LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

11 aprile 2013 - Cat: Normativa
  

UNI EN ISO 7010:2012: la nuova segnaletica di sicurezza


Il 18 ottobre 2012 è entrata in vigore la norma UNI EN ISO 7010:2012 che prescrive i nuovi segnali di sicurezza. Vediamo il confronto con il Decreto 81 e i nuovi cartelli di obbligo, divieto, pericolo, emergenza e antincendio.

Pubblicità
 
Roma, 11 Apr– Se le norme tecniche offrono soluzioni in grado di favorire la prevenzione di incidenti e tutelare la salute nei luoghi di lavoro, nell’attuale economia globale è importante che le norme siano armonizzate a livello internazionale. Ad esempio permettendo che un cartello, un pittogramma siano correttamente riconosciuti dai lavoratori indipendentemente dalla lingua e dalla cultura di origine.
 
Proprio con questi obiettivi il 18 ottobre 2012 è entrata in vigore la norma UNI EN ISO 7010:2012, una norma che prescrive i segnali di sicurezza da utilizzare nella prevenzione degli infortuni, nella protezione dal fuoco, per l'informazione sui pericoli alla salute e nelle evacuazioni di emergenza.
 
La norma contiene una raccolta di simboli armonizzati riconosciuti universalmente.
E – come indicato dall’ Ente Nazionale di Unificazione (UNI) – “la forma e il colore di ogni segnale di sicurezza sono conformi alla ISO 3864-1 e la progettazione dei segni grafici è conforme alla ISO 3864-3”.
E se la norma “è applicabile a tutti i siti in cui le questioni legate alla sicurezza delle persone necessitano di essere poste”, non è invece applicabile ai “segnali utilizzati nel traffico ferroviario, stradale, fluviale, marittimo e aereo e, in generale, in quei settori soggetti a una regolamentazione che può differire in alcuni punti della presente norma e della serie ISO 3864”. In particolare la norma specifica gli originali dei segnali di sicurezza che possono essere ridotti o ingranditi per esigenze di riproduzione e di applicazione.
 
Questi i nuovi segnali (è possibile cliccare sulle immagini per ingrandirle):
 
 
                                             
 
 
La norma ISO 7010 conteneva già dal 2011 una raccolta di simboli riconosciuti universalmente, uno standard basato su pittogrammi facilmente compresi indipendentemente dalla nazionalità dei lavoratori. Tuttavia l’Italia ha continuato a utilizzare i propri standard UNI.
Ora invece l'armonizzazione dei simboli a livello continentale - con l’adozione in Italia della norma con il nome di UNI EN ISO 7010:2012 - ha un riconoscimento ufficiale anche nel nostro paese.
 
Una utile comparazione dei pittogrammi presenti nel D.Lgs. 81/2008 e di quelli presenti nella norma UNI EN ISO 7010:2012 è presente nel documento “Breve guida relativa alla nuova segnaletica di sicurezza secondo la norma UNI EN ISO 7010” a cura del geom. Stefano Farina. Il documento è correlato al sito SICURELLO, che già collabora con la nostra redazione con la rubrica " Le immagini dell'insicurezza".
 
Con la pubblicazione della norma UNI, avvenuta il 18 ottobre 2012, sono state ritirate le precedenti norme nazionali, secondo quanto previsto dal regolamento di recepimento del Comitato Europeo di Normazione (CEN).
 
 
In particolare la nuova norma tecnica sostituisce le seguenti norme: UNI 7544-1:1976; UNI 7544-2:1985; UNI 7544-4:1985; UNI 7544-5:1985; UNI 7544-7:1986; UNI 7545-1:1976; UNI 7545-2:1976; UNI 7545-3:1976; UNI 7545-4:1976; UNI 7545-5:1976; UNI 7545-7:1976; UNI 7545-8:1976; UNI 7545-9:1985; UNI 7545-12:1978; UNI 7545-19:1986; UNI 7545-20:1989; UNI 7546-1:1976; UNI 7546-6:1978; UNI 7547-1:1976; UNI 7547-2:1976; UNI 7547-3:1976; UNI 7547-4:1976; UNI 7547-5:1976; UNI 7547-6:1976; UNI 7547-7:1994; UNI 7547-8:1987; UNI 7544-12:1994; UNI 7545-25:1994; UNI 7545-26:1994; UNI 7545-28:1994; UNI 7547-10:1994; UNI 7546-10:1994; UNI 7546-11:1994; UNI 7547-9:1994; UNI 7545-27:1994; UNI 7545-24:1994; UNI 7545-23:1994; UNI 7546-12:1994; UNI 7546-13:1994; UNI 7544-13:1995; UNI 7547-11:1995; UNI 7544-16:2007; UNI 7545-30:2007; UNI 7546-16:2007; UNI 7546-17:2007; UNI 7546-18:2007; UNI 7544-14:2008; UNI 7544-3:2008.
 

Pubblicità
 
 
E ora? Cosa succede con la nuova norma UNI EN ISO 7010:2012?
 
Il rapporto tra normazione tecnica e legislazione, come già ricordato da PuntoSicuro, è un rapporto stretto e  a volte complesso.
Se l’applicazione delle norme tecniche non è generalmente obbligatoria, una norma tecnica può diventare, a diversi livelli, un obbligo inderogabile se citata e menzionata direttamente nella legislazione vigente.
 
Ricordiamo che in relazione a questo rapporto tra norme e leggi, l'UNI mette a disposizione degli utenti del web due banche dati che raccolgono i riferimenti ai provvedimenti legislativi strettamente inerenti il mondo della normazione tecnica, pubblicati rispettivamente sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea e sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.
 
In questo senso è bene segnalare che, ad oggi, la nuova normativa UNI EN ISO 7010:2012 sulla segnaletica di sicurezza non vieta la circolazione dei segnali già contenuti nel Decreto legislativo 81/2008 (da allegato XXIV a XXXII).
E dunque riguardo alla segnaletica già installata non c’è obbligo di modifica.
È tuttavia possibile sostituirla con i nuovi cartelli e pittogrammi in conformità con quanto indicato dal Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (All. XXV, punto 1.3):
 
ALLEGATO XXIV – D.Lgs. 81/2008
Prescrizioni generali per la segnaletica di sicurezza
 
1. Considerazioni preliminari
1.1. La segnaletica di sicurezza deve essere conforme ai requisiti specifici  che figurano negli allegati da ALLEGATO XXV a ALLEGATO XXXII.
(...)
 
ALLEGATO XXV - D.Lgs. 81/2008
Prescrizioni generali per i cartelli segnaletici
 
1. Caratteristiche intrinseche
1.1. Forma e colori dei cartelli da impiegare sono definiti al punto 3, in  funzione del loro oggetto specifico (cartelli di divieto, di avvertimento, di prescrizione, di salvataggio e per le  attrezzature antincendio).
1.2. I pittogrammi devono essere il più possibile semplici, con omissione  dei particolari di difficile comprensione.
1.3. I pittogrammi utilizzati potranno differire leggermente dalle figure riportate al punto 3 o presentare rispetto ad esse un maggior numero di particolari, purché il significato sia equivalente  e non sia reso equivoco da alcuno degli adattamenti o delle modifiche apportati.
(...)
 
 
 
 
 
 
 
RTM
 
 
  

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: cippa lippa11/04/2013 (10:57:30)
...nella speranza che qualcuno guardi la cartellonistica...
Rispondi Autore: edoardo11/04/2013 (11:18:26)
in pratica sono diventati simboli più brutti... mi felicito di alcune new entry che a suo tempo ho dovuto fare a mano, ma certi pittogrammi sono veramente indecenti...
Rispondi Autore: cippa lippa11/04/2013 (12:54:42)
...non penso sia una questione estetica, l'importante è che non si crei confusione nell'esagerata quantità dei suddetti...
Rispondi Autore: Ferdinando12/04/2013 (00:13:25)
Sono già disponibili .dwg da utilizzare nelle planimetrie? sapete come reperirli?
Rispondi Autore: cippa lippa12/04/2013 (09:45:41)
...attenzione ai copia-incolla, spesso generano danni ingenti...
Rispondi Autore: Paola Calabretto12/04/2013 (21:54:38)
Interessante
Rispondi Autore: Gianluca Gorlani15/05/2013 (09:19:03)
Grazie per l'utile approfondimento e soprattutto per la dispensa di "StudioFarina" Sito web Sicurello!
Rispondi Autore: Massimo Pelizzon24/03/2015 (12:04:22)
Grazie, ottimo articolo e ottima guida

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: