LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

11 agosto 2014 - Cat: Normativa
  

Approvate le modifiche al Titolo V della Costituzione


Tornano allo Stato le competenze in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Un primo commento del Presidente AiFOS, Rocco Vitale.

Pubblicità

Roma, 8 agosto 2014. Il Senato ha approvato importanti modifiche al Titolo V della seconda parte della Costituzione e in particolare all’art. 117, dove è stata prevista la competenza esclusiva dello Stato per la materia della salute e la sicurezza sul lavoro.
 
L’iter di revisione costituzionale è solo agli inizi e deve procedere con le successive approvazioni di Camera e Senato e, molto probabilmente, si svolgerà un referendum.
 
Ciò non toglie l’importanza di quanto è avvenuto, poiché si tratta pur sempre di un atto legislativo che inciderà, fin d’ora, profondamente sulla normativa del settore della prevenzione della salute e sicurezza.
 
Di fatto è stato completamente modificato il secondo comma dell'art. 117 nella dizione: "lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie e funzioni" ed alla lettera m) sono aggiunte le "norme generali per la tutela della salute, la sicurezza alimentare e la tutela e sicurezza sul lavoro".
 
Allo stesso tempo è stato abrogato l'attuale comma 3, cancellando le " materie di legislazione concorrente". Tutta la problematica rientra nell'esclusiva competenza dello Stato e viene tolta alle Regioni la cosiddetta legislazione concorrente e, pertanto, non potranno più emettere provvedimenti, di qualsiasi natura, nel campo della salute e sicurezza.
 
Per gli addetti ai lavori non si tratta di una sorpresa, ma di una conferma che già la relazione finale della " Commissione Tofani" (Commissione parlamentare di inchiesta sulle morti bianche) aveva considerato evidenziandone la grande confusione venutasi a creare da parte delle Regioni nell'applicazione della legislazione concorrente.

Pubblicità

Le Regioni, del resto, hanno fatto di tutto in questi anni per concorrere a creare questo sistema.
 
Dopo gli Accordi Stato-Regioni, che con luci ed ombre hanno fissato regole e principi condivisi, si è assistito ad una proliferazione di leggi, decreti, delibere, regolamenti differenti da Regione a Regione. Una vera e propria raccolta di testi e norme difformi fra loro che poco o nulla hanno a che vedere con l'autonomia regionale.
 
Non sorprende, quindi, che a fronte dei circa 8.000 emendamenti presentati al disegno di legge del Governo di modifica del Titolo V della Costituzione non ve ne sia stato nemmeno uno che chiedeva la conferma della "legislazione concorrente".
 
Potremmo dire che, al di là dell’esito delle singole votazioni, vi sia stata una unanimità totale nel voler ricondurre allo Stato la materia di salute e sicurezza sul lavoro togliendola alle Regioni. Anzi, bisogna sottolineare come alla salute e sicurezza sul lavoro sia stata aggiunta la sicurezza alimentare ambito nel quale abbiamo, tutt'ora, ben venti legislazioni differenti riconducibili ad ogni singola regione.
 
Che cosa rappresenta e cosa significa il recente voto del Senato? Agli effetti pratici ed immediati non cambia nulla perché, come detto, siamo all'inizio dell'iter di una modifica costituzionale che deve seguire il suo corso (se tutto procederà senza intoppi, gli esperti dicono che si potrà arrivare a fine 2015 o nel primo semestre del 2016).
 
Non deve però passare sotto silenzio il valore politico e culturale di tale provvedimento.
 
Primo perché si tratta di un atto che esprime chiaramente la volontà del Legislatore e secondo perché il tempo che ci separa alla sua applicazione totale deve essere usato e ben speso per affrontare la nuova situazione che non vedrà più né norme regionali, né nuovi Accordi Stato-Regioni.
 
Le Regioni possono utilizzare bene questo tempo per dare un contributo di chiarezza e responsabilità. Non tutto quanto è stato fatto deve essere cancellato o rifatto daccapo. Le Regioni, come ricordava la Commissione Tofani mantengono ed hanno competenze tramite i Comitati Regionali di Coordinamento (art. 7, D. Lgs. 81/2008) e dovrebbero meglio farli funzionale, nonché sulla vigilanza in materia di sicurezza (art. 13, D. Lgs. 81/2008).
 
Vi sono poi molte esperienze positive ed utili che dovrebbero essere condivise, prima di tutto fra le stesse Regioni, affinché possano divenire suggerimenti e indicazioni utili allo Stato.
 
Non è cosa da poco, bensì molto impegnativa.
 
Anzi è proprio quello che è mancato ed ha contribuito ad affievolire l’azione (molto spesso disattesa, non applicata ed ignorata) ed il prestigio delle Regioni.
 
Dedicarsi con serietà ed impegno per dare un contributo propositivo sarà molto più utile che persistere nell'applicare norme o, peggio ancora, farne delle nuove che prima o poi verranno cancellate e facilmente dimenticate.
 
Rocco Vitale, Presidente AiFOS


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: Enzo Alessi08/08/2014 (18:04:27)
Potrebbe essere l'occasione giusta anche per ripensare e riorganizzare la vigilanza nei luoghi di lavoro.
Rispondi Autore: Gianluca Tomei08/08/2014 (18:22:44)
La volta buona!?
Rispondi Autore: Giacomo Rucci11/08/2014 (08:14:38)
Se questo articolo è stato pubblicato oggi 11 agosto, come fanno ad esserci commenti di 3 giorni fa?
Rispondi Autore: Christian11/08/2014 (09:19:56)
Ahahahahah... è vero, Giacomo!
Magie... all'italiana? Ahahahah
Rispondi Autore: Raffaele Giovanni ( Ispettore tecnico del lavoro)13/08/2014 (19:59:25)
FINALMENTE .... era ora .... ora i soliti gufi e cornacchie per mantenere le solite poltrone cominceranno a criticare a dire che le regioni e gli SPRESAL funzionavano bene ecc. ecc. Sicuramente si farà ma con il suo tempo anche l'Agenzia Unica per la Sicurezza tutti i tecnici confluiranno lì e gli atti avranno finalmente una linea unica in tutt'Italia e non come ora con tante repubbliche di Franceschello .
Rispondi Autore: redazione15/08/2014 (18:46:23)
art. pubblicato online su PS 8 Agosto come si evince dalla data all'inizio dell'articolo ma inserito nella edizione del giorno 11.
Rispondi Autore: KO Tecnico18/08/2014 (11:22:04)
Positiva scelta da una parte.
Le Regioni la smetteranno di produrre indirizzi differenti che gli "operatori" del settore devono inseguire sino al voltastomaco. In una visione che facilita le azioni di tutti gli stakeholders avere uniformità di documentazione, pratiche... pare il minimo.
Dal'altra parte con la lentezza dell'apparato centrale ho i miei dubbi che saranno reattivi nelle indicazioni che non saranno più generali ma dovranno dare uniformità su tutto il territorio del Paese. Attendo di vedere una serie di modelli unici per le varie pratiche (di tutti i tipi) valide dalle Alpi alle piramidi.
Sarebbe utile che l'apparato centrale raccogliesse tutte le "indicazioni" (almeno quelli pubblicati nei vari Bollettini Regionali) delle Regioni ed elaborasse o scegliesse i documenti, gli obblighi (es. di deregulation è l'obbligo dell'adozione delle linee vita), le LG... realizzati nel modo migliore...non lo faranno ne sono certo (i motivi sono molteplici compreso incarichi ad associazioni, studi tecnici e compagnia bella per la ri_produzione di ciò che è già stato realizzato...). Auguro meno documenti ma chiari e che possano incidere e uniformità nei modelli.
Rispondi Autore: luigi18/08/2014 (11:52:56)
Si spera che le competenze siano ben distinte e che non si sovrappongano in maniera assurda come sin qui consentito. In effetti non è senz’altro difficile illustrare quali siano le diseconomie, se così vogliamo chiamarle, presenti all'interno del sistema “ASL”, gli sprechi , e soprattutto la non competenza di dirigenti sanitari chiamati a dirigere, in molteplici AA.SS.LL. d’Italia, i settori tecnici di prevenzione e vigilanza territoriale. In buona sostanza appare alquanto forzato l’affidamento a profili medici della direzione di un settore estremamente tecnico come quello della vigilanza ed antinfortunistica nei luoghi di lavoro. Si potrebbe pensare di creare un settore, all'interno del sistema sanitario, esclusivamente tecnico deputato ai controlli della normativa antinfortunistica che è tecnica per definizione: ci sono alcune ASL in Italia dove questo avviene e, guarda caso, sono quelle più avanzate nel panorama nazionale (esempio: alcune ASL della Toscana, come Massa-Carrara, Lucca, Grosseto, ecc; alcune ASL della Campania, della Puglia, della Valle d’Aosta, ecc. ).
In particolare le questioni da mettere in risalto sono:
- ridefinire i requisiti e i percorsi formativi degli attori della sicurezza in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale;
- promuovere la cultura della prevenzione attraverso il coinvolgimento sinergico tra professionisti ed organo di vigilanza;
- potenziare gli organi di vigilanza implementando le figure tecniche e valorizzando il ruolo strategico dell’ingegnere per la prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Le attività del Servizio di Prevenzione e sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) sono prettamente a carattere tecnico e non medico. Con ciò non si vuole intendere che i contenuti medici in questo settore non esistono, anzi ci sono e sono anche molto importanti, solo che sono preponderanti quelli di carattere tecnico.
Questo è il problema fondamentale di molti dei Servizi SPSAL sparsi lungo tutta la penisola: il Direttore del Servizio è un medico ma i contenuti delle attività sono prettamente tecnici e ciò è inconfutabilmente dimostrabile dai resoconti annuali disponibili a livello regionale (L.E.A.: Livelli Essenziali di Assistenza).

Facciamo alcuni esempi (non esaustivi, ma che evidenziano chiaramente la problematica e sottolineano l’evidente paradossale conflitto di competenze):
• Come può un direttore medico di uno SPSAL valutare la relazione di un tecnico della prevenzione da inviarsi all’Autorità Giudiziaria in merito ad un infortunio dovuto al ribaltamento di un trattore agricolo riscontrato privo di Roll Over Protection Structure (ROPS)?
• Come può un direttore medico analogamente valutare l’operato dei tecnici della prevenzione in merito all’emissione di prescrizioni nel settore della cantieristica edile?
• Chi risolverà i dubbi del tecnico quando si troverà di fronte a casi in cui dovrà interpretare la normativa (tecnica)? Vedasi applicazione di norme UNI, vedasi il controllo dei dispositivi di sicurezza di macchine industriali, ecc. ecc.


Inoltre, ciò che maggiormente colpisce è che la figura dell’RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) nelle aziende è “vocazionalmente” un tecnico cui dovrebbe logicamente corrispondere, quale interfaccia nella struttura pubblica, un soggetto con identica preparazione di base, cosa che invece non avviene. Pertanto, si potrebbe evocare con giusto diritto che il Direttore di tutto il Servizio fosse un tecnico (anche un tecnico della prevenzione laureato con profilo dirigenziale) anziché un medico.

Si pensi all’alta incidenza dell’attività di questo Servizio sul territorio e sugli operatori del settore, in sostanza sulle imprese e sui lavoratori: si concorderà sulla necessità che esso dia sempre e costantemente risposte efficienti, certe e qualificate, nell’interesse di tutta la cittadinanza e del tessuto sociale.
In ultima analisi, allo scopo di evitare possibili proteste e rivalse di una categoria rispetto all’altra, sarebbe opportuno, a mio modesto avviso, anche per distinguere le funzioni tecniche da quelle sanitarie, le quali andrebbero poste su piani assolutamente paralleli e distinti tra loro (senza attuare una subordinazione di una funzione e/o competenza sull’altra, con gli attriti che deriverebbero a discapito dell’efficienza dei servizi all’utenza), separare queste funzioni rendendole assolutamente autonome.
Con ciò si risolverebbero numerose problematiche a vantaggio del “sistema della prevenzione”.

In alterativa alla precedente ipotesi, dovrebbe essere concesso alla figura dell’ingegnere di dirigere questi settori, in base al fatto che la competenza di gran lunga prevalente è quella tecnica.
Ciò permetterebbe, in maniera molto semplice, di poter risparmiare una quota considerevole di fondi. Si tenga conto del fatto che, comunque, un dirigente ingegnere di II° livello (contratto nazionale CCNL relativo alle figure PTA: professionali, tecnici, amministrativi) costa meno di un dirigente di II° livello di tipo medico (parliamo di circa 1500-2000 euro mensili) e quindi si genererebbe un notevole risparmio per le casse regionali/statali.
Questo è un aspetto non trascurabile, dato il particolare momento economico che si sta vivendo.

Oltre al risparmio economico si concretizzerebbe anche un aumento dell’efficienza del sistema, visto che le attività sono comunque largamente a carattere tecnico.
Si veda anche il parere del Consiglio Nazionale Ingegneri del 10-06-2013 (ingegnere direttore SPSAL) che dimostra anche a livello normativo la fattibilità dell’operazione suddetta [circ. n° 245/XVIII Sess./2013].

