Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Il nuovo GDPR: quando “investire” diventa “sprecare”

Il nuovo GDPR: quando “investire” diventa “sprecare”
 
 Privacy
19/05/2016: E' nuovo di pacca: il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati Personali, conosciuto con il nome di GDPR, è sbarcato in Europa, e porta con sé molti quesiti e dubbi. Di Eleonora Bottonelli.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità
 
 
Il 25 e il 26 maggio 2016 esperti mondiali di settore, legislatori, autorità ed esponenti di multinazionali si sono incontrati a Berlino durante l'EDPD, per avviare una discussione su alcune sfumature non ancora chiare.
 
Opportuno sarebbe analizzare tre punti chiave, tra i tanti trattati: la natura del Regolamento, la nuova figura del DPO e le implicazioni pratiche nel giro di due/tre anni. Queste ultime hanno, infatti, avuto ben poco spazio nei dibattiti, che hanno assunto più una forma tecnico-legale ad uso e consumo degli uffici legali delle multinazionali che, si ricorda, sono una minima percentuale delle attività che saranno coinvolte dall'entrata in vigore del Regolamento.
Procedendo con ordine: alcune affermazioni nel Regolamento rimangono generiche e hanno sollevato alcune perplessità; si afferma infatti che l'onere della prova spetta alle aziende, che devono dimostrare di aver attuato “tutte le misure adeguate, ragionevoli e necessarie” in maniera documentale.
 

Pubblicità
Kit di aggiornamento QCPR per Manichino Little Anne
Aggiornate il vostro Little Anne per aggiungere la funzione di feedback QCPR. Il kit può essere utilizzato con qualunque versione di Little Anne.
 
Questo approccio appartiene alla Common Law più che alla Roman Law a cui siamo abituati. Di base le nostre leggi si limitano a una lista di “non fare”, che sottintendono che tutto ciò che non è scritto è permesso se non altrimenti specificato, con tutti i difetti del caso.
Mentre il Sig. Albrecht, un parlamentare europeo, afferma risolutivamente “E' una legge, non una linea guida!”, molti altri ospiti dell'EDPD non sono stati così zelanti: un ufficiale dell'Interpol ha infatti espresso perplessità sulla reale possibilità di applicare, nella realtà, una regola così generica (chi stabilisce infatti cosa è “adeguato, ragionevole e necessario” ?).
 
Secondo punto: la nuova figura del DPO ( Data Protection Officer).
Mai occasione più propizia per vedere i movimenti interni a questo settore: all'EDPD è stato chiaro che molti si stanno già muovendo per questa nuova Caccia all'Oro. Che questo sia un bene o un male è ancora troppo presto per saperlo, ma il rischio è che qualcuno ci lasci la carriera: il DPO è una figura di taglio dirigenziale che avrà il compito di essere il “cattivo” di turno. Non solo sarà il responsabile per l'Impact assesment e della reale attuazione del programma di Protezione dei Dati, ma risponderà sia all'azienda, sia ai Garanti, anche attraverso i cosidetti “whistle blowing” (segnalazioni anonime dei dipendenti di ipotetiche violazioni dei colleghi).
Nel caso di pubbliche amministrazioni sarà responsabile anche verso i cittadini, che potranno rivolgersi a lui per questioni riguardanti l'uso dei propri dati personali. Ciliegina sulla torta: il DPO si prende tale impegno come persona fisica.
 
Queste considerazioni sottendono alcuni risvolti sociali e di mercato, non molto prese in considerazione all'EDPD.
 
Il GDPR non è solo una legge, ma una vera e propria rivoluzione legale e sociale (in un mondo sempre connesso, la regolamentazione a protezione dei dati era solo questione di tempo).
Tutto ciò sarebbe magnifico, se non fosse che l'Europa (sistema anglo-sassone escluso) non è pronta per un tale cambio di mentalità: andando a parlare con piccole e medie imprese come Consulente, ci si accorge immediatamente che nessuno sa di cosa si stia parlando. Si pensa che la sicurezza dei dati e della loro integrità sia un problema di “IT e computer”, e dicono, o pretendono, di non avere i soldi per fare gli investimenti richiesti.
In due anni la legge entrerà pienamente in vigore: ci saranno una miriade di procedimenti in tribunale e di multe salate, e molte aziende potrebbero chiudere per questo (le sanzioni possono arrivare al 4% del fatturato o 20 milioni di euro). Per citare uno dei tanti avvocati presenti all'EDPD: “Sarà la nostra fortuna”.
Non c'è alcuna educazione in questo settore, nessuna conoscenza di base, e improvvisamente il verbo “investire” del Garante Europeo Buttarelli diventa il verbo “sprecare” delle piccole e medie imprese, che vedranno questo nuovo meccanismo come un'ennesima tassa da pagare con il sangue, non sapendo che invece è stato studiato per aiutare anche i processi interni e migliorare le performance.
Quando questo accadrà, vi sarà un ennesimo motivo di malcontento verso le istituzioni europee da controllare, con i prevedibili risvolti politici non da sottovalutare.
Un modo per evitare, o almeno contenere, tutto ciò potrebbe essere organizzare dibattiti pubblici sull'argomento, creando, in parallelo, dei fondi ad hoc e una migliore via di comunicazione tra le istituzioni Europee, le piccole/medie imprese e i cittadini. Queste ultime due categorie, infatti, non possono usufruire di un ufficio legale come le multinazionali.
 
Eleonora Bottonelli
 
 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!