Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Fibre artificiali vetrose e sicurezza sul lavoro

Redazione
 Redazione
 Luoghi di lavoro
21/09/2007: Disponibili on line gli atti di un convegno relativo alla esposizione a queste sostanze e alle misure di prevenzione. I risultati di uno studio nazionale.
Pubblicità

Dopo la messa al bando dell’amianto dagli ambienti di vita e di lavoro, le fibre artificiali vetrose (MMVF) costituiscono spesso il materiale “alternativo” individuato per ottenere quell’azione di resistenza, isolamento e coibenza termica, oltre che acustica, che si ricavava impiegando prodotti a base di amianto.

 
---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





L’uso di questi materiali alternativi richiede tuttavia una adeguata attenzione alle questioni relative alla salute dei lavoratori esposti professionalmente, a breve e a lungo termine.
 
Studi e ricerche in questo campo sono stati condotti negli ultimi anni dal Gruppo Interregionale Fibre, istituito dal Coordinamento Tecnico Interregionale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro.
 
Le conclusioni del lavoro svolto sono state illustrate nel corso del convegno “Le fibre artificiali vetrose: classificazione, esposizione, danni per la salute e misure di prevenzione. Risultati di uno studio nazionale.”
Dell’evento, svoltosi nell’aprile 2007, sono state ora rese disponibili on line le relazioni.
 
Tra gli argomenti trattati vi sono: revisione e analisi dei dati disponibili, livelli pregressi e attuali di esposizione, effetti sulla salute e sorveglianza sanitaria, linee guida di prevenzione, ricerche, sperimentazioni, confronto tra metodi di campionamento ed analisi.

Le relazioni presentate nel corso del convegno sono consultabili qui:
 
La locandina del convegno
 
Bice Fubini - Dalle fibre minerali alle nanoparticelle: quali caratteristiche chimico-fisiche determinano la patogenicità delle polveri inalate.
 
 
 
 
 
 
 
A. Bergamaschi – Relazione
 
Giovanni Battista Bartolucci - Relazione
 
 
 
M. Vaccai - Relazione


 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!