Ad ognuno le proprie competenze......
Rispondi Autore: b_bass18/08/2014 (15:36:43)
Salve, vorrei replicare a quanto detto da Raffaele Giovanni. Penso che l'Agenzia Unica per la Salute e Sicurezza sul Lavoro in Italia non si farà mai per vari motivi. Innanzitutto, tutti i “dirigenti medici” di primo livello (circa 3.000 € netti al mese) e secondo livello (circa 5.000 € netti al mese), ovviamente tutti indispensabili per livello di competenza… soprattutto negli SPSAL, accetterebbero di essere ricollocati diversamente? sarebbero costretti a ritornare (o iniziare) a fare il DOTTORE al pronto soccorso? L'Agenzia Unica per la Salute e Sicurezza sul Lavoro in Italia non si farà mai anche perché forse sarebbe l’unica vera soluzione con cui fronteggiare realmente e con reale competenza i problemi di salute e sicurezza sul lavoro, nonché di salute e igiene pubblica e degli alimenti (senza distinzione tra origine animale e non) in TUTTA ITALIA ED ALLO STESSO MODO e con equipe fatte non solo da personale sanitario, ma questo poi non credo sia ritenuto favorevole anche dall’attuale mondo dell’economia perché sarebbe sicuramente più efficace.. Quando dico di applicare la legge in tutta Italia in modo uniforme, lo dico con cognizione di causa avendo lavorato nel settore sia al Nord sia al Sud, ossia due mondi distanti almeno 80 anni l’uno dall’altro per diversità e applicazione delle norme regionali e non solo. In fin dei “conti” alle Regioni interessa solo il numero delle ispezioni fatte dai TPALL (per 1.350 € netti al mese) per garantire lauti premi di produttività ai dirigenti, ma poco importa se i livelli di salute e sicurezza sono realmente aumentati o se forse gli stessi “numeri” ricevuti dalle ASL sono un po’ taroccati… ma siamo il paese delle “carte a posto” e quindi tutto torna. Qualcuno, a proposito di carte a posto, sa dirmi se un TPALL che nel corso di un’ispezione riscontra un rumore elevato o una puzza eccessiva data da sostanze chimiche (es. colle), giusto per fare qualche esempio, se trova le “carte a posto” quali strumenti ha per appurare che in realtà le cose non sono effettivamente a norma? L’evidente fallimento della vigilanza delle ASL (testimoniato dall’ininfluenza sull’andamento di morti, malattie e infortuni professionali i quali hanno risentito in maniera certa solo del calo occupazionale) a volte è addebitato solo alle carenze di organico di queste.. ma se poi dalle relazioni sui LEA si evince che in materia di Salute e Sicurezza questi sono garantiti anche nelle regioni con gravi carenze di personale come la Campania, allora forse il problema potrebbe essere nella qualità delle ispezioni oltre che nella sottostima dei LEA ? Tra l’altro poi, penso che la carenza di organico delle ASL è in realtà solo un finto problema per le Regioni che, lasciando le cose come stanno, tendono a non immettere sul territorio nuovi ispettori con la facoltà di elevare multe all’elettorato.. poi alla fine poco importa della terra dei fuochi, degli operai morti sul lavoro, dei braccianti agricoli schiacciati dal trattore, di ilva di taranto, di petrolchimici vari, etc, figuriamoci poi degli invalidati o ammalati a causa del lavoro che fanno poca notizia. Qualcuno poi sa quanto seriamente vengono portati avanti i servizi di epidemiologia delle ASL, specialmente al SUD, o se sono sempre diretti da epidemiologi, se i dati disponibili sono effettivamente attendibili o rilevati in maniera appropriata? Anche in materia di salute e sicurezza sul lavoro è chiaro a tutti che in Italia ci sono troppe realtà diverse. In alcune ASL del Nord si lavora anche bene, per quello che sono le attuali possibilità, ma a volte i servizi abbondano di personale non tanto perché serve davvero ma più per giustificare gli stipendi dei Dirigenti, mentre in altre del Sud c’è reale e grave carenza di personale, non esiste alcuna programmazione annuale degli obiettivi, né auto di servizio per fare le ispezioni, ma si lavora solo su delega della procura o per fare verifiche agli impianti in ALPI (con esito positivo anche se privi di conformità) oltre che in orario d’ufficio (..e poi, chiedo, sarebbero gli stessi ispettori a dover elevare sanzioni se qualche lavoratore resta fulminato ??) e in concorrenza ai privati…. Di contro, penso anche che la vigilanza esercitata dai soggetti pubblici diversi dalle ASL in concreto non serva a molto, anche perché non avvalendosi di personale specificamente formato in materia di SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, due facce della stessa medaglia, faccia fatica a comprendere nella giusta misura le criticità riscontrabili nella grande varietà dei casi. In definitiva, pur se evidentemente inefficace, l’attuale organizzazione per fronteggiare i problemi descritti penso che non cambierà mai, perché nella realtà dei fatti piace a tutti, o a quasi tutti ma forse sono ormai troppo pochi quelli che pensano che la salute sia ancora un diritto da garantire a tutti e in qualunque contesto così come affermato nella nostra costituzione.
Rispondi Autore: Augusto Iovenitti20/08/2014 (10:39:52)
Era ora!!! Non se ne può più di norme regionali per il bene dell'Italia e di chi opera come me in diverse Regioni.
La Vigilanza che oggi è fatta da troppi enti(ASL, Ministero del Lavoro, Carabinieri ARTA, Forestale ecc.) su ambiente e sicurezza sul lavoro creano confusione.
Benvenuto un unico ente con diramazioni locali con a capo professionisti (ingegneri,periti, geometri ecc.)per la parte tecnica di AMBIENTE E SICUREZZA e dei Medici del Lavoro per la SALUTE. Addestriamo professionalmente con formazione specifica tutti gli imboscati nelle ASL dai dirigenti agli ispettori(compresi gli UPG ed i molti tecnici diventati dottori/laureati per decreto)
Per il resto concordo con l'isp. Raffaele Giovanni
Rispondi Autore: Aldo Di Giandomenico23/08/2014 (16:07:34)
Finalmente, era ora ogni Regione faceva come voleva, specie la Lombardia,leggificava come se era il consiglio dei Ministri che un consiglio regionale
Rispondi Autore: Raffaele Giovanni24/08/2014 (17:51:23)
Egr. collega (scusami b_bass almeno questo è lo pseudonimo usato) dalla lettura del tuo scritto sembra tu sia un tecnico come me e che la pensi altrettanto alla stessa mia maniera sulle figure mediche che governano le ASL nei servizi di prevenzione sicurezza. Ribadisco di non capire il fatto che un tecnico laureato non possa dirigere gli SPISAL o SPRESAL o altro nome ( ed anche in queste cose si denotano sconforto e poca omogeneità , figuriamoci nell'operato) a discapito dei medici . Io sono del parere che I MEDICI DOVREBBERO STARE NELLE CORSIA DEGLI OSPEDALI . Caro collega chi ti parla è un ispettore con 40 anni di lavoro alle spalle e tecnico nel Ministero del lavoro ancor prima della nascita dei servizi SPISAL etc. e come me ti garantisco Ispettori del Lavoro Tecnici (validissimi) ne conosco tantissimi in Italia visto che l'ho girata e la giro in lungo ed in largo per lavoro anche per seminari e corsi ( importanti , compreso master universitari etc. ) . Le tue affermazioni denigranti i tecnici del ministero mi lasciano un tantino a disaggio anche nel risponderti ( se questa è la tua idea ), di contro io invece conosco tantissimi tuoi colleghi SPISAL con ottimi rapporti e relazioni di lavoro eccellenti come conosco tanti nulla facenti ed incapaci, ma per questo non vado a dire che siamo i migliori, anche perché la professionalità la debbono giudicare gli utenti , i magistrati etc. . Ti informo che tra i nostri ranghi (malgrado ridotti al lumicino) ci sono tantissimi ingegneri, architetti etc - RIPETO TECNICI e non medici dove la materia è prettamente ed al 80 % tecnica. C'è una parte residuale tipo malattie professionali e qualche altra branca che può anche essere all'appannaggio dei medici .... ma poi basta . Sulle statistiche nostre ... mano sul fuoco per la loro veridicità , i nostri dati sono settimanalmente giudicati e vagliati anche dal Ministero tramite sistema informatico . Per i dati ASL ... essendo a conoscenza dei loro trucchetti per pompare i dati (detto da colleghi SPISAL) stendo un velo pietoso. Non intendo andare oltre spero che si faccia L'agenzia unica e che tutti i tecnici come noi si possano realizzare nel loro quotidiano lavoro . Non me ne volere , rispetto il tuo pensiero ma i fatti vanno visti a 360° . Ciao
Rispondi Autore: Aldo Di Giandomenico25/08/2014 (08:58:21)
Egregio Sig. Raffaele lei si è espresso in modo corretto purtroppo in molte Regioni la vigilanza e sicurezza è affidata a tecnici di scarsa preparazione e con voglia di lavorare scarsa, in alcune ASL il servizio è affidato a persone laureate il legge che svolgono verifiche di impianti di messa a terra, verifiche apparecchi di sollevamento e a pressione, ma mi domando ma quali competenze possono avere questi Signori?
Rispondi Autore: b_bass25/08/2014 (14:20:11)
Caro Raffaele, porgo le mie più sincere scuse dicendo anche che sarebbe un onore e un piacere avere colleghi con la tua competenza ed esperienza da cui imparare ogni giorno. Non volevo offendere nessuno, ma solo porre maggiore attenzione sul fatto che il Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei Luoghi di Lavoro è l’unica figura professionale che sceglie di acculturarsi specificamente a livello universitario nel campo della Salute e Sicurezza sul Lavoro e, come le altre professioni sanitarie, ha l’obbligo di aggiornarsi periodicamente. La mia rivendicazione è dettata anche dal fatto che spesso tale figura ancora oggi è sconosciuta ai più, basti leggere un articolo di pochi giorni fa su un quotidiano nazionale in cui a commento di tre morti sul lavoro si riportava la dichiarazione di un sindacalista di una importante sigla sindacale che citava la DTL come unico punto di riferimento in materia di vigilanza. Comunque, ripeto, salute e sicurezza sul lavoro, poiché credo fermamente che le competenze sanitarie siano un elemento fondamentale nel bagaglio culturale di chi si occupa di sicurezza sul lavoro, così come lo sono le competenze tecniche che non tutti i Tecnici della Prevenzione possiedono, me compreso. Ed è per questo che penso avrebbe più senso fare vigilanza con dei team dotati di competenze diverse in funzione delle attività da visitare, oltre che di strumenti tecnici in grado di comprovare al momento dell’ispezione se il contenuto di eventuali carte apparentemente a posto sia realmente aderente alla realtà. Certo poi sugli attuali corsi di laurea in tecniche della prevenzione incentrati su materie mediche ci sarebbe parecchio da dire (se poi si pensa che di fatto è raro l’affidamento di un’indagine su un caso di malattia professionale a un tecnico della prevenzione, allora ci si accorge ancora più chiaramente del paradosso), ma questa è un’altra storia… o forse la stessa storia della dominazione dei medici e, in parte restante, degli infermieri in sanità ?? In ogni caso, concordo pienamente con te sulla concreta utilità che potrebbe avere un’agenzia unica per la vigilanza, ma ritengo che la naturale cornice entro cui dovrà essere istituita debba comunque essere il comparto sanitario. Infine, concordo pienamente sul fatto che un Tecnico della Prevenzione laureato magistrale all’università con sacrificio e sudore o “laureato” sul campo con altrettanto sacrificio e sudore derivante dall’esperienza professionale, rispetto a un medico senza specifiche competenze in materia di sicurezza sul lavoro o ad un tecnico (ingegnere, architetto, geometra, perito, etc) senza specifiche competenze in materia di salute e/o sicurezza sul lavoro, sia da preferire come dirigente di uno SPISAL/SPRESAL/SPSAL etc non solo perché percepisce meno come stipendio, ma innanzitutto per competenza e dedizione verso la materia.
Rispondi Autore: Nickname130/08/2014 (14:41:34)
Voglio ricordare che anche le indagini di carattere igienistico ( tutto ciò che è rivolto alla salute dei lavoratori per intenderci e non propriamente alla sicurezza ) sono prettamente tecniche o se vogliamo tecnico-sanitarie. Pertanto nemmeno queste attività sono esclusive ( come qualche servizio ancora ritiene) del medico. Quindi la presenza dei medici nei servizi spisal è alquanto difficile da sostenere oggettivamente.
Rispondi Autore: Federico Betteni05/09/2014 (16:55:04)
Formazione e informazione, addestramento e conoscenza sono alla base di un lavoro tecnico e complesso come quello di un ispettore.
Visto e considerato che le risorse pubbliche sono poche (forse meglio dire inesistenti) con ragionevole certezza diverse associazioni di categoria (produttori di macchine [utensili, agricole, ..] e di sistemi, di DPI e DPC, ecc.) sono ben liete di condividere a costo zero o quasi la conoscenza dei loro associati con le autorità preposte al controllo e alla vigilanza. Questo non tanto per reprimere e sanzionare (azioni necessarie in quanto previste dalla legge), quanto per informare e rendere consapevole le aziende (e le micro-aziende) che devono evolvere e crescere. Serve solo un po' di comunicazione tra le parti.
Rispondi Autore: Marco14/09/2014 (12:30:14)
1) Step:
eliminare tutte le normative regionali. Linee guida e normative solo da Stato / INAIL.
2) Step:
uniformare i controlli (seguo due aziende in due provincie diverse con medesime problematiche ma differenti interpreazioni dei Tecnici delle Prevenzione)
3) Step:
Eliminare la normativa Regionale ambientale.
4) Step:
Riptere 1) e 2).

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: