LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

21 settembre 2009 - Cat: Agricoltura
  

Il settore agricolo e il Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro


Disponibili gli atti di un convegno che si è tenuto a Bergamo su "Le nuove norme del testo unico applicate al settore agricolo". La prevenzione nell’uso di macchine e attrezzature, la gestione degli animali, i dati sugli infortuni.

google_ad_client
 
Il 5 settembre 2008 si è tenuto a Bergamo un seminario pubblico su "Le nuove norme del testo unico applicate al settore agricolo" - organizzato dalla Asl della Provincia di Bergamo e dalla Regione Lombardia – di cui sono stati recentemente pubblicati gli atti.
Nel seminario, rivolto a tutti gli attori del mondo agricolo (tra cui operatori e professionisti del settore, consulenti, rivenditori, …), si è voluto affrontare il delicato tema inerente la prevenzione degli infortuni in agricoltura non  solo confrontandosi con il Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro, ma anche ponendo l’accento su prospettive e iniziative espresse da diverse realtà pubbliche e private.
 
 
---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----



Tra i temi affrontati:
- le procedure di sicurezza durante le opere di manutenzione del verde;
- la gestione degli animali in allevamento;
- i nuovi campi d'applicazione del Decreto legislativo 81/2008 nel settore agricolo.
 
Nel convegno sono stati presentati dati interessanti sui controlli effettuati e sul numero di incidenti, ricordando ad esempio che “gli infortuni da macchine sono tra i più frequenti e gravi del settore agricolo”.
Infatti attraverso l’analisi dei dati infortunistici e dalla attività di vigilanza dei servizi delle ASL emerge che:
- “una fetta importante del parco macchine esistente risulta non a norma”;
- “spesso le macchine agricole vengono vendute o cedute senza essere messe a norma”.
 
Negli atti si affrontano poi le problematiche della sicurezza delle attrezzature.
Ad esempio si ricorda che una “buona motosega deve possedere i seguenti dispositivi di sicurezza:
- freno sicurezza;
- sicurezza dell’acceleratore;
- interruttore d’arresto;
- silenziatore;
- sistema antivibrante (macchine di ultima generazione);
- catena di sicurezza (ridotta tendenza al rimbalzo, ridotto livello di vibrazioni);
- coprilama." 
 
Gli atti:
- “Nuovi campi d’applicazione del D.L. 81/08 nel settore agricolo”, Massimo Totaro (formato PDF, 5.13 MB);
 
- “Progetto Regionale di controllo della commercializzazione e concessione in uso delle macchine agricole”, Silvio Belloni, Giovanni Cortesi, ASL BG (formato PDF, 7.73 MB);
 
 
- “La figura e il ruolo del Medico Competente nel nuovo Testo Unico”, Mauro D’Anna, PSAL, ASL BG (formato PDF, 41 kB);
 
- “La sorveglianza sanitaria alla luce del nuovo Testo Unico”, Flavia Bigoni, Giovanni Mosconi, Greta Pavesi (formato PDF, 58 kB);
 
- “Sicurezza in zootecnia: la gestione degli animali in allevamento”, Dirigente del DPV – ASL Bergamo (formato PDF, 9.11 MB);
 
- “Comparto manutentori del verde: principali problematiche di sicurezza ed igiene del lavoro osservate ed aspetti di prevenzione da migliorare”, Marco Canesi e Fernando Biffi,  Gruppo Agricoltura Asl Mi 3 (formato PDF, 4.83 MB);
 
 
 
- “Infortuni in Asl Mi3 e pericoli di ribaltamento”, ASL 3 (formato PDF, 5.03 MB);
 
- “Infortuni mortali in agricoltura e manutenzione del verde nel territorio della regione Lombardia”, Marco Canesi e Fernando Biffi,  Gruppo Agricoltura Asl Mi 3 (formato PDF, 49 kB).

 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: