Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Come migliorare la sicurezza nella sanità e nelle emergenze

Come migliorare la sicurezza nella sanità e nelle emergenze
 Ufficio Stampa
 PUBBLIREDAZIONALE
15/04/2016: Sono aperte le iscrizioni per la partecipazione agli eventi, convegni e workshop, organizzati da AiFOS a Exposanità di Bologna dal 18 al 20 maggio sulla sicurezza nel comparto sanità e nella gestione delle emergenze.

 

 
La sicurezza nelle strutture sanitarie e nella gestione delle emergenze riguarda non solo un considerevole numero di operatori, ma anche un altrettanto considerevole numero di ospiti e pazienti, ad esempio di strutture ospedaliere e di residenze socio-sanitarie.
Per la sicurezza di questi luoghi e durante le emergenze è necessario verificare di conoscere e attuare adeguatamente tutte le buone prassi necessarie.
 
Ad esempio laddove sia presente un cantiere ospedaliero sono stati valutati attentamente tutti rischi interferenziali? Si è in grado di valutare e gestire correttamente le emergenze tenendo conto della sicurezza degli operatori che intervengono? Le residenze socio – assistenziali sono in grado di far fronte alle emergenze per la sicurezza dei lavoratori e degli ospiti?
 
Per rispondere a queste domande l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro ( AiFOS) organizzerà diversi eventi dal 18 al 20 maggio 2016 durante Exposanità, la 20° mostra internazionale al servizio della sanità e dell’assistenza, che si terrà al quartiere fieristico di Bologna. 
 
A proposito dei rischi interferenziali, ricordiamo quanto sia importante in tutti i cantieri, specialmente laddove intervengano nelle attività lavorative una pluralità di soggetti, un’attenta analisi dei rischi correlati alle interferenze derivanti dalla sovrapposizione di attività lavorative diverse. Può essere necessaria in questi casi una valutazione che è raccolta, con diverse eccezioni riportate nel Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ( D.Lgs. 81/2008), nel DUVRI, il documento unico di valutazione dei rischi interferenti. Si ricorda in particolare che nei settori di attività a basso rischio, che devono essere ancora individuati da apposito decreto ministeriale, la prevenzione dei rischi da interferenze può essere realizzata con l’individuazione di un incaricato, in possesso di adeguati requisiti, che sovrintenda alle attività di cooperazione e di coordinamento tra committente, appaltatori e subappaltatori.  
 
Riguardo invece alle residenze socio sanitarie non bisogna dimenticare che la gestione delle emergenze e dell’eventuale evacuazione in queste strutture deve essere garantita in ogni momento e in tutti i giorni dell’anno, ad esempio anche nelle ore notturne e nei giorni festivi.
 
Presentiamo le iniziative dell’Associazione AiFOS a Exposanità di Bologna partendo dai due workshop dedicati ai rischi interferenziali e alla gestione delle emergenze nelle residenze socio assistenziali.
 
Workshop:I Rischi interferenziali nel cantiere dell’ospedale
Valutare e gestire i diversi rischi che le attività da svolgere in un cantiere ospedaliero comportano (sia all’interno dello stesso che interferendo con le ordinarie attività lavorative), è un compito assai complesso. Spetta al Coordinatore della sicurezza - in accordo con il Servizio Prevenzione e Protezione ospedaliero, la committenza e la direzione lavori - redigere e far rispettare un crono-programma dettagliato che tenga conto di tutti gli attori presenti nello sviluppo di un cantiere temporaneo e mobile, in questo caso specificatamente riferito all’ambito ospedaliero. È inoltre fondamentale che il Coordinatore della sicurezza: a) indichi quali sono le scelte progettuali ed organizzative, le procedure, le misure preventive e protettive necessarie per eliminare o ridurre al minimo i rischi; b) effettui le verifiche che quanto previsto venga adottato; c) adegui, se necessario, il piano di sicurezza e di coordinamento in base all'evoluzione dei lavori ed alle problematiche riscontrate.
Docente: Geom. Stefano Farina.
Mercoledì 18 maggio 2016 dalle 15.00 alle 17.00
Exposanità, Sala Involucro Ospedale - Pad.26 - Corsia B
Valido per il rilascio di n. 2 crediti per RSPP, ASPP, RLS e Coordinatori della sicurezza.
 
Workshop:La gestione delle emergenze nelle Residenze Socio–Assistenziali
Tutti gli ambienti di vita e di lavoro devono essere pronti ad affrontare un’emergenza che comporti, in alcuni casi, anche l’evacuazione dalla struttura di lavoratori e pazienti/ospiti.
L’evacuazione deve avvenire nel minor tempo possibile, ma sempre in modo organizzato, efficace e sicuro. Questi saranno i contenuti del workshop, durante il quale verrà analizzata nello specifico la gestione delle emergenze nel contesto peculiare delle Residenze Socio-Assistenziali (RSA).
Docenti: Massimiliano Longhi, Gianpaolo Caputo.
Venerdì 20 maggio 2016 dalle 9.15 alle 11.15
Exposanità, Sala Involucro Ospedale - Pad.26 - Corsia B
Valido per il rilascio di n. 2 crediti per RSPP, ASPP, RLS e Coordinatori della sicurezza.
 
Inoltre il 19 maggio 2016 dalle 14.30 alle 17.00 si terrà a Exposanità - Sala Notturno, Centro Servizi Blocco D - il convegno “L’attività di Protezione Civile e Associazioni di Volontariato nella gestione delle emergenze”.
 
Infatti diventa sempre più importante, nel contesto storico attuale, saper valutare e gestire le emergenze tenendo conto di diversi fattori di rischio legati anche alla sicurezza degli operatori che intervengono durante una situazione di pericolo.
 
Durante il convegno verranno presentati alcuni casi di studio utili per promuovere l'adozione di buone prassi nella gestione delle emergenze.
 
I relatori del convegno:
- Stefano Farina
- Massimiliano Longhi
- Gianpaolo Caputo
- Ines Foresti
- Gregorio Barberi
 
Ricordiamo che il convegno è valido per il rilascio di 2 crediti per Formatori della Sicurezza (Area tematica n. 2 Rischi Tecnici) ai sensi del Decreto Interministeriale 06/03/2013.
 
 
 
 
 
Per informazioni:
Sede nazionale AiFOS: via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it   - info@aifos.it  - convegni@aifos.it

 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!