Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità
 
Trento, 13 Dic - Durante i lavori di sostituzione del manto di copertura di un edificio, la ditta esecutrice delle opere ha posizionato i parapetti di protezione solo in prossimità delle gronde del tetto, lasciando completamente scoperti gli altri lati della struttura.
 
Gli operai che stavano eseguendo l’attività in quota (tramite un’autogru venivano portate sul tetto le nuove tegole e riportate a terra quelle rimosse) erano – parzialmente - dotati di dpi anticaduta, ovvero indossavano l’imbrago, ma esso non era agganciato a qualsivoglia dispositivo di trattenuta.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
Numerosi i punti dai quali – per uno scivolamento, un capogiro, uno spostamento scorretto, un movimento sbagliato – era possibile cadere nel vuoto.
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
 
In generale vogliamo ricordare che i sistemi collettivi di protezione dei bordi devono possedere requisiti dimensionali e caratteristiche di resistenza adeguate per tener conto delle caratteristiche della superficie di lavoro, delle azioni trasmesse dai lavoratori in caso di appoggio, caduta, scivolamento, rotolamento o urto contro gli stessi, delle caratteristiche costruttive e di resistenza dei materiali (legno, calcestruzzo, acciaio) costituenti la struttura di ancoraggio e delle azioni del vento.
In caso di superfici di lavoro in pendenza con conseguente rischio per i lavoratori di caduta, scivolamento, rotolamento o urto contro la protezione, i parapetti provvisori dovranno essere in grado sia di arrestare la caduta che di assorbire l’energia trasmessa dall’urto, in modo da ridurre le azioni dinamiche esercitate sul corpo del lavoratore e ridurre e/o eliminare il rischio da infortunio. È fondamentale quindi che i componenti dei parapetti provvisori siano correttamente posizionati, ed, eventualmente adeguatamente rivestiti.  [cfr. Linea guida per la scelta, l’uso e la manutenzione dei sistemi collettivi di protezione dei bordi - Luigi Cortis Luca Rossi – Linea Guida ISPESL ]
 
 
In merito vogliamo richiamare anche l’articolo di PUNTOSICURO: Lavori sui tetti: i sistemi collettivi di protezione dei bordi.
 
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 
 
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!