960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

10 febbraio 2006 - Cat: Privacy
  

BIOMETRIA E PRIVACY: ITALIA E FRANCIA


Alcune iniziative, autorizzate e non, dai rispettivi garanti per la protezione dei dati personali, chiariscono il principio generale cui ci si deve attenere per non ledere la privacy degli utilizzatori. Di Adalberto Biasiotti

Pubblicità
google_ad_client

Le autorità garanti per la protezione dei dati personali, italiana e francese, si tengono sotto stretto controllo, per cercare di assumere un atteggiamento  omogeneo nei confronti delle richieste di installazione di dispositivi biometrici, soprattutto per il controllo degli accessi. 

Il 12 gennaio 2006 l'autorità garante, comitato nazionale  per l'informatica e la libertà, CNIL, ha autorizzato l'installazione di dispositivi di controllo d'accesso ad una mensa scolastica; il dispositivo biometrico prescelto è un riconoscitore della geometria della mano. 

Nella stessa seduta, l'autorità ha rifiutato di autorizzare 4 sistemi di controllo accessi e rilevamento presenze, basati su dispositivi biometrici di riconoscimento dell'impronta digitale. 

Nel secondo caso, l'autorità ha ritenuto che essi non erano giustificati da alcun motivo specifico di sicurezza.  Dal canto suo, l'autorità garante italiana ha recentemente concesso l'installazione del dispositivo biometrico per  il controllo dell'accesso ad un sito ad alto rischio, dove vengono condotte ricerche di grande rilevanza militare. 

Ad oggi, il principio generale cui si deve attenere un titolare di trattamento, che voglia installare un sistema di controllo dell'accesso, a base biometrica, è quello della particolare criticità della specifica installazione e del fatto che altri dispositivi, come ad esempio una tessera di prossimità, anche  codice  numerico  associato, non dà sufficienti garanzie di corretta individuazione di chi richiede l'accesso. 

Per contro, non è stata ancora preso in considerazione il caso in cui il dispositivo di controllo dell'accesso non memorizza alcuna operazione afferente all'ingresso stesso e viene utilizzato, in pratica, come una serratura di alte prestazioni.

 

Di Adalberto Biasiotti

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: