Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Criminalità: -14% rapine in banca

Redazione
 Redazione
 Criminalità
04/09/2013: Sempre meno rapine in banca, ma cresce il bottino medio. E aumenta anche il numero dei feriti.
DIFFUSO DALL'ABI IL RAPPORTO SULLE RAPINE DEL 2012
In concomitanza con il Convegno "Banche e Sicurezza" l'A.B.I. ha diffuso il Rapporto sulle rapine nel 2012. I dati evidenziano per il quinto anno consecutivo un notevole calo del fenomeno (vedi il grafico,  l'allegato comunicato stampa e l'articolo di  Gaia Sabino e Giovanni Gioia apparso su Bancaforte.it). I dati sono dunque positivi, ad eccezione di due che vogliamo sottolineare per invitare tutti i security managers a "non abbassare la guardia". Il primo elemento negativo è la crescita del bottino medio, da 23 a 26mila euro. Nel grafico  sono indicati i valori dal 1997: il 2012 è stato, insieme al 2002, l'anno peggiore, a dispetto di tutti i cash in cash out installati. Forse c'è ancora molto da fare sul versante della formazione!

Pubblicità
Corso Antirapina
Corso Antirapina - Modello didattico di corso per formatori sulla sicurezza con Slide, documenti e test di verifica
 

E AUMENTA PURTROPPO ANCHE IL NUMERO DEI FERITI
Il secondo elemento negativo, ancor più preoccupante, è l'aumento dei ferimenti, dei malori, delle colluttazioni e delle prese d'ostaggio (nella tabella sottostante sono riportati i dati degli ultimi tre anni). Già nello scorso numero del nostro Notiziario avevamo lanciato l'allarme sul verificarsi di un numero sempre più frequente di episodi di violenza. Ora questa nostra impressione è purtroppo confermata dai dati dell'A.B.I. Nel grafico ancora più sotto è indicata la percentuale di rapine nel corso delle quali si sono registrati ferimenti. Dal 2007 al 2012 tale percentuale è più che raddoppiata. Anche il dato relativo alle "colluttazioni" (44 nel 2012) deve far riflettere: è abbastanza raro che un rapinatore ingaggi di sua iniziativa una colluttazione con un dipendente. E' più probabile che un dipendente o un cliente reagisca alle intimidazioni di un malvivente, dando così vita a una zuffa, fatto assolutamente da evitare. Anche in questo caso degli idonei interventi formativi devono indirizzare i dipendenti al corretto comportamento da tenere in caso di rapina, astenendosi da ogni reazione.
 
 
 
 
 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!