Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Combattere l’alcol sul luogo di lavoro

Redazione
 Redazione
 Luoghi di lavoro
20/10/2004: Suggerimenti per ridurre il rischio infortuni derivante da alcolici e droghe.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità

L’abuso di alcol nel posto di lavoro o alla pausa del pranzo è un problema difficile da eliminare.
Ne è la riprova il fatto che un opuscolo sull’argomento, pubblicato per la prima volta 11 anni or sono, sia periodicamente aggiornato e diffuso per sensibilizzare e informare sul tema lavoratori e datori di lavoro.

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----







Le abitudini consolidate, la fallace convinzione di “reggere bene l’alcol”, portano talvolta i lavoratori a sottovalutare i pericoli, non consapevoli che chi beve alcol provoca tre volte più infortuni sul lavoro rispetto al collega sobrio. Sotto l’effetto dell’alcol, infatti, diminuisce la capacità di concentrazione, tutte le reazioni rallentano, la capacità visiva diminuisce e si tende a sopravvalutare le proprie capacità.

Per contribuire a diffondere informazione sull’argomento può essere di supporto il breve opuscolo pubblicato dal Suva, istituto svizzero di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, aggiornato al settembre 2004.
I riferimenti legislativi riportati riguardano la realtà svizzera, i suggerimenti illustrati sono comunque utili per aumentare la consapevolezza dei rischi.
Ad esempio, sfatando false credenze, la pubblicazione sottolinea che l’eliminazione dell’alcol richiede più o meno lo stesso tempo in tutte le persone.

L’opuscolo è consultabile qui.

 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!