Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
  

Rischio CEM: valutazione dei rischi e dispositivi di protezione

Rischio CEM: valutazione dei rischi e dispositivi di protezione
11/01/2018: Come comportarsi una volta conclusa la valutazione del rischio da esposizione a campi elettromagnetici? Esistono dispositivi di protezione individuale per proteggere il lavoratore esposto ai campi elettromagnetici?
Pubblicità
CAMPI ELETTROMAGNETICI - Rischi specifici per la sicurezza sul lavoro
Rischio: CAMPI ELETTROMAGNETICI - La valutazione di tutti i rischi specifici in un unico software interfacciabile

 

 

Pubblichiamo alcune risposte a quesiti, presenti nel sito del Portale Agenti Fisici (PAF), sul tema del rischio da esposizione a campi elettromagnetici (CEM). Come comportarsi una volta conclusa la valutazione del rischio? Esistono dispositivi di protezione individuale per proteggere il lavoratore esposto a campi elettromagnetici?

 

 

Come comportarsi all’esito della valutazione?

Qualora sia necessario ricorrere a misure organizzative per gestire i rischi derivanti da campi elettromagnetici, queste dovrebbero essere documentate nella valutazione dei rischi affinché tutti sappiano come occorre procedere, e siano formati sulle procedure specifiche da adottarsi nell’impiego delle sorgenti CEM e nell’accesso alle aree ove sono impiegati tali apparati. È necessario includere:

 

- la descrizione di tutte le aree oggetto di restrizioni particolari all’accesso o allo svolgimento di una determinata attività;

- informazioni dettagliate relative alle condizioni di accesso ad un’area o per lo svolgimento di una determinata attività;

- i requisiti specifici di formazione per i lavoratori (per esempio la formazione richiesta per superare temporaneamente il VA inferiore);

- i nominativi di coloro che sono autorizzati ad accedere alle aree, e che dovranno pertanto essere considerati professionalmente esposti a CEM;

- i nominativi dei membri del personale responsabili della supervisione del lavoro o dell’attuazione delle restrizioni di accesso;

- l’identificazione dei gruppi specificamente esclusi dalle aree, per esempio i lavoratori particolarmente sensibili al rischio CEM; (vedi art. 210 bis)

- i particolari relativi alle disposizioni di emergenza, se del caso.

 

Copie delle procedure scritte devono essere consultabili nelle aree cui si riferiscono, e devono essere distribuite a tutte le persone potenzialmente interessate, ed illustrate nel corso dell’attività di formazione.

 

 

Esistono DPI per i CEM?

In base ai principi di prevenzione sanciti nel D.lgvo 81/08  la protezione collettiva dovrebbe sempre avere la priorità̀ rispetto alle misure di protezione individuale. Talvolta tuttavia misure tecniche od organizzative che consentano un’adeguata protezione collettiva potrebbero non essere attuabili. In questi rari casi può̀ essere necessario ricorrere a dispositivi di protezione individuale.

 

È relativamente semplice schermare i campi elettrici, ma è difficile ottenere una protezione efficace dai campi magnetici. Di conseguenza il ricorso alla protezione individuale per offrire protezione dai campi elettromagnetici non è facilmente praticabile. L’efficienza della protezione individuale dipende dalla frequenza del campo, e pertanto i dispositivi di protezione adatti per una gamma di frequenza difficilmente sono adatti per altre gamme.

 

La scelta dei DPI adeguati dipenderà̀ dalla situazione specifica e dal tipo di rischi che si vogliono evitare. In funzione delle situazioni, calzature, stivali o guanti isolanti o anti-elettricità statica possono essere efficaci nella riduzione dei rischi. Se sono necessarie calzature isolanti, di norma basteranno stivali da lavoro resistenti oppure scarpe con pesanti suole di gomma. Qualora la valutazione riveli che questo tipo di calzature non sono adeguate, potrebbe essere necessario reperire un fornitore di dispositivi di sicurezza più̀ specializzato.

 

Esistono DPI oculari per proteggere gli occhi dai campi ad alta frequenza.  In alcune situazioni potrebbe essere necessario l’utilizzo di tute protettive integrali, ma è opportuno ricordare che queste possono comportare nuovi rischi, impedendo i movimenti o impedendo la dispersione di calore per coloro che le indossano.

 

I dispositivi di protezione individuale devono essere sottoposti a manutenzione e ispezione adeguate per garantire che siano sempre idonei all’impiego previsto.

 

È opportuno accertare che i dispositivi di protezione individuale indossati per altri rischi siano compatibili con la presenza di forti campi elettromagnetici. Per esempio stivali di sicurezza con puntali in acciaio potrebbero non essere adatti in un ambiente con forti campi magnetici statici, e i campi magnetici a bassa frequenza, se sufficientemente forti, potrebbero riscaldare il rinforzo in acciaio. Alcune tute protettive hanno delle componenti elettroniche che possono essere soggette a interferenze in forti campi elettromagnetici. Problemi simili si riscontrano con gli otoprotettori attivi.

 

 

Fonte: PAF, FAQ 9PAF, FAQ 14



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!

Ti potrebbero interessare anche


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: