Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le regole vitali per chi lavora sulle linee aeree ad alta tensione

Le regole vitali per chi lavora sulle linee aeree ad alta tensione
10/01/2017: Raccolte da Suva le sei regole vitali per chi lavora sulle linee aeree ad alta tensione. L’elenco delle regole, la prevenzione delle cadute dall’alto, l’organizzazione lavorativa, le emergenze, l’uso di attrezzature e dispositivi di protezione.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Lucerna, 10 Gen – Che la costruzione, demolizione, esercizio e manutenzione delle linee elettriche aeree nascondessero molte insidie per i lavoratori, specialmente in relazione ai rischi di caduta dall’alto, è reso ancor più palese dalla costituzione nel nostro paese di uno specifico gruppo di lavoro ministeriale per favorire la prevenzione degli infortuni.

Gruppo che ha recentemente prodotto, attraverso l’Inail, una serie di “ Indirizzi operativi per la redazione di specifiche procedure per la scalata, l’accesso, lo spostamento, il posizionamento, nonché per il recupero del lavoratore non più autosufficiente: prevenzione del rischio di caduta dall’alto nelle attività non configurabili come lavori sotto tensione su elettrodotti aerei”. Indirizzi che mostrano come uno degli aspetti critici sia relativo anche alle situazioni di emergenza che possono riguardare le persone che rimangono sospese tramite imbracatura.

Pubblicità
MegaItaliaMedia

 

A percepire queste problematiche e la necessità di strategie specifiche di prevenzione è anche, in Svizzera, Suva, l’Istituto elvetico per l'assicurazione e la prevenzione degli infortuni.

L’Istituto ha pubblicato nel 2014 un opuscolo dal titolo “Sei regole vitali per chi lavora sulle linee aeree ad alta tensione” che, al di là delle differenze normative in materia di sicurezza e in materia di elettricità tra Svizzera e Italia, può fornire utili spunti per la riduzione dei rischi.

 

Un opuscolo che parte dal presupposto, come gli altri opuscoli riportanti regole vitali, che “la vita e la salute delle persone hanno la massima priorità”.

E dunque per i lavoratori questo significa che:

- bisogna sempre rispettare le regole di sicurezza. La sicurezza sul lavoro è un lavoro di squadra;

- le istruzioni e i controlli di sicurezza sono parte integrante del lavoro. In caso di dubbio bisogna chiedere spiegazioni;

- se un qualche pericolo minaccia la vita e salute, bisogna dire STOP! In questi casi si ha il diritto e il dovere di sospendere i lavori;

- si deve eliminare subito eventuali carenze o irregolarità. Se questo non è possibile, bisogna avvisare il superiore e mettere in guardia i colleghi. Eliminato il pericolo, si prosegue con i lavori.

 

Riportiamo brevemente l’elenco delle sei regole:

1. Lavoriamo con un incarico chiaro e preciso e sappiamo chi è il responsabile.

2. Sulle linee aeree ad alta tensione non lavoriamo mai da soli.

3. Lavoriamo solo se è visibile la messa a terra.

4. Proteggiamo noi stessi e il materiale dalle cadute dall'alto.

5. Utilizziamo attrezzature potenzialmente pericolose solo se abbiamo ricevuto precise istruzioni in merito.

6. Predisponiamo tutto quanto è necessario per soccorrere è le persone sospese con l'imbracatura

 

Vediamole più nel dettaglio, con le indicazioni per i lavoratori e superiori:

 

Prima regola - Lavoriamo con un incarico chiaro e preciso e sappiamo chi è il responsabile:

Lavoratore: “inizio a lavorare solo se ho capito bene l’incarico e so chi sono i responsabili. In caso di imprevisti (temporale, attrezzature inappropriate, ecc.) sospendo i lavori e avviso il superiore;

Superiore: pianifico i lavori con cura, assegno gli incarichi in modo chiaro e impiego solo personale addestrato. Non tollero le improvvisazioni”.

 

Seconda regola - Sulle linee aeree ad alta tensione non lavoriamo mai da soli:

Lavoratore: “faccio in modo che almeno un collega possa vedermi o sentirmi per dare l’allarme e soccorrermi in caso di emergenza;

Superiore: faccio in modo che i miei dipendenti non lavorino mai da soli e metto a punto un piano per le emergenze”.

 

Terza regola - Lavoriamo solo se è visibile la messa a terra:

Lavoratore: “la messa a terra deve essere sempre visibile dalla posizione in cui mi trovo. In caso contrario, dico STOP;

Superiore: faccio in modo che i dipendenti inizino a lavorare solo se ho ricevuto il ‘via libera’ e se è stata installata la messa a terra”.

 

Quarta regola - Proteggiamo noi stessi e il materiale dalle cadute dall’alto:

Lavoratore: “sui pali dell’alta tensione uso i DPI anticaduta. Porto il casco di protezione e faccio in modo che il materiale non cada;

Superiore: faccio in modo che il mio personale sia addestrato da un formatore autorizzato per i lavori che implicano l’uso dei DPI anticaduta. Mi impegno affinché i lavoratori utilizzino sempre e in base alle situazioni le imbracature anticaduta. Io stesso lo faccio sistematicamente”.

 

Quinta regola - Utilizziamo attrezzature potenzialmente pericolose solo se abbiamo ricevuto precise istruzioni in merito:

Lavoratore: “impiego le attrezzature di lavoro (scale, argani, aghi di montaggio o mezzi per spostarsi sui cavi) solo se sono stato autorizzato e istruito a farlo. Rispetto sempre le regole;

Superiore: mi assicuro che le attrezzature di lavoro siano utilizzate solo da personale addestrato e competente (scale, argani, aghi di montaggio o mezzi per spostarsi sui cavi). Verifico se si rispettano le regole”.

 

Sesta regola - Predisponiamo tutto quanto è necessario per soccorrere le persone sospese con l’imbracatura:

Lavoratore: “so come comportarmi in caso di emergenza (dare l’allarme, ecc.) e so usare correttamente i mezzi di soccorso;

Superiore: faccio in modo che sia sempre garantito il salvataggio in tempi rapidi. Stabilisco il piano di emergenza in base al luogo di lavoro e lo metto per iscritto. Faccio in modo che i dipendenti si esercitino periodicamente con i mezzi di soccorso”.

 

Concludiamo rimandando alla lettura integrale dell’opuscolo Suva, del recente documento Inail relativo alla prevenzione del rischio di caduta dall’alto nelle attività non configurabili come lavori sotto tensione su elettrodotti aerei e dei vari articoli di PuntoSicuro dedicati ai lavori in quota.

 

 

Suva, “ Sei regole vitali per chi lavora sulle linee aeree ad alta tensione”, edizione ottobre 2014 (formato PDF, 1.71 MB).

 

Leggi gli altri articoli di PuntoSicuro sul rischio cadute e sui lavori in quota

 

 

N.B.: Ricordiamo che i riferimenti legislativi contenuti nei documenti di Suva riguardano la realtà elvetica. Tuttavia molti suggerimenti indicati rimangono di utilità per tutti i lavoratori tenendo conto, tuttavia, delle differenze nella distribuzione di energia tra Svizzera e Italia.

 

 

 

RTM



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!