LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

I quesiti sul decreto 81: sugli obblighi negli appalti extraziendali


Un quesito sugli obblighi del committente datore di lavoro nel caso di un appalto di lavori extraziendali e sul concetto della disponibilità giuridica o meno dei luoghi in cui si svolge l’appalto. Risposta a cura di Gerardo Porreca.

Pubblicità

Bari, 30 Lug – Un quesito sugli obblighi del committente datore di lavoro nel caso di un appalto di lavori extraziendali e sul concetto della disponibilità giuridica o meno dei luoghi in cui si svolge l’appalto. Risposta a cura di Gerardo Porreca ( www.porreca.it).
 
Pubblicità

 
Quesito
Un'azienda di telecomunicazioni affida a un’impresa appaltatrice dei  lavori di manutenzione da effettuare su alcune sue antenne installate però in un’area di proprietà di terzi. Quale è in tal caso la corretta applicazione dell’ art. 26 del D. Lgs. n. 81/2008 e quali sono gli obblighi del committente datore di lavoro?
 
Risposta
Il lettore segnala nel quesito il caso di un committente datore di lavoro che appalta dei lavori di manutenzione da effettuarsi su alcuni suoi impianti che, benché dallo stesso gestiti, si trovano comunque in un’area di proprietà di terzi e si chiede se in tal caso, trattandosi di lavori da svolgere al di fuori della propria azienda, trovano comunque applicazione le disposizioni poste a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori  connesse ai contratti d’appalto di cui all’art. 26 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. e, se sì, in quali termini dovendo svolgersi i lavori in aree delle quali il committente non possiede una disponibilità giuridica.
 
(...)
 
 
La risposta completa è disponibile per gli abbonati in area riservata:
 
 
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: paolo corna31/07/2014 (08:49:36)
trovo che l'interpretazione sia da integrare in quanto le disposizioni di cui all'art 26 comma 3 ter prevedono che:

...... in tutti i casi in cui il datore di lavoro non coincide con il committente, il soggetto che affida il contratto redige il documento di valutazione dei rischi da interferenze recante una valutazione ricognitiva dei rischi standard relativi alla tipologia della prestazione che potrebbero potenzialmente derivare dall’esecuzione del contratto. Il soggetto presso il quale deve essere eseguito il contratto, prima dell’inizio dell’esecuzione, integra il predetto documento riferendolo ai rischi specifici da interferenza presenti nei luoghi in cui verrà espletato l’appalto; l’integrazione, sottoscritta per accettazione dall’esecutore, integra gli atti contrattuali.

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: