

15. Il mancato rispetto dei contenuti dei protocolli o delle linee guida, regionali, o, in assenza, nazionali, di cui al comma 14 che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione dell'attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

(…)

 

 

 

I protocolli e linee guida del DPCM 11 giugno 2020

Riportiamo, in conclusione e per facilitare gli adempimenti richiesti dall’articolo 29-bis, un elenco di alcuni protocolli e linee guida che sono allegati al DPCM 11 giugno 2020 recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19”.

 

          

Tiziano Menduto

 

 

Scarica la normativa di riferimento:

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 11 giugno 2020 - Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.

 

LEGGE 5 giugno 2020, n. 40 - Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, recante misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonchè interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali.

 

DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34 - Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonche' di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19

 

 

Leggi gli altri articoli di PuntoSicuro sul nuovo coronavirus Sars-CoV-2

 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: avv. Dubini Rolando - likes: 0
19/06/2020 (13:20:28)
Applicazione, adozione e mantenimento delle misure ivi previste.
Attenzione al mantenimento effettivo delle misure. Non basta scriverle, devono essere effettivamente adottate da tutti i lavoratori durante il lavoro e mantenute attrice nella loro completezza.
Rispondi Autore: Franco - likes: 0
20/06/2020 (16:10:44)
Lavorare con la mascherina ed il caldo è oggettivamente difficile e molti lavoratori si stanno rifiutando di portare le mascherine ed appena lo fai notare rischi linciaggio.

Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!